EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'Unione europea studia un nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto che l'industria russa è in ginocchio a causa delle sanzioni
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha detto che l'industria russa è in ginocchio a causa delle sanzioni Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Efrem Lukatsky/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Shona Murray
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nella serie di misure dovrebbero essere compresi altri limiti all'esportazione di tecnologie avanzate, mentre resta in dubbio l'inclusione dei prodotti energetici

PUBBLICITÀ

L'Unione europea ha in cantiere un nuovo pacchetto di sanzioni, il settimo, contro la Russia, dopo l'annuncio del sostegno di Mosca ai referendum nei territori occupati in Ucraina. È probabile che le nuove misure riguardino settori specifici come l'aviazione o le esportazioni di tecnologie importanti per l'industria russa. 

"Industria a pezzi"

Parlando all'Università di Princeton, negli Stati Uniti, intanto, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha sottolineato l'impatto delle sanzioni già in atto contro la Russia.

"Il settore finanziario in Russia è tenuto in vita artificialmente. L'industria è a pezzi. Le forze armate sono un esempio molto interessante perché al momento fanno molta fatica a reintegrare ciò che gli serve, perché mancano le tecnologie aggiornate, che arrivano dall'Europa e ovviamente ora non vengono più consegnate perché c'è il divieto all'esportazione".

Von der Leyen è entrata poi nello specifico dei problemi delle filiere russe: "Mancano i pezzi di ricambio, quindi ora i russi stanno smantellando i loro frigoriferi e lavastoviglie per ottenere semiconduttori da usare in ambito militare. Fondamentalmente il Cremlino ha condannato l'economia russa al baratro".

Gas: sanzioni no, price cap forse

Dal nuovo pacchetto, tuttavia, sarà molto probabilmente esclusa l'energia, come ha spiegato la commissaria europea Kadri Simson. Al contrario, resta sul tavolo l'idea di imporre un tetto al prezzo del gas russo, anche se su questo punto le posizioni degli Stati membri continuano a divergere.

"L'energia è già entrata in diversi pacchetti di sanzioni. Personalmente credo anche che sia necessario introdurre un tetto massimo al prezzo per il gas russo perché non abbiamo ancora imposto sanzioni sul gas. Non è giusto che la Russia, che sta alterando le forniture, riesca a rientrare grazie a prezzi più elevati, delle perdite che avrebbe a causa della riduzione dei flussi. In questo modo stanno ottenendo il risultato che volevano", ha detto Simson.

All'Assemblea generale delle Nazioni Unite, intanto, l'Alto rappresentante europeo per gli Affari Esteri Josep Borrell ha accusato la Russia di trascinare il resto del mondo in recessione e causare una crisi alimentare globale

Oltre alle sanzioni, ha promesso che l'Unione sosterrà la proposta di portare il regime russo davanti alla Corte penale internazionale perché risponda delle atrocità commesse.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina: tra falsi referendum, perdite di gas e aumenti dei prezzi

Dentro o fuori? Il dilemma europeo sui profughi russi

Spagna: Pedro Sánchez proporrà il riconoscimento dello Stato palestinese al Parlamento