L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Le raffinerie di petrolio russe svolgono un ruolo cruciale nell'economia del paese e nella sua presenza energetica globale
Le raffinerie di petrolio russe svolgono un ruolo cruciale nell'economia del paese e nella sua presenza energetica globale Diritti d'autore AP/Governor of Bryansk Region Alexander Bogomaz telegram channel AV BogomazZ
Di Aleksandar Djokic
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I recenti attacchi con i droni alle raffinerie di petrolio russe e il conseguente impatto economico su Mosca sono diventati una delle campagne di maggior successo dell'Ucraina

PUBBLICITÀ

Lo scorso anno è stato caratterizzato da un diffuso ottimismo per lo sforzo bellico ucraino, mentre quest'anno un cupo pessimismo incombe sul panorama dell'informazione. Secondo alcuni, entrambi i punti di vista erano - e rimangono - esagerati.

A giudicare dall'attuale andamento della guerra, la Russia sembrerebbe aver la meglio. Sebbene questa tendenza possa essere invertita con il ripristino degli aiuti statunitensi all'Ucraina, gli attacchi dei droni alle raffinerie di petrolio russe e il loro impatto economico sono diventati una delle campagne ucraine di maggior successo.

L'Ucraina sposta la guerra in Russia: colpito il 16% della produzione di carburante

Superato il secondo anniversario dell'invasione russa, l'intensità del conflitto armato tra Mosca e Kiev non accenna a diminuire. Mentre la Russia sta aumentando i bombardamenti al frontee gli attacchi missilistici alla rete energetica del Paese, l'Ucraina si è concentrata sugli attacchi con i droni alle raffinerie di petrolio russe e alla sua Flotta del Mar Nero. Entrambi hanno un impatto economico distinto.

A partire da gennaio e fino alla fine di marzo, le forze armate ucraine hanno lanciato 23 attacchi contro le raffinerie e gli impianti di stoccaggio del petrolio russo. Washington non ha appoggiato gli attacchi, in quanto contrari alla strategia generale dell'amministrazione Biden secondo cui l'Ucraina non dovrebbe portare la guerra sul territorio russo.

Tuttavia, come ha recentemente dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un'intervista al Washington Post, la reazione degli Stati Uniti "non è stata positiva. Abbiamo usato i nostri droni. Gli Stati Uniti possono limitare solo l'uso  degli armamenti che hanno fornito all'Ucraina", ha spiegato Zelensky.

Finora, l'Ucraina ha temporaneamente messo fuori gioco il 16 per cento della produzione russa di carburante. Alcune raffinerie sono state colpite con risultati diversi: l'impianto di Volgograd, ad esempio, è stato gravemente danneggiato e potrebbe richiedere tempo, secondo il quotidiano russo Kommersant, almeno fino all'inizio dell'estate per essere riparato. Altre non hanno subito gravi danni, come la raffineria di petrolio di Ilsky, che è stata riparata in meno di un mese.

Le raffinerie di petrolio e il ruolo cruciale nell'economia russa

La direttrice del Programma internazionale della Kyiv School of Economics, Elina Ribakova, ha dichiarato a Euronews che "questi attacchi creeranno molti danni e rimettere in sesto le raffinerie sarà impegnativo".

Le raffinerie russe svolgono un ruolo cruciale nell'economia del Paese a livello globale. I vari prodotti petroliferi che ne derivano sono destinati sia al consumo interno che ai mercati internazionali di esportazione. Tra i maggiori produttori di petrolio al mondo, la Russia fa grande affidamento sulle sue raffinerie per mantenere la sua posizione attuale  nel panorama energetico globale.

