Guerra in Ucraina: esposte a Berlino dodici opere d'arte salvate dal museo di Odessa

opere d'arte da Odessa in mostra a Berlino
opere d'arte da Odessa in mostra a Berlino Diritti d'autore Pinto, Fortunato/
Diritti d'autore Pinto, Fortunato/
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il museo Gemäldegalerie ospita dodici opere salvate dal Museo di Odessa all'inizio dell'invasione russa in Ucraina. L'iniziativa serve a sensibilizzare l'opinione pubblica sulla guerra e fa sentire un po' più a casa i centomila rifugiati ucraini nella capitale tedesca

PUBBLICITÀ

Inaugurata alla Gemäldegalerie di Berlino la mostra "Da Odessa a Berlino: pittura europea dal XVI al XIX secolo". L'esposizione presenta 12 dei 74 dipinti che sono stati rimossi dalla città ucraina di Odessa nel tentativo di proteggerli dall'invasione russa in Ucraina.

Dall'inizio della guerra, numerose opere d'arte sono state messe in contenitori protetti e rifugi sotterranei per tenerle al sicuro da bombardamenti e incendi. In seguito è stato deciso di inviarle all'estero per proteggerle. 

Quanti rifugiati ucraini ci sono in Germania

Negli ultimi due anni, oltre un milione di ucraini si sono recati in Germania come rifugiati. Oltre centomila rifugiati ucraini vivono attualmente a Berlino. **La mostra ha lo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla guerra e di mostrare il proprio sostegno agli ucraini che vivono in Germania. **

Il Museo d'arte occidentale e orientale di Odessa è stato inaugurato nel 1923 e contiene importanti opere di maestri italiani, olandesi, tedeschi e francesi. La maggior parte delle opere di artisti ucraini è esposta in altri musei. Nel luglio 2023, l'edificio del museo è stato danneggiato da un attacco russo.

Il museo di Odessa aiuta gli ucraini afflitti dalla guerra

Nonostante ciò, Igor Poronyk, direttore del museo, ha detto che il museo ha svolto un ruolo molto importante per la città dallo scoppio della guerra. "Quando c'è una guerra, la cultura diventa più importante per l'umanità. Perché la guerra è miseria, caos e oscurità. Ma la cultura è luce e normalità. Aiuta le persone a rimanere umane in una situazione disumana", ha aggiunto Poronyk.

La mostra durerà fino al 28 aprile 2024. Una mostra più ampia, che presenterà altre 74 opere a Berlino, avrà luogo nel corso dell'anno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Madonna in terracotta di Donatello: dall'anonimato delle strade di Firenze al Museo del Bargello

Odessa, raid russi danneggiano anche uno storico museo. Una decina i feriti

Biennale di Venezia: Leone d'oro all'Australia e al collettivo Maori Mataaho