Teheran, muore la 16enne Armita Geravand: forse picchiata dalla polizia perché non indossava il velo

Image
Image Diritti d'autore Iranian state television/Iranian state television
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'adolescente era in coma dal 1° ottobre. La scorsa settimana i medici ne avevano dichiarato la morte cerebrale

PUBBLICITÀ

È morta dopo un mese in coma Armita Geravand, la 16enne iraniana che secondo diverse organizzazioni per i diritti umani sarebbe stata picchiata dalla polizia nella metropolitana di Teheran, il 1° ottobre scorso, perché non indossava il velo, obbligatorio per le donne negli spazi pubblici. Lo ha riferito l'agenzia di stampa statale iraniana Irna. La scorsa settimana i medici ne avevano dichiarato lo stato di morte cerebrale. 

Le circostanze in cui Geravand è rimasta ferita non sono ancora chiare. L'unica prova è fornita dalle immagini delle telecamere di sorveglianza della metropolitana di Teheran, che mostrano l'adolescente entrare in una fermata nella zona sud della capitale a capo scoperto e poi salire in un vagone della metro insieme ad altre due ragazze. 

Pochi attimi dopo si vede una delle ragazze scendere dal treno e piegarsi in avanti, per poi trascinare fuori Geravand con l'aiuto di altri passeggeri. Apparentemente incosciente la 16enne viene poi soccorsa e portata via in barella. La visuale della scena è parzialmente coperta prima dalla presenza di un uomo, poi dalla segnaletica della metropolitana. 

Le autorità iraniane hanno negato che ci sia stato uno scontro tra l'adolescente e la polizia.

La morte di Geravand richiama la vicenda della 22enne Mahsa Amini, la cui morte nel settembre 2022 nelle mani della polizia, che l'aveva arrestata perché non indossava correttamente l'hijab, scatenò enormi proteste in tutto il Paese, tanto che si parlò di una possibile "rivoluzione" contro il regime autoritario e teocratico iraniano. 

Alla fine, però, le massicce manifestazioni pubbliche furono represse dal regime con la violenza, transformandosi piuttosto in un movimento di resistenza soprattutto femminile. Le donne iraniane, infatti, hanno continuato a esprimere il loro dissenso sfidando la legge sul velo obbligatorio. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il premio Nobel per la pace all'attivista iraniana Narges Mohammadi ritirato dalla famiglia

Due giornaliste iraniane condannate a sei e sette anni di carcere: avevano scritto di Mahsa Amini

Iran, uccisi, in casa, il regista Dariush Mehrjui e sua moglie