This content is not available in your region

Come sta cambiando il lavoro dei piccoli pescatori in Europa?

Come sta cambiando il lavoro dei piccoli pescatori in Europa?
Diritti d'autore  euronews
Di Denis Loctier

Šime Barić è un piccolo pescatore di Barić Draga, un paesino della Dalmazia. Si dedica alla pesca degli scampi nel canale di Velebit: sono tra i frutti di mare più pregiati della Croazia. Ma nonostante l'alto valore delle sue catture, Šime ha scelto di pescare meno. Šime è un "pescatore artigianale". Nei dibattiti politici, questi artigiani sono spesso messi in ombra dalla grande industria della pesca. Ma svolgono un ruolo importante, sia culturale che economico, nelle piccole comunità costiere.

"In questa zona non ci sono altre fonti di reddito se non la pesca - dice Šime -. Questo è forse l'unico modo per lavorare qui tutto l'anno e guadagnare qualcosa". Prima di pescare Šime controlla le nasse, le gabbie che catturano gli scampi sul fondo del mare: "È molto importante che in questo canale non ci sia la pesca a strascico - dice Barić -. Tutti gli scampi di questa zona sono stati catturati con attrezzi selettivi: peschiamo solo quelli più grandi che non riescono a passare attraverso le maglie. Il fondale marino rimane intatto e gli scampi arrivano integri".

Pescare di meno, pescare meglio

Oggi Šime lavora insieme a Marina Mašanović, oceanologa dell'Università di Zagabria. Anche lei figlia di un pescatore, utilizza il suo progetto di ricerca per aiutare i pescatori a rendere le loro nasse ancora più selettive: vogliono evitare di catturare gli scampi più piccoli, la cui pesca è legale, ma che sono così economici da non valere lo sforzo.

"Dopo un'attenta analisi ho trovato la dimensione ottimale delle maglie, in modo che i pescatori non debbano più passare il tempo a selezionare le catture, ma solo a pescare gli scampi più grandi e più adatti al mercato", dice Mašanović. Šime rimette in libertà tutti gli scampi femmina che cattura, anche quelli più grandi che potrebbe facilmente vendere a 35 euro al chilo. Ognuna di queste femmine può produrre un migliaio di uova, quindi per Šime liberarle significa pescare di più in futuro.

"Il regolamento attuale non lo richiede, alcuni pescatori lo fanno di propria iniziativa - dice Mašanović -. Sarebbe molto importante, però, se fosse legalmente vietato pescare le femmine con le uova". Scegliere di pescare meno ha un prezzo: gli attrezzi per la pesca selettiva possono essere molto costosi.

Bruxelles sostiene le ong come il Wwf, che assistono i pescatori in questa transizione. Il loro obiettivo è dimostrare che, a lungo termine, questa scelta aiuterà sia l'ambiente che gli stessi pescatori artigianali. Il pesce e i frutti di mare pescati in modo sostenibile hanno un valore più elevato e sono più adatti ai ristoranti più costosi: scegliendo un approccio più selettivo, i pescatori possono lavorare meno e guadagnare di più.

"Mettiamo i pescatori in contatto con il mercato - dice Fabijan-Hrvatin Peronja, responsabile di un progetto per il Wwf -. Formiamo cooperative, creiamo dei piani aziendali per loro. Costruiamo marchi che i clienti riconoscono e apprezzano. In questo modo vogliamo differenziare i pescatori che lavorano in modo sostenibile dagli altri pescatori. Vogliamo che questi pescatori siano i guardiani del mare, che lo proteggano per le generazioni future".

Grazie a questo sostegno, gli artigiani locali hanno formato una cooperativa di pesca sostenibile e stanno per aprire un nuovo mercato del pesce a Ražanac, un villaggio a poca distanza da Barić Draga. Per il Wwf questi esempi dimostrano che, con la giusta assistenza, un maggior numero di piccoli pescatori in tutto il Mediterraneo potrebbe preferire pescare di meno e guadagnare di più, favorendo la ripresa delle comunità ittiche e preservando al contempo il loro lavoro e il loro patrimonio professionale.

"L'idea è quella di dimostrare che un modo di pescare sostenibile è possibile: aiutando i piccoli pescatori sul campo o nello sviluppo di cooperative - dice Marco Costantini, responsabile del Programma Mare di Wwf Italia -. Così facendo, possono richiedere fondi europei per il settore marittimo, della pesca e dell'acquacoltura per ammodernare le loro imbarcazioni, cambiare le reti e aumentare la selettività".

Pescaturismo: una giornata in barca con i pescatori

Esistono anche altre soluzioni. In alcune aree turistiche i pescatori artigianali si stanno reinventando come guide turistiche. Sull'isola di Kythnos, in Grecia, incontriamo Christos e Lea: le catture nella zona sono diminuite notevolmente, così la coppia ha avviato un'attività di pescaturismo. "Il problema qui è la pesca eccessiva - dice Christos -. Con tutte le barche che gettano le reti giorno dopo giorno, il pesce scarseggia. In generale, c'è un grande calo in tutta l'isola. Ogni anno la situazione peggiora. La pesca è l'unico lavoro che conosco. Ma ora, grazie al pescaturismo, possiamo tornare a lavorare in mare".

Durante la giornata in barca i turisti possono imparare come lavorano i pescatori artigianali e come si prendono cura del mare. Inoltre, catturano il pesce sufficiente per un pranzo a bordo. Non è economico - il prezzo è di 100 euro a testa per un viaggio di 5 ore - ma molti ritengono che l'esperienza unica valga il prezzo. "È un'esperienza bella e piacevole, ma molte persone non lo sanno - dice Lea -. Visitano l'isola senza sapere che potebbero provarla. Credo che questo sia un problema da risolvere, perché è davvero una bella esperienza". Il pescaturismo è sostenuto anche dai programmi dell'Unione europea e del Wwf.

"Per praticare il pescaturismo serrve un permesso speciale - dice Michalis Margaritis del Wwf -. I pescatori devono apportare alcune modifiche alle loro barche, hanno bisogno di denaro. Inoltre, devono imparare alcune cose nuove, perché il turismo è un'attività con cui non hanno familiarità: attraverso il nostro programma abbiamo organizzato alcuni seminari per i pescatori. Gli insegniamo il turismo della pesca e i modi in cui possono praticarlo".

I pescatori su piccola scala hanno bisogno di assistenza per affrontare le crescenti sfide economiche e ambientali. "La maggior parte degli investimenti e dell'attenzione dei governi si concentra sulla pesca industriale su larga scala - dice Costantini -. I pescatori su piccola scala sono un po' isolati. Per poter praticare una pesca sui piccola scala sostenibile, hanno bisogno di sostegno. Ci sono diverse cose che possiamo fare, ma è necessaria un'interazione coerente tra pescatori, scienziati, ong e politici: devono essere coinvolti tutti nella trasformazione di questo settore della pesca".