EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Acquisti Ue di GNL russo cresciuti del 40% rispetto al 2021, secondo gli ultimi dati

La guerra di Vladimir Putin contro l'Ucraina è fondamentalmente sostenuta dalle vendite internazionali di combustibili fossili russi.
La guerra di Vladimir Putin contro l'Ucraina è fondamentalmente sostenuta dalle vendite internazionali di combustibili fossili russi. Diritti d'autore Konstantin Zavrazhin/Sputnik
Diritti d'autore Konstantin Zavrazhin/Sputnik
Di Jorge Liboreiro
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

L'Unione europea ha promesso di tagliare drasticamente le importazioni di gas da Mosca a causa dell'invasione dell'Ucraina, ma i dati mostrano che gli acquisti dell'Ue di gas naturale liquefatto (GNL) di produzione russa sono aumentati.

PUBBLICITÀ

Secondo i nuovi risultati pubblicati da Global Witness, una ONG ambientalista, l'Unione europea ha acquistato 21,6 milioni di metri cubi (mcm) di GNL russo tra gennaio e luglio di quest'anno, un piccolo aumento rispetto allo stesso periodo del 2022, quando le importazioni hanno totalizzato i 21,3 mcm.

Ma se si misura il dato del 2023 rispetto allo stesso periodo del 2021, prima della decisione del Cremlino di muovere guerra all'Ucraina, si vede una crescita del 39,5%, una percentuale imbarazzante per un'Unione europea che ha condannato con forza l'invasione russa come il tentativo illegale, brutale e spietato di sottomettere l'indipendenza dell'Ucraina.

A complicare le cose, tra i cinque maggiori clienti del GNL russo nei primi sette mesi dell'anno si trovano tre Stati membri: la Cina è in testa con 8,7 milioni di metri cubi di acquisti, seguita da Spagna (7,5 milioni di metri cubi), Belgio (7,1 milioni di metri cubi), Giappone (7 milioni di metri cubi) e Francia (4,5 milioni di metri cubi).

In quanto Paesi costieri, Spagna, Belgio e Francia sono diventate destinazioni molto frequentate dalle navi trasportatrici di GNL, che devono scaricare le loro forniture in sofisticati terminali dove il liquido raffreddato viene ritrasformato in forma gassosa e inviato alle centrali elettriche.

Anche Paesi Bassi, Grecia, Portogallo, Finlandia, Italia e Svezia sono stati indicati da Global Witness come attuali consumatori di GNL russo. I numeri si basano sui dati di spedizione ottenuti da Kpler, una società di analisi.

Nel complesso, si stima che l'Ue abbia acquistato il 52% di tutte le esportazioni di GNL russo tra gennaio e luglio, una quota di mercato che supera il 49% del 2022 e il 39% del 2021.

L'acquisto di quest'anno è valso 5,29 miliardi di euro, secondo Global Witness: un importo che mette in discussione gli sforzi dell'Ue di indebolire il forziere di guerra del Cremlino, che è fondamentalmente sostenuto dalle vendite internazionali di combustibili fossili.

Dall'inizio della guerra, l'Ue ha vietato le importazioni di carbone e di petrolio russo, ma ha risparmiato quelle di gas russo. Mentre i flussi di gasdotti sono stati drasticamente ridotti dai piani nazionali e dalle ritorsioni di Vladimir Putin, le cisterne di GNL russo sembrano essere accolte calorosamente nei porti europei.

"L'acquisto di gas russo ha lo stesso impatto dell'acquisto di petrolio russo. Entrambi finanziano la guerra in Ucraina e ogni euro significa più spargimento di sangue. Da un lato i Paesi europei condannano la guerra e mettono soldi nelle tasche di Putin, dall'altro", ha dichiarato Jonathan Noronha-Gant, responsabile delle campagne sui combustibili fossili di Global Witness.

Idati di Eurostat mostrano uno schema simile: nel primo trimestre del 2023, la Russia era il secondo fornitore di GNL dell'Ue, dietro solo agli Stati Uniti e davanti a Qatar, Algeria, Norvegia e Nigeria.

Idati di mercato analizzati da Bruegel, un think tank economico con sede a Bruxelles, non mostrano variazioni considerevoli nei flussi di GNL russo, nonostante le molteplici sanzioni e le crescenti prove di possibili crimini di guerra commessi in Ucraina: l'Ue ha acquistato 1,99 mcm di GNL russo nel marzo 2022, il primo mese dell'invasione, e 1,59 mcm nel luglio 2023, l'ultimo mese registrato.

La Commissione europea non ha risposto a una richiesta di commento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, la denuncia di esperti e attivisti: i nuovi testi scolastici distorcono la storia recente

La Germania inaugura un nuovo terminale GNL nel Baltico

Difesa: esercitazioni Nato nel Mar Baltico, la prima volta della Svezia da membro a pieno titolo