EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Iran, uccisi, in casa, il regista Dariush Mehrjui e sua moglie

Il regista iraniano Dariush Mehrjui e sua moglie sono stati accoltellati a morte nella loro casa
Il regista iraniano Dariush Mehrjui e sua moglie sono stati accoltellati a morte nella loro casa Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di David Mouriquand
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Sebbene le autorità non abbiano fornito alcuna ipotesi sul movente, le uccisioni avvengono sulla scia di un giro di vite contro i critici del regime di Teheran

PUBBLICITÀ

L'acclamato regista iraniano Dariush Mehrjui e sua moglie, Vahideh Mohammadifar, sono stati pugnalati a morte, domenica 15 ottobre, nella loro casa da un aggressore sconosciuto, secondo quanto riportato dai media statali. 

L'agenzia di stampa ufficiale IRNA ha citato Hossein Fazeli, un funzionario della magistratura, secondo cui Mehrjhi e sua moglie sono stati trovati morti con ferite da coltello al collo.

Fazeli ha detto che la figlia del regista, Mona Mehrjui, ha trovato i corpi quando è andata a trovare il padre sabato (14 ottobre) sera nella casa in un sobborgo a circa 30 chilometri a ovest di Teheran.

Secondo un rapporto le autorità stanno indagando ma non è stata ancora fornita alcuna ipotesi sul movente, anche se Mohammadifar aveva scritto sui social di essere stato minacciato nelle ultime settimane.

Gli omicidi alimentano i sospetti sul coinvolgimento delle autorità, sulla scia di un giro di vite contro gli oppositori del regime di Teheran. 

Mehrjui, 83 anni, era noto come cofondatore della nuova ondata cinematografica iraniana dei primi anni '70, incentrata principalmente sul realismo, ed era stato a lungo critico nei confronti della censura di Stato. L'anno scorso aveva protestato con rabbia contro la decisione del governo di vietare il suo ultimo film.

La sua uccisione segue anche il recente anniversario della morte di Mahsa Amini sotto la custodia della polizia morale iraniana, che ha scatenato una rivolta e minacciato la Repubblica islamica.

Mehrjui ha studiato cinema da giovane negli Stati Uniti, presso l'Università della California, a Los Angeles, all'inizio degli anni Sessanta. In seguito ha vissuto in Francia per cinque anni.

È salito per la prima volta alla ribalta nazionale e internazionale con il film _La mucca (_1969), che racconta l'ossessione di un abitante del villaggio per il suo animale. Tra gli altri suoi film più importanti ricordiamo Hamoun, The Pear Tree e Leila.

Ha ricevuto numerosi premi, tra cui un Hugo d'argento al Chicago International Film Festival nel 1998 e una conchiglia d'oro al San Sebastián International Film Festival 1993. I suoi film sono stati celebrati nei festival internazionali, ma alcuni non sono stati distribuiti in Iran a causa della censura.

Risorse addizionali per questo articolo • AP, INRA

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Teheran, muore la 16enne Armita Geravand: forse picchiata dalla polizia perché non indossava il velo

A Mahsa Amini e al movimento "Donna, vita e libertà" il premio Sakharov

Dopo le critiche di Israele, Adidas costretta a rivedere la campagna di sneaker con Bella Hadid