Gli attacchi aerei ucraini contro le raffinerie russe hanno danneggiato questo settore vitale, causando perdite immediate nella produzione, interruzioni della catena di approvvigionamento e numerosi problemi operativi a causa dei vari danni alle infrastrutture. Questi attacchi non solo colpiscono l'infrastruttura economica russa, ma rappresentano anche una mossa strategica dell'Ucraina per vendicarsi dell'aggressione russa

Un uomo pesca sul ghiaccio del Golfo di Finlandia sullo sfondo dei serbatoi di petrolio di San Pietroburgo
Un uomo pesca sul ghiaccio del Golfo di Finlandia sullo sfondo dei serbatoi di petrolio di San PietroburgoDmitri Lovetsky/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

"Poiché la capacità di importazione russa di prodotti petroliferi raffinati è limitata nel breve periodo, dato che le raffinerie sono impostate per l'esportazione si tratta in realtà di un modo piuttosto intelligente di provocare perturbazioni nel mercato russo, con un impatto limitato a livello globale", ha dichiarato a Euronews Aslak Berg, ricercatore presso il Centre for European Reform.

Berg ha sottolineato come la strategia dell'Ucraina sia stata finora quella di colpire le raffinerie russe e non gli impianti di produzione di greggio o le piattaforme di esportazione del Paese. "Questo causa problemi al mercato interno russo dei prodotti raffinati, ma per il resto del mondo il calo delle esportazioni russe di prodotti sarà compensato dall'aumento delle esportazioni di greggio", ha spiegato Berg.

Quando i funzionari statunitensi hanno espresso il loro disaccordo con questa particolare campagna ucraina, alcuni analisti hanno immediatamente ipotizzato che lo scetticismo proveniente da Washington sia legato ai timori di un potenziale aumento dei prezzi della benzina e del gasolio negli Stati Uniti durante un anno elettorale chiave.

Timore che gli Stati Uniti esitino ad aiutare l'Ucraina

Mentre gli esperti ritengono che l'attuale campagna ucraina, se limitata alle raffinerie di petrolio russe, non causerà grandi perturbazioni nel mercato globale, l'analista di materie prime di Ubs Global Wealth Management Giovanni Staunovo ha dichiarato a Euronews che "a causa della limitata capacità di raffinazione globale al momento, altre raffinerie al di fuori della Russia potrebbero ridurre la propria produttività e non compensare le interruzioni delle raffinerie russe".

Alcuni operatori di mercato non fanno questa distinzione o "temono che gli attacchi dei droni possano colpire anche i terminali di esportazione del greggio infuturo. Di conseguenza, anche i prezzi del greggio aumentano", ha detto Staunovo.

A seconda della portata della campagna ucraina, l'impatto negativo degli attacchi sull'economia interna russa potrebbe ripercuotersi sul mercato globale. 

 Ricordiamo che Mosca ha già ridotto le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati a partire dal 1° marzo per soddisfare la domanda interna ed evitare un' impennata dei prezzi di benzina e diesel.

L'Ucraina deve essere consapevole dei potenziali costi per il mercato petrolifero globale

Jens Nordvig, fondatore e amministratore delegato di Exante Data, ha spiegato a Euronews che "se questi attacchi si protrarranno genereranno difficoltà per l'esportazione del greggio. Sarebbe logico supporre che il prezzo del petrolio superi i 90  dollari al barile del Brent, sia per l'effetto diretto dell'offerta che per l'incertezza aggiuntiva che gioca sui premi di rischio.

L'Ucraina deve trovare un delicato equilibrio tra il volere infliggere il maggior danno possibile all'economia russa in modo da avere il minor impatto possibile sul mercato globale del petrolio raffinato e greggio.

PUBBLICITÀ

Nel contempo, Kiev dovrebbe prestare attenzione a come il mercato reagisce alla sua campagna di attacchi con i droni, perché deve considerare anche gli interessi dei suoi alleati.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, ricordando Bucha: "Cadaveri per le strade e seppelliti senza essere identificati"

Vertice Nato a Bruxelles: "Più soldi per l'Ucraina, più soldi per la difesa"

Ucraina, le linee del fronte rischiano di crollare sotto offensiva russa: la rivelazione a Politico