EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Dalle discariche alle colline fotovoltaiche: i Paesi Bassi sono i leader dell'energia solare

Solar Carport Biddinghuizen.
Solar Carport Biddinghuizen. Diritti d'autore Solarfields/Handout via Thomson Reuters Foundation
Diritti d'autore Solarfields/Handout via Thomson Reuters Foundation
Di Charlotte Elton - Reuters - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I Paesi Bassi, oggi, hanno una media di due pannelli solari per abitante e una capacità installata di oltre 1 kilowatt (KW) per persona: di fatto, la "centrale solare pro capite d'Europa". E i progetti per l'avvenire sono ancora migliori...

PUBBLICITÀ

Nella campagna olandese, a circa 130 km ad est di Amsterdam, una collina dall'aspetto insolito torreggia e luccica sopra fattorie, alberi spogli e praterie fangose.

La collina - alta 25 metri - è stata costruita con... 15 anni di rifiuti domestici e aziendali.
Quello che è straordinario è ciò che ricopre la collina: 23.000 pannelli solari!

Lo sviluppatore solare olandese TPSolar ha inaugurato la struttura - che può produrre fino a 8,9 megawatt di energia - ad Armhoede, nella parte orientale dei Paesi Bassi, a metà del 2020.
L'ex discarica ora genera elettricità sufficiente per circa 2.500 famiglie.

Il progetto riflette una spinta "ambientalista" più ampia nei Paesi Bassi - che ora hanno più di 48 milioni di pannelli solari installati - per trovare luoghi innovativi dove "posizionare" nuova capacità di energia rinnovabile.

I Paesi Bassi, oggi, hanno una media di due pannelli solari per abitante - e una capacità installata di oltre 1 kilowatt (KW) per persona - che ne fanno la "centrale solare pro capite d'Europa", secondo l'associazione di settore "Solar Power Europe".

In che modo i Paesi Bassi stanno facendo spazio all'energia solare?

Con i terreni per l'energia rinnovabile che scarseggiano quasi ovunque nel mondo, l'esperienza olandese - compresa l'installazione di energia solare su parcheggi, laghi artificiali, campi di pascolo di pecore, fattorie di fragole, chiese in disuso, stazioni ferroviarie e aeroporti - potrebbe ispirare una migliore ubicazione delle energie rinnovabili a livello globale.

"Poiché abbiamo così poco spazio, nei piccoli Paesi Bassi, è importante utilizzare il terreno per molteplici motivi", spiega Bernd Nijen Twilhaar, coordinatore dello sviluppatore solare olandese Solarfields, che gestisce grandi parchi solari e ha installato almeno 450.000 pannelli in tutta l'Olanda.

"Dobbiamo essere innovativi e creativi in ​​modo da poter produrre l'elettricità di cui i Paesi Bassi hanno bisogno per diventare ecologici", aggiunge il nostro esperto.

Gli sviluppatori e gli analisti del settore "solare" affermano che l'espansione olandese è stata favorita da un enorme calo dei prezzi delle attrezzature, un efficace sistema di sussidi energetici e ambiziosi obiettivi del governo per ridurre le emissioni di gas serra.

CANVA
Nuove case "solari" in Olanda.CANVA

Il governo del premier Mark Rutte mira a rendere rinnovabile il 70% della sua elettricità entro il 2030, principalmente attraverso l'espansione della capacità di energia solare ed eolica, mentre cerca di ridurre le emissioni, essendo attualmente uno dei primi sei Paesi più inquinanti d'Europa.

Come altri Stati membri dell'Unione europea, i Paesi Bassi stanno riducendo la dipendenza energetica dalla Russia, soprattutto dopo l'inizio della guerra in Ucraina.

I parchi solari ed eolici olandesi hanno contribuito a colmare il divario nella fornitura di elettricità lasciato dalle centrali elettriche a gas, diventate non redditizie a causa dei prezzi-record del gas, nei mesi scorsi.

Ma i terreni agricoli dei Paesi Bassi sono tra i più costosi dell'Ue, il che rende costoso trovare spazio per i "piani solari".

Questa realtà, combinata con l'elevata densità di popolazione dell'Olanda, significa che le "aziende solari" hanno dovuto inventarsi qualcosa di nuovo per trovare... nuovi spazi.

I Paesi Bassi guidano l'Europa nell'energia solare

Negli ultimi anni, i Paesi Bassi hanno stabilito obiettivi climatici stragegici: limitare le trivellazioni di gas e petrolio a terra e aumentare la spesa "green" in generale. Il budget per le energie rinnovabili dei Paesi Bassi nel 2022 è stato di 13 miliardi di euro.

L'anno scorso, i Paesi Bassi hanno generato il 14% della propria elettricità da parchi solari - rispetto all'1% nel 2015 - superando per la prima volta la produzione di energia elettrica a carbone.

