La guerra dei microchip

Semiconductor production facility in Beijing
Semiconductor production facility in Beijing Diritti d'autore Mark Schiefelbein/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di Jack ParrockAlberto de Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Cina rischia di conquistare il monopolio di microchip e semiconduttori. L'Unione Europea cerca di correre ai ripari in un settore strategico

PUBBLICITÀ

Le case automobilistiche europee sono state costrette a rallentare la produzione a causa della carenza di chip e semiconduttori. È anche il caso degli Stati Uniti.

E con una carenza globale di semiconduttori, la Cina che li produce sta prendendo un grande vantaggio. Ecco perché la Commissione Europea ha delineato una nuova politica industriale.

Cosi' Thierry Breton - Commissario UE per il mercato interno: "Per l'industria automobilistica, nei prossimi anni, per le auto intelligenti,  i semiconduttori rappresenteranno il 35% del prezzo di un veicolo. Quindi voglio dire che è un settore strategico. Ne abbiamo compreso l'importanza su scala globale ed è la Cina che ne produce la maggior parte. 20 anni fa l'Europa produceva il 40% del fabbisogno globale di semiconduttori, oggi è il 9% ".

Il settore automobilistico europeo rappresenta oltre il 6% dell'economia europea e impiega quasi 14 milioni di persone.

Bruxelles vuole creare una cosiddetta alleanza europea per i semiconduttori, per alimentare la produzione nazionale e per sostenere gli Stati membri a lavorare insieme.

È un progetto simile all'alleanza europea per le batterie che è stata lanciata nel 2017 e ha attirato 100 miliardi di euro di investimenti.

La Commissione Europea ha dettagliato 34 prodotti, 137 materiali e 32 settori che considera di significativa importanza strategica. Oltre la metà di questi articoli strategici viene attualmente importata nell'UE dalla Cina. Poiché i semiconduttori sono presenti nella tecnologia che tutti usiamo ogni giorno, gli economisti avvertono che ci sarà un effetto diretto sulle nostre vite.

Dice Simone Tagliapietra - Senior Fellow presso Bruegel: "Prezzi più alti e sostanzialmente meno disponibilità di opzioni quando si vuole comprare qualcosa. Questo è l'impatto diretto di questa situazione sui cittadini, ed è proprio per proteggere i cittadini europei a questo proposito che l'Europa deve intervenire".

Bruxelles afferma che la politica industriale sosterrà anche il progetto europeo di arrivare alla neutralità climatica entro il 2050.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Commissione taglia le previsioni di crescita dell'Ue e dell'Italia: in calo anche l'Inflazione

La Germania scalza il Giappone: è la terza economia mondiale

Come saranno i salari minimi in Europa nel 2024?