EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

"Nessuno sulla Terra si è salvato": il 98% della popolazione mondiale è esposta al riscaldamento globale quest'estate

I vigili del fuoco cercano di spegnere un incendio in un impianto di riciclaggio a Sesklo, nella Grecia centrale, il 26 luglio 2023\.
I vigili del fuoco cercano di spegnere un incendio in un impianto di riciclaggio a Sesklo, nella Grecia centrale, il 26 luglio 2023\. Diritti d'autore REUTERS/Alexandros Avramidis/File Photo
Diritti d'autore REUTERS/Alexandros Avramidis/File Photo
Di Euronews Green Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Un nuovo rapporto mostra che l'aumento delle temperature è stato reso almeno due volte più probabile dall'inquinamento da CO2 prodotto dall'uomo

PUBBLICITÀ

Un nuovo rapporto rivela che quasi tutta la popolazione mondiale è stata esposta agli effetti del cambiamento climatico quest'estate.

Il 98% delle persone ha registrato temperature più elevate da giugno ad agosto, a causa delle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo, secondo la ricerca peer-reviewed pubblicata giovedì 7 settembre.

Nell'emisfero settentrionale, l'estate 2023 è stata la più calda dall'inizio delle registrazioni.

Le prolungate ondate di calore in Nord America e nell'Europa meridionale hanno causato incendi catastrofici e picchi di mortalità. 

Luglio è stato il mese più caldo mai registrato, mentre le temperature medie di agosto hanno superato di 1,5 gradi Celsius i livelli preindustriali.

L'aumento delle temperature due volte più probabile

Uno studio di Climate Central, un gruppo di ricerca con sede negli Stati Uniti, ha esaminato le temperature in 180 Paesi e 22 territori.

Ha rilevato che il 98% della popolazione mondiale è esposto a temperature più elevate, rese almeno due volte più probabili dall'inquinamento da anidride carbonica.

"Praticamente nessuno sulla Terra è sfuggito all'influenza del riscaldamento globale negli ultimi tre mesi - ha dichiarato Andrew Pershing, vice presidente scientifico di Climate Central - in tutti i Paesi che abbiamo potuto analizzare, compreso l'emisfero meridionale, dove questo è il periodo più fresco dell'anno, abbiamo registrato temperature che sarebbero state difficili senza i cambiamenti climatici causati dall'uomo".

Le ondate di calore e il cambiamento climatico

Climate Central valuta se gli eventi di calore sono più probabili a causa del cambiamento climatico, confrontando le temperature osservate con quelle generate da modelli che eliminano l'influenza delle emissioni di gas serra.

Ben 6,2 miliardi di persone ne hanno sperimentato almeno un giorno (cinque volte più probabili a causa del cambiamento climatico, il valore massimo del Climate Shift Index di Climate Central).

Le ondate di calore che hanno colpito il Nord America e l'Europa meridionale sarebbero state impossibili senza i cambiamenti climatici, ha dichiarato Friederike Otto, climatologa del Grantham Institute for Climate Change and the Environment.

"Abbiamo esaminato ondate di calore isolate - ha detto - che non sono state rese cinque volte più probabili, ma infinitamente più probabili perché non si sarebbero verificate senza il cambiamento climatico".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fridays for future, le proteste in Italia: "Governo Meloni vuole tornare indietro di vent'anni"

Riscaldamento globale o cambiamento climatico? Secondo un nuovo studio, conta anche l'invecchiamento

L'estate più calda di sempre? Cosa potrebbe arrivare in Europa nei prossimi mesi secondo gli esperti