Quanti soldi servono all'Ucraina?

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha chiesto agli alleati occidentali di accelerare il lavoro sui beni congelati della Banca centrale russa.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha chiesto agli alleati occidentali di accelerare il lavoro sui beni congelati della Banca centrale russa. Diritti d'autore Evgeniy Maloletka/Copyright 2020 The AP. All rights reserved
Di Jorge Liboreiro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'Ucraina è alle prese con un grosso deficit finanziario a causa dell'invasione russa: solo l'assistenza dei Paesi occidentali può aiutare il Paese a resistere

PUBBLICITÀ

Il governo di Kiev ha destinato metà delle spese per il 2024 al settore della difesa: in tutto 82 miliardi di euro. Lo sforzo bellico, sommato alla diminuzione delle entrate fiscale per un'economia martoriata, ha svuotato le finanze nazionali. Il Paese è dunque intrinsecamente dipendente dall'assistenza finanziaria di donatori stranieri, soprattutto Unione Europea, Stati Uniti e altri Stati del G7.

Gli aiuti occidentali mantengono in piedi l'Ucraina

Il ministero delle Finanze ucraino stima che il Paese avrà bisogno di 37,3 miliardi di dollari, pari a 34,45 miliardi di euro, in contributi esterni per tutto il 2024, in leggero calo rispetto all'importo ricevuto nel 2023. Soldi destinati a coprire gran parte del deficit previsto, di 39 miliardi di euro.

In una dichiarazione a Euronews, il ministero dice di aspettarsi 12,5 miliardi di euro dall'Ue quest'anno come parte di un fondo speciale quadriennale da 50 miliardi di euro, mentre gli Stati Uniti hanno promesso 11,8 miliardi di dollari in assistenza finanziaria.

Kiev conta anche sull'approvazione di oltre cinque miliardi di euro di prestiti da parte del Fondo Monetario Internazionale. Il resto dovrebbe arrivare dagli altri alleati occidentali, in particolare Regno Unito, Norvegia, Canada e Giappone.

Le iniezioni di denaro serviranno a finanziare l'istruzione, l'assistenza sanitaria, la protezione sociale e le pensioni di vecchiaia, nonché l'assistenza agli sfollati interni e ai cittadini vulnerabili. In altre parole, nel 2024 saranno i fondi dei Paesi occidentali a mantenere in piedi i servizi statali.

Ma oggi l'Unione europea che gli Stati Uniti si trovano in una situazione di stallo politico per cui non sono in grado di inviare denaro all'Ucraina.

A Washington, la proposta del presidente Joe Biden è bloccata al Congresso, dove i repubblicani chiedono concessioni legate all'immigrazione e al controllo delle frontiere in cambio del via libera a nuovi fondi per l'Ucraina.

A Bruxelles, il fondo da 50 miliardi di euro è bloccato dal primo ministro ungherese Viktor Orbán, che suscita frustrazione conrichieste diifficili da accettare per le istituzioni e un atteggiamento inflessibile. Il veto di Orbán sarà in cima all'ordine del giorno di un Consiglio europeo straordinario previsto l'uno febbraio. 

Lo stallo simultaneo ha costretto il governo di Kiev ad adottare misure provvisorie per evitare il collasso dei servizi essenziali. Ma il ministero delle Finanze avverte che questa soluzione temporanea non può essere estesa all'infinito.

"Tuttii nostri partner condividono il senso di urgenza e comprendono chiaramente la necessità di ulteriori finanziamenti esterni stabili e prevedibili, per preservare la stabilità macrofinanziaria e sostenere i progressi ottenuti nel 2023", ha dichiarato a Euronews un portavoce del ministero. "Contiamo che l'Ue approvi il suo fondo per l'Ucraina all'inizio di febbraio".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come sarà il nuovo bilancio dell'Unione europea

Ue, accordo al Consiglio europeo sul fondo da 50 miliardi di euro per l'Ucraina

Ucraina, appello delle Nazioni Unite: "Servono 3,8 miliardi per gli aiuti umanitari"