La percentuale di elettricità dal solare olandese è stata la più alta generata nell'Unione europea, come ha spiegato - dati alla mano - Ember Climate, un gruppo specializzato di consulenza.

Parallelamente, secondo il ministero dell'Energia olandese, il sistema di "scambio sul posto" - istituito nel 2004 e che consente alle famiglie con pannelli solari di compensare la produzione di elettricità verde con il consumo - ha ora più di due milioni di case che generano energia rinnovabile.

PUBBLICITÀ

Il governo olandese sta, inoltre, valutando come modificare la pianificazione del progetto e il sostegno finanziario per incoraggiare una maggiore costruzione di parchi solari, ancor meglio integrati nel paesaggio.
Lo ha confermato un portavoce del Ministero dell'energia.

Joeri Jacobs, esperto che si concentra sulla costruzione di progetti di energia verde presso la società di gestione dei rifiuti Afvalzorg, ha descritto "l'approccio olandese" alle energie rinnovabili come "estremamente MacGyver-ish" - riferendosi a un programma televisivo statunitense degli anni '80, di un agente segreto pieno di risorse che assemblava dispositivi ingegnosi da oggetti di uso quotidiano. In definitiva: la fantasia al potere...

"Prendiamo le diverse tecnologie energetiche, le impiliamo e proviamo a creare una combinazione che funzioni davvero", racconta Jacobs, la cui azienda ha collaborato con una azienda municipalizzata locale per trasformare le discariche in disuso in fattorie solari.

"Ci vuole un po' di treno, ma una volta che tutti sono saliti sul treno, nei Paesi Bassi la realizzazione diventa relativamente rapida".

CANVA
Mulini a vento "solari".CANVA

Fattorie solari su laghi artificiali

Quasi il 20% della superficie dei Paesi Bassi è costituita da acqua e numeri "sviluppatori di energia solare", tra cui GroenLeven, ne hanno approfittato installando fattorie su laghi artificiali.

PUBBLICITÀ

La società ha installato più di 500.000 pannelli solari nelle acque olandesi, lasciando i Paesi Bassi al secondo posto, dietro la Cina a livello globale.

"Questa idea del solare galleggiante è nata nei Paesi Bassi prima che in altri Paesi", dice Benedikt Ortmann, Direttore globale dei progetti solari presso la società tedesca di energia rinnovabile BayWa r.e., che ha acquisito GroenLeven nel 2018.

Ispirato all'esempio olandese, BayWa r.e. ha comunicato che ora sta implementando più siti solari "galleggianti" in paesi europei come Belgio, Austria e Francia.

Le aziende olandesi stanno anche cercando nuovi modi per far funzionare gli impianti solari, insieme alla produzione agricola.

"Piuttosto che dover litigare su chi avrà l'accesso alla terra, troviamo soluzioni per usarla congiuntamente", afferma Carel Kooij, responsabile dello sviluppo aziendale per il fotovoltaico (FV) su larga scala presso la filiale olandese dell'utility svedese Vattenfall.

PUBBLICITÀ

Un cosiddetto progetto "Agri-PV" prevede la coltivazione di fragole e lamponi sotto un tetto a pannelli solari, sostituendo la copertura in plastica tradizionalmente utilizzata dagli agricoltori.

A metà di un progetto pilota della durata di quattro anni, i responsabili del progetto hanno spiegato che le piante avevano bisogno del 25% in meno di acqua, perché erano riparate dal sole, risparmiando potenzialmente acqua per l'irrigazione in un futuro in cui il cambiamento climatico porterà estati più calde, più secche. E più lunghe.

Gli interessi locali prima di tutto

Su tutta la linea, gli sviluppatori solari olandesi affermano che i nuovi progetti devono essere concepiti tenendo ben presenti gli interessi locali.

Il piano climatico del Paese, presentato nel 2019, ad esempio, stabilisce che i progetti di energia rinnovabile dovrebbero mirare a destinare il 50% dell'energia "green" che producono agli abitanti locali.

Sebbene ciò non sia legalmente vincolante, gli sviluppatori tendono a investire nella comunità, ad esempio inviando una percentuale di energia rinnovabile generata alle cooperative energetiche locali o creando un fondo socio-economico per migliorare l'efficienza energetica.

PUBBLICITÀ

"Poiché i Paesi Bassi sono così piccoli, lavori sempre nel cortile di qualcuno", dice Robert van der Horst, sviluppatore del progetto presso TPSolar, citando un vecchio adagio olandese.
"E devi sempre parlare con le persone e discutere di ciò che è meglio per loro e per la loro zona", aggiunge. "Quindi provamo a migliorare l'ambiente grazie alla fattoria solare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi, braccio di ferro tra il governo e gli allevatori di bestiame sulle emissioni di azoto

Perché i tappi sono attaccati alla bottiglia e cosa c'entra l'Unione europea

Batterie, costi diminuiti del 90% in meno di 15 anni: uno stimolo alle rinnovabili