EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Generazione rubata, i bambini ucraini deportati in Russia affrontano un futuro incerto

Children look out from a bus before leaving for a train station at a refugee camp set up by the Russian Emergencies Ministry about 10km from the Russia-Ukrainian border.
Children look out from a bus before leaving for a train station at a refugee camp set up by the Russian Emergencies Ministry about 10km from the Russia-Ukrainian border. Diritti d'autore Pavel Golovkin/AP
Diritti d'autore Pavel Golovkin/AP
Di Lily Radziemski
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Migliaia di bambini ucraini sono costretti a entrare in un sistema progettato per trasformarli in russi

PUBBLICITÀ

Migliaia di bambini ucraini sono costretti a entrare in un sistema progettato per trasformarli in russi, un processo che Mosca sembra aver avviato a grande velocità poco dopo aver lanciato la sua invasione su vasta scala lo scorso anno.

La Russia ha utilizzato varie tattiche per spostare i bambini ucraini nel territorio sotto il suo controllo.

I bambini che vivono in strutture istituzionalizzate vengono deportati con il pretesto dell'evacuazione, mentre altri vengono separati dalle loro famiglie nei campi di filtraggio. 

In molti casi, le famiglie mandano i propri figli nei campi dei territori occupati per rifugiarli dalla guerra, poi le comunicazioni si interrompono e loro scompaiono.

L'intelligenza artificiale viene impiegata per trovare i bambini e le strutture che li detengono, le hotline collegano i rapporti alla Polizia e i membri della famiglia sono entrati in Russia per riportare fisicamente i bambini.

Ma la maggior parte dei bambini finisce nei "campi di rieducazione", adottati illegalmente da famiglie russe, o peggio ancora perduti.

La deportazione forzata e la naturalizzazione dei bambini ucraini da parte della Russia è stata descritta come un crimine di guerra dagli investigatori delle Nazioni Unite e ha spinto la Corte penale internazionale a emettere mandati di arresto (la scorsa settimana) contro il presidente Vladimir Putin e Maria Lvova-Belova, commissaria russa per i diritti dei bambini.

Un regista che induce

Lyudmila Motychak è una mamma che ha attraversato il territorio occupato per trovare suo figlio.

A novembre, è salita su un traghetto per la Crimea occupata dai russi, passando da Kherson per riportare indietro la figlia Anastasia, 15 anni. 

Un mese prima, il direttore scolastico di Anastasia l'aveva convinta a mandare sua figlia in una sorta di centro benessere in Crimea, dove avrebbe potuto riposarsi e rifugiarsi dalla guerra. 

Era scettica, ma "il regista è stato molto convincente" e lei alla fine ha acconsentito, dopo aver visto altri studenti andare e tornare sani e salvi: purtroppo, le cose non sono andate come previsto.

"In primo luogo, hanno detto che gli studenti non sarebbero rimasti più di due settimane - ha detto ad Euronews - poi hanno iniziato a rimandare la data, dicendo di non preoccuparsi, che sarebbero tornati alla fine di ottobre, poi novembre, poi oltre".

Il "regista" le ha poi detto che avrebbe dovuto andare a prendere Anastasia personalmente: poco dopo che le Forze ucraine hanno ripreso Kherson, tutti i contatti tra la madre e il regista sono stati interrotti. 

Si pensa chiaramente che lui stesse lavorando con la Russia e sia fuggito quando il controllo è passato di mano: la donna, spaventata, è rimasta in contatto con Anastasia tramite Telegram.

Ha contattato varie organizzazioni per chiedere aiuto: nel frattempo, Anastasia era stata trasferita in un ospedale dopo aver contratto la varicella che la madre pensa l'abbia salvata dall'essere inviata in Russia. 

Alla fine, madre e figlia si sono riunite: "Crediamo che i bambini debbano essere fisicamente accompagnati da qualcuno che abbia il permesso di prenderli", ha detto al telefono Laura Mills, ricercatrice di Amnesty International.

Viaggiare per migliaia di chilometri, giungendo in quello che viene percepito come territorio nemico, è pericoloso, costoso e rischioso, ma il primo ostacolo spesso è sapere dove cercare.

"L'onere della ricerca non dovrebbe ricadere sui tutori in Ucraina per organizzare l'intero viaggio da soli - ha continuato Mills - non devono trovare i bambini da soli".

