EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Anche i pesci hanno sentimenti: ripensare il cibo in base alla sensibilità degli animali

Fish ‘don’t smile’ but does that mean they don’t feel?
Fish ‘don’t smile’ but does that mean they don’t feel? Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Nichola Daunton
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Ora che sia il Regno Unito sia l'Unione Europea sanciscono la senzienza dei vertebrati, è giunto il momento di ripensare il nostro rapporto con i pesci?

PUBBLICITÀ

Se avete mai avuto un animale domestico, visitato uno zoo o osservato animali selvatici in azione, è probabile che abbiate considerato il concetto di sensibilità animale.

Definita vagamente come la capacità di provare emozioni positive e negative, come il piacere, la gioia, il dolore e la paura, la sensibilità animale riconosce che le creature viventi hanno sentimenti e consapevolezza.

La complessità di queste emozioni dipende dalla specie, ma in molti Paesi, compreso il blocco dell'UE, sono in vigore leggi che riconoscono la sensibilità di alcuni animali.

Sebbene il riconoscimento della sensibilità possa sembrare irrisorio, può avere profonde implicazioni etiche e filosofiche riguardo il modo in cui trattiamo gli animali selvatici, domestici e d'allevamento.

Nonostante gli scienziati concordino da tempo sul fatto che alcune specie - come i primati e altri mammiferi - siano senzienti, riguardo altri gruppi, tra cui i pesci e i crostacei decapodi (una famiglia che comprende granchi, aragoste e gamberi) si discute da decenni.

Ora che le leggi del Regno Unito e dell'Unione Europe hanno ufficialmente sancito la senzienza di tutti i vertebrati (gli animali con la spina dorsale), è giunto il momento di ripensare il nostro rapporto con i pesci e gli altri animali d'allevamento?

Alla recente conferenza londinese di Compassion in World Farming "Extinction or Regeneration: Transforming Food Systems for Human, Animal and Planetary Health", scienziati e politici si sono incontrati per discutere del ruolo che la senzienza svolge nel trattamento degli animali d'allevamento.

Cosa intendiamo quando parliamo di sensibilità animale?

La definizione esatta di senzienza varia da Paese a Paese, con alcuni Stati che si rifiutano di definire il concetto. Ciò evidenzia la difficoltà di definire cosa significhi sentire. Mentre le diverse specie sperimentano il mondo in modi diversi, a seconda della complessità del loro cervello, gli esseri umani soffrono anche di una mancanza di immaginazione quando si tratta di interpretare le emozioni degli animali.

La nostra incapacità di interpretazione non significa però che un animale non viva il mondo in modo emotivo, come ha dichiarato a Euronews Green João Saraiva, leader del Fish Ethology and Welfare Group e presidente e fondatore dell'associazione FishEthoGroup prima della conferenza.

"Il problema dei pesci è che sono molto distanti da noi. È molto difficile incorporare i pesci in quello che chiamiamo il cerchio dell'empatia. Non possiamo empatizzare con i pesci nello stesso modo in cui empatizziamo con una mucca o con un cane", spiega João.

"I pesci non hanno espressioni facciali, non sbattono le palpebre, non sorridono. E noi, come esseri umani, ci basiamo su questi indizi per creare empatia".

È questo gap di empatia, più che la mancanza di dati scientifici, che ha mantenuto a lungo nella coscienza pubblica miti come "i pesci non sentono il dolore" e "i pesci rossi hanno una memoria di soli tre secondi".

Fortunatamente, però, come ha dimostrato la sala gremita per il panel "Suoli, mari ed esseri senzienti", l'atteggiamento nei confronti della sensibilità degli animali sta iniziando a cambiare.

Canva
Il nostro gap di empatia ha mantenuto in vita miti come "i pesci non sentono il dolore".Canva

La sensibilità animale e la legge

Il filosofo francese del XVII secolo René Descartes riteneva che tutti gli animali fossero automi, privi di sentimenti o di coscienza. Questa filosofia ha segnato il passo per i secoli a venire, con la sofferenza degli animali ampiamente respinta in tutti i campi.

