EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Le banche della City di Londra al bivio della Brexit

Le banche della City di Londra al bivio della Brexit
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La City di Londra inizia a interrogarsi sul futuro delle sue banche quando sarà completata la Brexit.

PUBBLICITÀ

La City di Londra inizia a interrogarsi sul futuro delle sue banche quando sarà completata la Brexit.

Circa un milione di persone lavorano nei settori bancario e finanziario che rappresentano la principale voce nelle esportazioni del Regno Unito.

Un trasferimento in massa delle sedi londinesi potrebbe mettere a rischio lo status di Londra di centro finanziario leader del Vecchio Continente.

“Molte persone lavorano nella City di Londra – ricorda Jeremy Brown, portavoce della City -dove si produce un gettito enorme per le entrate fiscali del governo britannico e serve l’economia britannica così come l’economia europea”.

Alcuni colossi assicurativi stanno già aprendo sedi nell’Unione, ma l’organo di vigilanza della Bce avverte: le banche che operano nell’Eurozona non devono essere “società bancarie fittizie”.

“Londra è un centro finanziario, non solo per l’Europa e per l’Unione europea, ma per tutto il mondo – dice J.P. Leschly Neergaard, Direttore Internazionale della Danske Bank – Londra protegge, da diversi anni, un gran numero di interessi finanziari europei”.

I gruppi energetici britannici avvertono il governo: la Brexit potrebbe costare all’industria petrolifera e del gas fino a 600 milioni di euro in più, un onere che il comparto non può sopportare e che minerebbe la fragile ripresa in corso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Bce lascia invariati i tassi di interesse: il controllo dell'inflazione resta fondamentale

Il sentimento economico per la Germania scende più del previsto: ripresa a rischio?

Elezioni Francia, cosa cambia per l'economia se vince il Rassemblement national?