Fridays for future, le proteste in Italia: "Governo Meloni vuole tornare indietro di vent'anni"

Proteste dei Fridays for future a Torino
Proteste dei Fridays for future a Torino Diritti d'autore MARCO BERTORELLO/AFP or licensors
Di Ilaria Cicinelli
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli attivisti per il clima hanno protestato questo 6 ottobre a Roma, Milano e Torino per chiedere lo stop ai combustibili fossili. Pioggia di critiche sul governo Meloni

PUBBLICITÀ

Migliaia di attivisti di Fridays for future sono scesi in piazza a Roma per chiedere una rivoluzione nella politica per il clima. Vogliono fermare l'uso dei combustibili fossili e accusano il governo italiano di inazione.
I giovani vogliono che le conseguenze dei cambiamenti climatici siano chiare mentre si è sempre più vicini a raggiungere la soglia dei 2 gradi di aumento della temperatura media globale. Ben lontano da quanto previsto dagli obiettivi degli Accordi di Parigi del 2015.

Un manifestante ha affermato che "il Governo Meloni ha fatto molto per i combustibili fossili, ma dalla parte sbagliata. Il governo va in giro a negare i cambiamenti climatici, con le frasi imbarazzanti di Salvini e Fratin, che portano l'Italia indietro di venti anni".

Diverse proteste e manifestazioni hanno avuto luogo anche a Torino e a Milano.

Oltre a essere oggetto di numerose polemiche per le politiche climatiche, il governo Meloni ha ricevuto diverse critiche dagli attivisti per il clima, non solo sull'uso dei combustibili fossili, come ha dichiarato una giovane manifestante che afferma che i ragazzi scendono in piazza anche per "Andare contro questo governo che aumenta le disuguaglianze tra i cittadini, aumenta il costo della scuola e impedisce il diritto allo studio e sta dividendo anche l'Italia a metà con l'autonomia differenziata".

Proteste anche a Stoccolma

Gli attivisti per il clima si sono riuniti anche davanti al Parlamento svedese a Stoccolma per sottolineare le conseguenze del cambiamento climatico. Greta Thunberg e alcuni altri giovani manifestanti hanno portato cartelli che chiedevano di agire per mitigare i cambiamenti climatici.

Un manifestante ha detto che i giovani stanno dimostrando di non essere soddisfatti dell'inazione dei leader mondiali.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Nessuno sulla Terra si è salvato": il 98% della popolazione mondiale è esposta al riscaldamento globale quest'estate

Manifestazione contro la Rai a Roma: cinquemila marciano al grido di "Palestina libera"

Firenze: la Venere di Botticelli nel mirino degli ecoattivisti