Politica UE. La previdenza complementare europea di Bruxelles non funziona

L'UE vuole incoraggiare il risparmio previdenziale
L'UE vuole incoraggiare il risparmio previdenziale Diritti d'autore Tirelire Avenue/Pixabay
Diritti d'autore Tirelire Avenue/Pixabay
Di Jack Schickler
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

A due anni dall'entrata in vigore della nuova legge, il tanto annunciato prodotto pensionistico paneuropeo ha un solo fornitore, in soli quattro Stati membri.

PUBBLICITÀ

Cinque anni dopo il lancio del nuovo prodotto pensionistico paneuropeo, il PEPP, il bilancio è alquanto deludente. Attualmente c'è un solo fornitore: Finax. L'amministratore delegato Juraj Hrbatý afferma che il suo PEPP ha circa 11 milioni di euro di asset in gestione e attualmente è disponibile solo per i risparmiatori di quattro Stati membri.

"Dopo un anno di funzionamento serio, avevamo circa 5.000 clienti", ha dichiarato Hrbatý a Euronews. "È meno di quanto ci aspettassimo". Lo ammette lui stesso: la sua nuova società è, nel contesto dell'industria pensionistica da mille miliardi di euro del blocco, ancora solo "una briciola".

Poco prima delle ultime elezioni europee del 2019, l'ex vicepresidente della Commissione Jyrki Katainen aveva dichiarato che il PEPP avrebbe "dato a tutti i cittadini l'opportunità di risparmiare per la pensione", aprendo un "autentico mercato pan-europeo".

Un successivo sondaggio dell'Eiopa, l'ente previdenziale dell'Ue, condotto nel febbraio 2022, appena un mese prima dell'entrata in vigore del regolamento, ha indicato che 21 aziende, soprattutto assicuratori e gestori patrimoniali, stavano prendendo in considerazione un piano pensionistico approvato dall'Ue.

Ma queste aspirazioni non sembrano ancora essersi concretizzate. Forse i potenziali fornitori sono stati scoraggiati dalla lunga lista di requisiti legali dell'UE: offrire consulenza ai risparmiatori e garantire i rendimenti, il tutto mantenendo le commissioni al di sotto dell'1% del capitale.

L'esperienza di Finax dimostra quanto possa essere difficile quando le aspirazioni politiche si scontrano con la realtà burocratica.

Hrbatý dice di essersi "innamorato" del concetto di PEPP, con un focus sull'equità e una portata paneuropea che risponde alle preoccupazioni dei giovani lavoratori che intendono fare carriera oltre confine.

Ma ottenere una licenza dall'autorità di regolamentazione nazionale è già "piuttosto complicato". In Polonia, dove si trova la metà dei clienti PEPP di Finax, la legge è entrata in vigore solo a settembre; in Belgio non esiste affatto. Non ci sono incentivi fiscali per l'utilizzo del prodotto in Germania, Svezia o Austria, mentre nel suo Paese, la Slovacchia, il prodotto vale solo 34 euro.

Grandi divergenze tra i vari Paesi dell'Ue

Anche gli ideatori della legge ammettono che i risultati sono deludenti.

"Il risultato finale è sicuramente imperfetto... ovviamente speravamo in qualcosa di più" di un unico fornitore di PEPP, ha dichiarato Jorik van Zanden, che in qualità di collaboratore di Sophie in 't Veld (Paesi Bassi/Renew Europe) ha avuto un ruolo chiave nella stesura della legge.

Il risultato finale è sicuramente imperfetto... ovviamente speravamo in qualcosa di più.
Jorik van Zanden
Collaboratore di Sophie in 't Veld (Paesi Bassi/Renew Europe)

Van Zanden, ora dottorando presso l'Università di Utrecht, ha affermato che l'avventura dell'Ue nel diritto pensionistico è "già un passo nella giusta direzione" e che è a conoscenza di altri fornitori che stanno ancora valutando la possibilità di lanciare PEPP in Paesi con un mercato più sviluppato.

Ma è facile capire perché il progetto di unificare le pensioni dell'Ue sia un progetto con la strada in salita. Gli Stati membri differiscono enormemente nelle strutture industriali, nelle aspettative dei consumatori e nelle agevolazioni fiscali. Il risparmio pensionistico privato varia dall'1% del PIL in alcuni Paesi a oltre il 200% in altri.

Nei mercati più avanzati, come i Paesi Bassi, la domanda di alternative europee è minore, mentre altri prevedono di affidarsi alle prestazioni statali.

A quanto mi risulta, nessun Paese ha modificato il proprio trattamento fiscale per applicarlo ai prodotti PEPP.
Nicolas Jeanmart
Insurance Europe

Inoltre, pochi governi sono interessati a riformare le strutture fiscali per soddisfare i capricci di Bruxelles. "A quanto mi risulta, nessun Paese ha modificato il proprio trattamento fiscale per applicarlo ai prodotti PEPP", ha dichiarato a Euronews Nicolas Jeanmart, responsabile del settore assicurazioni personali e generali del gruppo di pressione Insurance Europe. "Non mi aspetterei che nel prossimo futuro una compagnia assicurativa offra un PEPP", ha aggiunto Jeanmart, sottolineando i vincoli normativi che escludono qualsiasi modello commerciale praticabile. "C'è una serie di questioni che dovrebbero essere superate perché la situazione cambi radicalmente".

Un mercato fallito?

Per altri, invece, è il settore a dover essere cambiato, non la legislazione.

"Il problema non è il PEPP", ha dichiarato a Euronews Sébastien Commain, responsabile della ricerca e delle politiche di Better Finance, citando gli incentivi finanziari che i consulenti intermediari possono ricevere raccomandando prodotti meno adatti: "Il PEPP è un prodotto competitivo in un mercato non equo".

Il PEPP è un prodotto competitivo in un mercato non equo.
Sébastien Commain
Responsabile della ricerca e delle politiche di Better Finance

Commain, il cui gruppo di pressione rappresenta gli utenti dei servizi finanziari, vede buone prospettive per i nuovi operatori del mercato come Finax.

Iscrivetevi qui per rimanere informati sugli ultimi sviluppi politici dell'Ue con la nostra newsletter settimanale, "The Policy Briefing". Il vostro approfondimento settimanale su normative europee, questioni politiche, eventi chiave e tendenze.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il dilemma della difesa europea: la difficoltà di soppesare costi e benefici

The Big Question: l'eccessivo uso di cloud può avere un impatto negativo sull'ambiente?

Qual è il miglior Paese in Europa per le donne che lavorano?