EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Clima impazzito e agricoltura: gli espedienti per affrontare l'emergenza

Clima impazzito e agricoltura: gli espedienti per affrontare l'emergenza
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Jeremy WilksEuronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Crisi climatica e danni alla produzione agricola, in particolare di frutta. Secondo i agronomi e ricercatori, è necessario diversificare le varietà di alberi da frutto

PUBBLICITÀ

Il cambiamento climatico è una minaccia attuale anche per la tenuta delle imprese agricole. 

Gli inverni sempre più caldi sono un problema da risolvere per i produttori di frutta.

Bénédicte Wenden, biologa dell'Inrae, l'Istituto nazionale di ricerca francese per l'agricoltura, l'alimentazione e l'ambiente, fotografa una situazione difficile:"Purtroppo, se nelle prossime settimane ci sarà una gelata, tutti i fiori si bruceranno e non avremo frutti quest'estate" dice.

Gli inverni più caldi

Diamo uno sguardo agli ultimi dati del servizio per il Cambiamento Climatico di Copernicus.

I dati mostrano che l'Europa ha avuto il terzo gennaio più caldo mai registrato, con temperature di 2,2 gradi Celsius al di sopra della media 1991-2020.

Euronews
Gennaio 2023: +2,2°Euronews

Su scala globale, il mese scorso c'è stata molta instabilità.

Su questa mappa si può vedere come nella Russia settentrionale, in Afghanistan e in Pakistan le temperature siano state più fredde della media a gennaio.

Negli Stati Uniti orientali, in Canada e in Europa sono state invece più alte del solito.

Copernicus Climate Change Service Implemented by ECMWF
La mappa del cambiamento climaticoCopernicus Climate Change Service Implemented by ECMWF

Le anomalie dei ghiacci

Questo è un periodo dell'anno interessante per osservare il ghiaccio marino ai poli.

Iniziamo dall'Artico, dove l'estensione del ghiaccio marino è stata del 4 per cento inferiore alla media a gennaio, il terzo livello più basso mai registrato.

Euronews
Anomalia del ghiaccio marino nell'Artico, gennaio 2023Euronews

In Antartide si ha la più bassa estensione di ghiaccio marino mai registrata per il mese di gennaio: il 31% al di sotto della media 1991-2020.

Euronews
Anomalia del ghiaccio marino nell'Antartico, gennaio 2023Euronews

I problemi per gli agricoltori

Nel reportage di questo mese ci concentriamo sulla ricerca per individuare gli alberi da frutto del futuro. Molte varietà europee hanno bisogno di un lungo inverno freddo per produrre buoni frutti in estate e il cambiamento climatico sta alterando i loro cicli naturali: siamo andati nel sud-ovest della Francia per saperne di più.

La scienziata Bénédicte Wenden è alla ricerca di varietà di mele, ciliegie, albicocche e pesche in grado di prosperare in un mondo più caldo.

Nel frutteto di ricerca vicino a Bordeaux, Wenden confronta cinque diverse varietà di ogni specie.

"Questo - dice la biologa - ha avuto la sua dose di freddo e ha percepito l'arrivo della primavera. Così ha iniziato a germogliare, mentre questa è ancora dormiente. E ha ancora bisogno del freddo prima di essere pronta a germogliare per la primavera".

Le varietà di alberi da frutto più adatte ad affrontare la crisi climatica

L'obiettivo a lungo termine è quello di identificare i tratti di diversi alberi che possano permetterci di creare varietà per l'anno 2050 e oltre.

"Il problema attuale è che, con l'aumento delle temperature in inverno, il bisogno di aria fredda degli alberi da frutto non è più soddisfatto - spiega Wenden - C'è da dire che, in effetti, non c'è più abbastanza azoto in inverno e, di conseguenza, la flora è irregolare con grossi problemi di produzione".

Si tratta di un problema a lungo termine: il grafico (foto in basso) mostra come le temperature medie invernali in Europa siano aumentate a partire dagli anni Cinquanta. E si prevede che la media aumenterà nei decenni a venire.

PUBBLICITÀ
Euronews
50 anni di temperature medie invernali in EuropaEuronews

Nel suo laboratorio, Bénedicte Wenden espone i rami campione alle calde condizioni primaverili per capire come rispondono alle diverse condizioni ambientali a livello genetico. Dice che non c'è una soluzione semplice.

Secondo la biologa, "è meglio avere un mix di varietà. Ad esempio, ci sono varietà ottime per gli inverni miti ma senza gelate. Altre se ci sono inverni freddi e gelate. Quindi - commenta - è meglio avere un mix di varietà per garantire la produzione. Complica le cose per i produttori, ma dà loro un margine in caso di variazioni climatiche".

Una possibile strada: diversificare la produzione

Garantire la produzione è esattamente la sfida per il coltivatore biologico Philippe Sfiligoï, che per due anni di fila ha perso i raccolti a causa delle gelate tardive e teme che lo stesso accada anche quest'anno:"Se la prossima settimana farà molto caldo, il rischio è che l'albero inizi a crescere. E il problema è che quando un albero inizia non si ferma più. Cioè ha cominciato il suo ciclo: può rallentare un po', ma non può fermarsi. Quindi, se tra qualche settimana ci sarà una gelata, sarà finita".

Non c'è una soluzione ideale, ma Philippe sta già cambiando varietà e si sta preparando per un pianeta più caldo: "Questa è un'Opale, può tollerare di avere un po' meno freddo in inverno. Questa è una Dalinette, sopporta molto bene le estati molto calde. Quindi, a poco a poco, stiamo adattando tutti i nostri frutteti a questo cambiamento climatico" dice Sfiligoï, mostrando i frutti.

Per approfondire questa storia date uno sguardo al nostro sito web, all'indirizzo euronews.com/climatenow. 

PUBBLICITÀ
Condividi questo articolo

Notizie correlate

Spagna, nelle campagne le fonti rinnovabili generano preoccupazione

I sindaci tedeschi spiegano perché stanno dando agli attivisti per il clima ciò che chiedono