EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Lussemburgo, il paese dei trasporti gratuiti

Lussemburgo
Lussemburgo Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di AFP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Un primato per il Lussemburgo. Il piccolo Stato è diventato il primo paese al mondo ad eliminare le tariffe su tutti i trasporti pubblici nel 2020. Tre anni dopo, i residenti sono soddisfatti di questa iniziativa

PUBBLICITÀ

Un primato per il Lussemburgo. Il piccolo Stato è diventato il primo paese al mondo ad eliminare le tariffe su tutti i trasporti pubblici nel 2020. Tre anni dopo, i residenti sono soddisfatti di questa iniziativa. Il sistema permette loro di "viaggiare facilmente", oltre ad essere "molto positivo per l'ambiente", dicono alcuni. Per altri, è un "diritto fondamentale". Ecco come funziona il programma.

Il programma è stato parzialmente introdotto per arginare il problema automobilistico del Paese. Nel 2020, il Lussemburgo aveva la più alta densità di automobili nell'Unione europea: 696 per 1.000 persone contro la media di 560.

Di conseguenza il traffico aveva raggiunto livelli altissimi come emissioni di CO2, dannosissime per il riscaldamento climatico.

Ora il trasporto gratuito incoraggia i residenti a lasciare la macchina a casa. "Visto che è gratuito, è più facile prendere rapidamente una decisione, scegliere tra trasporto pubblico o auto privata", afferma Edgar Bisenius. "Ciò significa che è molto positivo per l'ambiente e pratico."

Tuttavia, alcuni dicono che ci sono ancora troppe auto nelle strade. "La cultura dell'auto è ancora molto presente ed è piuttosto complicato convincere le persone ad usare i mezzi pubblici", afferma Merlin Gillard, ricercatore specializzato in trasporti.

Il programma è stato introdotto durante la pandemia di Covid 19 e quindi misurare l'impatto è stato complicato.

Un futuro senza auto

I dati provenienti da altre fonti suggeriscono che l'impatto sulla sostenibilità del trasporto gratuito potrebbe essere minimo. Dall'introduzione del trasporto pubblico gratuito nel 2013, la capitale dell'Estonia, Tallinn, ha registrato un aumento dell'uso dell'automobile.

Si ritiene che l'impatto sociale del risparmio sui costi sia più significativo. Un insegnante lussemburghese Ben Dratwicki afferma che “Questa è una buona iniziativa, favorisce il settore pubblico, lo rafforza. Il trasporto è un diritto fondamentale per i residenti. Se hai diritto al lavoro, hai anche il diritto di andare al lavoro senza troppi costi".

Come funziona il regime di trasporto gratuito del Lussemburgo?

Dal 29 febbraio 2020 tutti i mezzi di trasporto pubblico, inclusi autobus, treni e tram, sono gratuiti per residenti e turisti.

Il programma si applica in tutto il paese e i passeggeri devono solo acquistare un biglietto se desiderano viaggiare in prima classe. Le entrate provenienti dai biglietti venduti in precedenza ammontavano a 41 milioni di euro all'anno in Lussemburgo, una frazione del costo di gestione di oltre 500 milioni di euro dell'intero sistema di trasporto pubblico del paese.

"È un costo considerevole, ma... è pagato da tutti i contribuenti", spiega François Bausch, vice primo ministro del Lussemburgo. “Lì c'è più equità perché ovviamente chi paga poche tasse paga niente o pochissimo per questo sistema. E quelli che pagano più tasse... hanno un costo che potrebbe essere un po' più alto".

Di conseguenza, gli investimenti nel sistema di trasporto del paese non hanno subito rallentamenti. il nuovo sistema tramviario è regolare e affidabile, non ostacolato dal traffico. Il paese ha effettuato investimenti record per migliorare la propria rete ferroviaria.

Il Lussemburgo è ben collegato ad altre parti d'Europa con i mezzi pubblici. Ha collegamenti transfrontalieri con la Francia tramite il TGV. Parigi è a sole due ore di treno. È inoltre collegato con la Germania tramite treni ICE ad alta velocità.

I treni partono dalla città di Lussemburgo per Bruxelles ogni ora e per Liegi ogni due ore. Anche i residenti che vivono nelle città di confine beneficiano del regime di trasporto gratuito. "

Ciò consente a tutti i residenti transfrontalieri, in particolare a quelli provenienti da Belgio, Germania e Francia, di viaggiare facilmente", afferma un pendolare, Gauthier Moumkama. "E inoltre, è una buona forma di libertà. In Francia non c’è tutto questo. E poi ci sono meno controllori e meno problemi".

Tuttavia, poiché il regime non si applica oltre confine. L’impatto positivo sulla mobilità è limitato a coloro che possono permettersi di vivere nel paese più ricco del mondo. "Ci sono molte persone che vivono fuori dal Lussemburgo che non possono permettersi un alloggio e che devono anche pagare per il trasporto", afferma Gillard. "Quindi è ridistributivo, ma solo fino a un certo punto."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché le zone a basse emissioni mostrano l'impatto dell'Ue sulla nostra vita

Una spettacolo sulla crisi climatica alimentato da speciali cyclette

Antieroi del clima: la compensazione climatica funziona davvero?