Nel XX secolo, tuttavia, le opinioni cominciarono a cambiare e nel 1965 John Webster, membro fondatore del Consiglio britannico per il benessere degli animali da allevamento, contribuì a inserire le "cinque libertà" degli animali nella legge del Regno Unito.

PUBBLICITÀ

"All'epoca il benessere degli animali era solo un argomento confuso, un argomento emotivo senza regole", racconta a Euronews Green. "Abbiamo cercato di sviluppare regole per il benessere degli animali e ora, negli ultimi anni, ho cercato di strutturare il pensiero riguardo alla senzienza degli animali e alle menti senzienti".

Le cinque libertà - tra cui la libertà dal disagio e dal dolore - sono state adottate da gruppi di benessere in tutto il mondo, tra cui la RSPCA e l'Organizzazione mondiale per la salute animale.

Pur riconoscendo la potenziale sofferenza degli animali, queste libertà non riconoscevano esplicitamente il loro mondo emotivo interiore. Tuttavia, con il proseguire della ricerca scientifica sulla sensibilità animale, i governi hanno iniziato a riconoscerla per legge.

L'articolo 13 del Trattato di Lisbona, entrato in vigore nel dicembre 2009, afferma che nella formulazione delle politiche "l'Unione [Europea] e gli Stati membri, poiché gli animali sono esseri senzienti, tengono pienamente conto delle esigenze di benessere degli animali".

PUBBLICITÀ

Nonostante ciò, molti animali d'allevamento sono ancora visti come prodotti piuttosto che come individui senzienti, e questo è più evidente nell'allevamento dei pesci.

I pesci provano dolore?

"In Germania [negli anni '80] è stata proposta una politica per vietare la pesca sportiva con la tecnica del catch and release", spiega Jennifer Jacquet, professore associato presso il Dipartimento di Studi Ambientali e direttore di XE: Experimental Humanities and Social Engagement alla NYU.

"E la storia del dibattito sul dolore dei pesci dimostra che l'idea che i pesci non provino dolore deriva direttamente dalla minaccia di quella politica".

Sebbene la teoria secondo cui i pesci non possono provare dolore sia rimasta nella coscienza pubblica per decenni, João tiene a precisare che non è vera.

PUBBLICITÀ

"È stato dimostrato moltissime volte che il cervello dei pesci, pur essendo diverso, ha le stesse funzioni [del cervello umano]. È possibile costruire una mappa funzionale del cervello dei pesci e, sorpresa delle sorprese, c'è un'area funzionale che fa sentire il dolore agli animali", spiega.

Ricerche più recenti, continua João, hanno dimostrato che i pesci hanno gli stessi nocicettori che abbiamo noi. I nocicettori fanno parte del sistema nervoso sensoriale presente nella pelle e nei tessuti e trasmettono i segnali di dolore al nostro cervello.

Canva
Fish farming is rapidly expanding globally.Canva

L'acquacoltura è etica nella sua forma attuale?

L'allevamento ittico, noto anche come acquacoltura, è un mercato in rapida espansione a livello globale. Allevati, cresciuti e raccolti in ambienti controllati, milioni di tonnellate di pesce selvatico vengono uccisi ogni anno per nutrire i pesci d'allevamento.

Secondo Jennifer, circa il 20% di tutti i pesci selvatici uccisi dall'uomo viene trasformato in farina e olio di pesce. Questi prodotti vengono poi somministrati agli animali d'allevamento o venduti come integratori per la salute umana.

PUBBLICITÀ

Sebbene la pesca sia spesso presentata come la risposta alla fame nel mondo, in realtà è estremamente inefficiente.

"Si tratta in realtà di prendere il pesce dal Sud del mondo e trasformarlo in farina di pesce, per nutrire i pesci d'allevamento e altri animali d'allevamento", spiega Jennifer.

"Quando parliamo di questi sistemi alimentari, la gente dice: 'La popolazione umana sta crescendo, saremo 12 miliardi', ma quando si scende in profondità e si chiede: 'Beh, quante delle nostre colture sono attualmente destinate all'alimentazione animale? Quanti dei nostri pesci sono destinati ad altri animali d'allevamento?". Quando guardiamo a queste gigantesche inefficienze, l'argomento non è nemmeno presente".

