EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Centinaia di balene spiaggiate in Australia, 50 sono già morte, corsa contro il tempo per salvarle

Balene spiaggiate in Australia
Balene spiaggiate in Australia Diritti d'autore AP/Australian Broadcasting Corp.
Diritti d'autore AP/Australian Broadcasting Corp.
Di Ilaria Cicinelli
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dramma nel sud ovest dell'Australia dove centinaia di esemplari di balena pilota si sono spiaggiati e più di 50 di loro sono morte, questo mercoledì 26 luglio. Ora i soccorritori stanno disperatamente tentando di salvare 46 balene ancora in vita

PUBBLICITÀ

Più di 50 balene pilota sono morte poche ore dopo essersi arenate su una spiaggia dell'Australia Occidentale e le autorità hanno dichiarato che sono in corso i tentativi di salvare altri 46 esemplari.

Un branco di quasi 100 balene pilota dalle pinne lunghe era stato avvistato il 25 luglio sera al largo di Cheynes Beach, vicino ad Albany, a circa 400 chilometri a sud est di Perth.

Gli esperti del Servizio faunistico dei parchi dello Stato sono stati affiancati da alcuni volontari che hanno lavorato tutta la notte, sfidando le basse temperature, per monitorare le balene. L'intenzione è quella di guidarle verso acque più profonde nel corso della giornata.

Un portavoce del Servizio ha dichiarato di essere stato "sommerso da centinaia di offerte di aiuto", ma di avere un numero sufficiente di volontari e che il pubblico dovrebbe "stare lontano" dalla spiaggia "per motivi di sicurezza".

"L'obiettivo prioritario del team per la gestione degli incidenti è garantire la sicurezza del personale e dei volontari e il benessere delle balene", hanno dichiarato. "La zona di intervento presenta una serie di pericoli, tra cui balene di grandi dimensioni, in difficoltà e potenzialmente malate, squali, onde, macchinari pesanti e imbarcazioni".

Gli spiaggiamenti di massa delle balene pilota non sono rari in Australia e Nuova Zelanda. Lo scorso ottobre, circa 500 balene pilota sono morte quando si sono spiaggiate nelle isole Chatham in Nuova Zelanda.

-/AFP
Un volontario aiuta una balena pilota-/AFP

Perchè le balene pilota si spiaggiano?

Gli scienziati non comprendono appieno perché si verifichino gli spiaggiamenti di massa, ma le balene pilota - che possono raggiungere una lunghezza di oltre sei metri - sono altamente socievoli e possono seguire i compagni di branco che si allontanano in caso di pericolo, anche in habitat ostili per loro come le acque poco profonde. Il loro corpo non riesce a sostenere a lungo il proprio peso al di fuori dell'acqua e questo causa il collasso dell'animale in breve tempo, insieme alla disidratazione e all'aumento della temperatura corporea.

Bec Wellard, studiosa di mammiferi marini presso il Project Orca, ha spiegato all'Afp che le ragioni degli spiaggiamenti di balene non sono ancora note con certezza: "Nel caso delle balene pilota, spesso si arenano in massa: un individuo può essere malato o in difficoltà e il resto del branco lo segue, il che può portarle ad arenarsi". A causa dei forti legami familiari delle balene pilota, è importante cercare di rimetterle a galla insieme.

Ma ha aggiunto che, se la salute delle balene sopravvissute è compromessa, è necessario valutare se gli sforzi per rimetterle a galla "potrebbero solo prolungare la loro sofferenza".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Australia Day, in migliaia in piazza per protestare contro la festa nazionale

Islanda, regole più severe ma la caccia alle balene riapre

Anche i pesci hanno sentimenti: ripensare il cibo in base alla sensibilità degli animali