L'Ue e la Costa d'Avorio collaborano per produrre cacao sostenibile

L'Ue e la Costa d'Avorio collaborano per produrre cacao sostenibile
Diritti d'autore euronews
Di Cyril Fourneris
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel 2025 Bruxelles introdurrà nuove norme per combattere la deforestazione: Euronews è stata in Costa d'Avorio per incontrare gli uomini e le donne che incoraggiano una produzione di cacao responsabile e sostenibile

Gli europei amano il cioccolato. Ma possono mangiarlo con la coscienza pulita? Il pianeta ha perso quasi la metà delle sue foreste, in parte a causa del nostro modo di consumare. A partire dal 2025 un nuovo regolamento dell'Unione europea, l'Eudr, vieterà la vendita di qualsiasi prodotto derivato dalla deforestazione. In attesa che entri in vigore, siamo andati in Costa d'Avorio, il principale produttore di cacao al mondo.

Questo paese in rapida crescita è uno dei principali partner di Bruxelles nel garantire la tracciabilità del cacao, che rappresenta oltre un decimo del pil. Negli ultimi cinquant'anni il 90% delle foreste di questa zona è scomparso. E quel poco che rimane è minacciato dalle piantagioni di cacao.

In risposta, la foresta di Mabi-Yaya è stata recentemente dichiarata riserva naturale. Sono stati schierati dei paramilitari per proteggerla. Uno degli obiettivi dell'Unione europea è garantire che il cacao piantato in queste aree protette non raggiunga mai l'Europa. Ma come esserne sicuri?

Assicurare la tracciabilità del cacao

Aziende come Cayat, pioniere della tracciabilità, si affidano alle cooperative. Avendo un marchio ecologico, vende il suo cacao a un prezzo più alto e investe nel monitoraggio dei suoi 3.300 membri. Le informazioni vengono inserite in alcuni sigilli attaccati ai sacchetti durante le operazioni di peso.

"Scannerizzando il codice sul sigillo è possibile sapere da dove proviene il cacao e da quale produttore - dice Robert Yao Nguettia, segretario di Cayat -. È tracciabile, sappiamo da dove proviene. Sappiamo che non si tratta di cacao proveniente da aree disboscate o protette. Il cacao è sicuro e questo ci permette di avere più clienti".

La cooperativa sostiene anche i suoi produttori: alcuni istruttori gli insegnano le buone pratiche agricole. "Quando la pianta inizia a invecchiare, la sostituiamo con una nuova in modo da non avanzare nella foresta - dice uno degli istruttori -. Questo è il nostro piano per incoraggiare i produttori a non disboscare".

I coltivatori di cacao ne traggono vantaggio: ricevono un bonus ambientale e hanno rese migliori. "Prima producevo non più di 500-600 kg - dice uno di loro -. Ora posso arrivare a 1-1,2 tonnellate".

"In precedenza i coltivatori pensavano di poter guadagnare denaro con una coltivazione estensiva - dice Nguettia -. Ma in realtà non riuscivano a prendersi cura di aree così grandi. Per combattere la deforestazione dobbiamo fare in modo che le persone producano molto in un'area piccola".

L'obiettivo della Costa d'Avorio è quello di creare un sistema nazionale di tracciabilità. Ad Abidjan, nella sede del Conseil Café Cacao, è stato avviato un grande progetto molto prima dell'annuncio del regolamento europeo. L'obiettivo è geolocalizzare ogni appezzamento di terreno, stimarne la capacità e digitalizzare i pagamenti. L'organizzazione sta per distribuire carte elettroniche al milione di produttori del paese.

"Chi non ha una carta non potrà più vendere il proprio cacao - dice Yves Brahima Koné, direttore generale del Conseil Café Cacao -. Sarà possibile vedere chiaramente che è stato un determinato agricoltore a produrlo in un determinato luogo. Se rendiamo il cacao tracciabile, il mercato deve accettarlo. Dandogli una carta, possiamo pagare un premio agli agricoltori della Costa d'Avorio. Questo è un cacao premium e deve essere pagato come tale".

La Costa d'Avorio ha anche realizzato una mappa dell'uso del suolo che dovrebbe consentire agli esportatori di dimostrare che il cacao non proviene da un'area disboscata. Un'iniziativa sostenuta dall'Unione europea, da cui parte più della metà dei semi esportati dalla Costa d'Avorio.

"La Costa d'Avorio è pienamente consapevole delle sfide - dice Francesca Di Mauro, ambasciatrice dell'Unione europea in Costa d'Avorio - ma si sta preparando con una serie di strumenti per affrontarle ed essere pronta, e per continuare a esportare il suo cacao verso l'Unione europea, che vuole il cacao della Costa d'Avorio".

Le aziende europee dovranno adattarsi

Anche gli europei si stanno preparando. A partire dal 2025 le aziende che non si adegueranno rischieranno multe pesanti. E addirittura di vedere i loro prodotti banditi dal mercato comune. I Paesi Bassi sono il più grande importatore di cacao al mondo. Tony's Chocolonely è un produttore di cioccolato che ha fatto della sostenibilità e della tracciabilità una priorità fin dall'inizio.

L'azienda dimostra che la produzione di massa e il commercio equo e solidale possono andare di pari passo: Tony's paga il cacao il 50% in più rispetto al prezzo di mercato. È un cliente della cooperativa che abbiamo visitato ad Adzopé. L'azienda sostiene di essere già conforme all'Eudr.

"Accogliamo con grande favore il regolamento Eudr perché fa crescere le aspettative del settore - dice Katie Sims, responsabile della strategia cooperativa per Tony's Chocolonely -. Una volta che sai chi sono i tuoi agricoltori e dove si trovano, puoi iniziare a lavorare con le cooperative e le famiglie di agricoltori per trovare soluzioni. E puoi farlo a lungo termine. Questo è un invito a tutte le aziende del settore a pagare un prezzo più alto. In questo modo, si affronteranno le questioni di fondo alla base della deforestazione e del lavoro minorile nelle catene di approvvigionamento".

Altre aziende hanno espresso la loro preoccupazione per la nuova legge, che riguarda altri sei prodotti, tra cui il legname e la carne bovina. Ne abbiamo parlato con il Commissario europeo per l'Ambiente Virginijus Sinkevičius, uno degli artefici del regolamento.

"Credo sia importante non considerarla una sfida, ma un'opportunità - dice Sinkevičius -. L'Ue ha messo sul tavolo un'azione concreta. L'implementazione, che richiede innanzitutto dati di geolocalizzazione del terreno, è piuttosto semplice da ottenere al giorno d'oggi. In secondo luogo, ovviamente, devono essere verificabili. Questo garantirebbe che gli europei non siano parte del problema, ma parte della soluzione".

Perché è urgente preoccuparsi delle foreste che non fanno parte dell'Ue? "Perdendo queste foreste, ci stiamo avvicinando al momento in cui da serbatoi di carbonio diventeranno emettitori di carbonio - dice Sinkevičius -. Credo che questo sarebbe un enorme disastro, che non si può invertire né con la politica né con la tecnologia. Dobbiamo ridurre il tasso di deforestazione tenendo conto delle dimensioni sociali delle popolazioni indigene".

Condividi questo articolo