Inoltre, spiega Jennifer, l'acquacoltura si sta espandendo così rapidamente che le specie vengono allevate prima che siano disponibili dati sul benessere che consentano di allevarle in modo etico o responsabile.

PUBBLICITÀ

"Abbiamo analizzato le 408 specie attualmente in produzione in acquacoltura ed è emerso che meno di un quarto di queste ha conoscenze specialistiche sul benessere... Quindi il 70% di tutti gli animali in acquacoltura ha poche o nessuna conoscenza del benessere".

Senza informazioni sul benessere, è impossibile rispettare la sensibilità delle specie ittiche e allevarle in modo etico. Una specie di cui Jennifer è certa che gli esperti di benessere animale sappiano abbastanza è il polpo.

"Crediamo che per quanto riguarda l'allevamento dei polpi, ne sappiamo abbastanza per sapere che non daremo loro una buona vita in cattività".

L'allevamento di polpi: un passo troppo lungo?

João è d'accordo: "È molto difficile per il polpo sperimentare un buon benessere in qualsiasi condizione di allevamento".

PUBBLICITÀ

"I polpi sono animali solitari. Sono carnivori, aggressivi, sfruttano l'ambiente circostante, quindi le vasche non sarebbero nell'interesse del polpo".

La pelle del polpo è anche un incredibile organo multisensoriale, che gli permette di vedere, sentire, gustare e toccare. Se questa pelle viene danneggiata durante un combattimento, il polpo non è in grado di riconoscere il proprio braccio e, credendolo un oggetto estraneo, si attacca.

Lesioni di questo tipo sono più probabili se questi animali, per natura solitari, sono tenuti in stretto isolamento. Con Nueva Pescanova, il primo allevamento di polpi al mondo, attualmente in fase di progettazione nelle Isole Canarie, cresce la preoccupazione che questi animali altamente intelligenti siano esposti ad alti livelli di sofferenza.

"Non è nemmeno una produzione alimentare, è un bene di lusso", dice Jennifer.

PUBBLICITÀ

"Vorrei davvero che sia i soldi, sai, la spesa iniziale sia la questione dell'opportunità di andare avanti fosse sottoposta a un voto democratico. Ho molta fiducia che la gente non pensi che questa sia la strada migliore da percorrere".

"Si tratta in realtà di capitale e potere che lavorano in un modo che va contro i nostri istinti di base su ciò che è giusto e sbagliato".

La carne coltivata in laboratorio è la risposta?

Se per alcuni l'eliminazione della carne è l'unica risposta adeguata all'idea della sensibilità animale, molte persone in tutto il mondo si affidano agli animali come principale fonte di proteine o come fonte di sostentamento, come riconosce Jennifer.

"In generale, penso che dovremmo considerare l'abolizione della pesca industriale e [favorire] la pesca artigianale, su piccola scala e di sussistenza, che nutre direttamente un maggior numero di persone".

PUBBLICITÀ

Anche se molte persone non dipendono dal pesce come fonte di proteine, i frutti di mare sono ancora molto desiderati a livello globale, con una domanda particolarmente elevata nei ricchi Paesi occidentali.

Senza l'acquacoltura, come si può soddisfare questa domanda senza aumentare la pressione sulle popolazioni ittiche selvatiche?

"Penso che ci sia un ruolo davvero interessante per qualcosa come i frutti di mare da colture cellulari che emergono sul mercato come opzione per i consumatori occidentali benestanti", dice Jennifer.

"Possiamo riempire il vuoto con questo prodotto a base cellulare che è senza dolore, senza macellazione ed ecologicamente molto meno dannoso".

PUBBLICITÀ

Sebbene la carne coltivata venga prodotta su scala molto ridotta, i costi attuali - sia ambientali che finanziari - fanno sì che l'industria non sia destinata a crescere presto.

Nel prossimo futuro, quindi, se vogliamo mangiare proteine animali, dovremo continuare a lottare con le implicazioni etiche dell'uccisione di animali senzienti allevati e selvatici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Centinaia di balene spiaggiate in Australia, 50 sono già morte, corsa contro il tempo per salvarle

La svolta green dell'acquacoltura, per invertire il cambiamento climatico

Acquacoltura: un mercato florido, ma anche sostenibile?