PUBBLICITÀ

Cambio nome, nuovi passaporti, adozioni illegali

116000 hotline, l'ONG Magnolia, Save Ukraine, il portale web Children of War e altri stanno collaborando con le autorità locali per denunciare e rintracciare i bambini scomparsi, ma ci sono limitazioni a ciò che possono realizzare dall'esterno.

"Spesso è attraverso volontari o altre persone che sanno dove si trova questa persona scomparsa e poi li aiutano a mettersi in contatto - ha spiegato Mills - non è organizzato dallo Stato russo o dai Servizi di protezione dell'infanzia.

Idealmente, dovrebbe esserci un contatto tra governi in cui si elencano tutti i bambini che sono entrati in Russia durante un certo periodo e si danno a tutti le informazioni, ma quel tipo di scambio di informazioni non sta avvenendo".

La Russia sta inquadrando le adozioni come atti di benevolenza e rilasciando video di bambini ucraini nei campi di rieducazione attraverso i social: i bambini vengono spesso mostrati mentre cantano l'inno nazionale russo o ne portano la bandiera.

"Cambi di nome, nuovi passaporti, adozioni illegali è quanto commercializzano e usano davvero come propaganda, dicendo che stanno salvando questi bambini e dando loro una vita in Russia", afferma Aagje Ieven, segretario generale dei bambini scomparsi Europa.

PUBBLICITÀ

Un sistema logistico con elementi militarizzati

Ironia della sorte, la propaganda che la Russia diffonde viene utilizzata per mappare dove si trovano questi bambini.

La Yale University e il programma Conflict Observatory del Dipartimento di Stato americano hanno pubblicato un ampio rapporto, attingendo in gran parte a materiale open source come post sui social media, fotografie e pubblicazioni rilasciate dagli stessi funzionari del governo russo.

"Abbiamo tradotto tutto ciò che i funzionari locali dicevano sui loro trasferimenti, lo stavano facendo pubblicamente", ha detto al telefono Nathaniel Raymond, direttore esecutivo dello Yale Humanitarian Research Lab.

La ricerca ha individuato 43 centri che si estendono fino alla Siberia e a Magadan: "Pensiamo che il numero di strutture sia significativamente superiore a 43, questo è un sistema logistico complesso che ha qualche elemento militarizzato - ha aggiunto Raymond - è disperso, diversificato ed estremamente vasto nella sua portata geografica".

Piani per trasformare i bambini ucraini in bambini russi

Normalmente, c'è una moratoria sulle adozioni in tempo di guerra per rintracciare e ricongiungere i membri della famiglia.

PUBBLICITÀ

Ma i cosiddetti campi di rieducazione hanno iniziato a sorgere nel 2014, in seguito all'annessione della penisola di Crimea da parte della Russia, una mossa ritenuta illegale dalla comunità internazionale.

Poi, la scorsa primavera, il Paese ha allentato le sue regole sull'adozione e sulla nazionalità per rendere più facile per i cittadini russi adottare bambini ucraini senza cure parentali e dare loro la cittadinanza.

Missing Children Europe ha anche notato che i programmi scolastici nei territori occupati si stavano "russizzando": "Tutte queste cose hanno iniziato a indicare piani per trasformare i bambini ucraini in bambini russi", ha detto Ieven.

Le adozioni forzate rischiano di ostacolare la possibilità di tornare in Ucraina, sia ora che a lungo termine.

"Saranno privati della loro identità nazionale e questa è chiaramente una violazione del Diritto internazionale - ha detto Mills - i progetti di legge sull'adozione sono approvati solo dalla parte russa per facilitare la cittadinanza e l'adozione nelle famiglie russe, c'è un rischio enorme che i bambini scompaiano senza lasciare traccia nella società russa".

PUBBLICITÀ

L'impatto potrebbe essere permanente: "È un modo per rubare una generazione - ha detto Ieven - se non puoi conquistarli, li rendi russi".

L'intervista a Lyudmila e Anastasia Motychak è stata tradotta da Salvatore Del Gaudio, professore di Filologia e Linguistica slava all'Università di Salerno, su Zoom.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina: attacco russo con droni, morti e feriti nella regione di Kyiv

Ucraina: la Cina cerca un ruolo di pacificatore nella guerra

In Armenia la crisi dei rifugiati rischia di provocare una crisi politica