EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Lussemburgo, il paese del trasporto gratuito

Immagine
Immagine Diritti d'autore JEAN-CHRISTOPHE VERHAEGEN/AFP or licensors
Diritti d'autore JEAN-CHRISTOPHE VERHAEGEN/AFP or licensors
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da 3 anni i trasporti pubblici sono gratuiti nello staterello nel cuore d'Europa

PUBBLICITÀ

Sono passati tre anni da quando il Lussemburgo è diventato il primo paese al mondo con trasporto pubblico gratuito. E il bilancio è più che positivo. Gli utenti sono contenti di un sistema che permette loro di "viaggiare con facilità" oltre ad essere ecocompatibile.

Un'iniziativa finanziata con le tasse di tutti.

Così François Bausch, Ministro della Mobilità del Lussemburgo: "E' un costo notevole, ma in realtà viene tassato. Lo pagano tutti i contribuenti. C'è una maggiore equità in questo perché ovviamente chi paga poche tasse non paga niente o pochissimo. Per queste persone imezzi sono gratuiti. E chi paga più tasse, ovviamente, ha un prezzo forse un po' più alto".

Sebbene la cultura dell'auto sia ancora molto presente, alcuni dei suoi beneficiari considerano questo sistema di trasporto gratuito come un "diritto fondamentale".

Dice un uomo:  Ciò consente a tutti i frontalieri, in particolare a quelli provenienti da Belgio, Germania e Francia, di viaggiare facilmente. Inoltre, è una buona forma di libertà. In Francia non ce l'abbiamo. Qui ci sono meno controllori e meno problemi".

Un altro viaggiatore aggiunge: "Poiché è gratuito, è più facile prendere rapidamente una decisione, scegliere tra trasporto pubblico o auto privata. Ciò significa che è molto positivo per l'ambiente e pratico."

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché una città spagnola vuole che i ciclisti siano assicurati

Crisi climatica, minaccia da alluvioni e siccità un europeo su otto: oltre 5mila morti dal 1980

Polonia, gli agricoltori "occupano" il Parlamento: chiedono di incontrare Donald Tusk