EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Festa per l'Eid al-Adha: migliaia di pellegrini musulmani celebrano i riti finali dell'Hajj

Pellegrini musulmani lanciano pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, l'ultimo rito dell'annuale hajj, a Mina, vicino alla città della Mecca, in Arabia Saudita, il 16 giugno 2024.
Pellegrini musulmani lanciano pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, l'ultimo rito dell'annuale hajj, a Mina, vicino alla città della Mecca, in Arabia Saudita, il 16 giugno 2024. Diritti d'autore Rafiq Maqbool/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Rafiq Maqbool/Copyright 2024 The AP. All rights reserved
Di Daniel Bellamy Agenzie:  AP
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Masse di pellegrini si sono imbarcate domenica in Arabia Saudita in occasione dell'Eid al -Adha, per una simbolica lapidazione del diavolo, nonostante le temperature fino a 47 gradi

PUBBLICITÀ

Masse di pellegrini si sono imbarcati domenica in Arabia Saudita in una simbolica lapidazione del diavolo sotto il caldo estivo. Il rituale segna gli ultimi giorni dell'Hajj, o pellegrinaggio islamico, e l'inizio delle celebrazioni dell'Eid al-Adha per i musulmani di tutto il mondo.

La lapidazione è uno dei riti finali dell'Hajj, che è uno dei Cinque Pilastri dell'Islam. È avvenuta un giorno dopo che più di 1,8 milioni di pellegrini si sono radunati sulla collina sacra nota come Monte Arafat, fuori dalla città santa della Mecca, che i pellegrini musulmani visitano per eseguire i rituali annuali di cinque giorni del Hajj.

I pellegrini hanno lasciato il Monte Arafat sabato sera per trascorrere la notte in un sito vicino, noto come Muzdalifa, dove hanno raccolto ciottoli da utilizzare per la lapidazione simbolica dei pilastri che rappresentano il diavolo.

Pellegrini musulmani lanciano pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, l'ultimo rito dell'annuale hajj, a Mina, in Arabia Saudita, il 16 giugno 2024.
Pellegrini musulmani lanciano pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, l'ultimo rito dell'annuale hajj, a Mina, in Arabia Saudita, il 16 giugno 2024.AP

I pilastri si trovano in un altro luogo sacro della Mecca, chiamato Mina, dove i musulmani ritengono che la fede di Ibrahim sia stata messa alla prova quando Dio gli ordinò di sacrificare il suo unico figlio Ismail. Ibrahim era pronto a sottomettersi al comando, ma poi Dio fermò la sua mano, risparmiando il figlio. Nella versione cristiana ed ebraica della storia, ad Abramo viene ordinato di uccidere l'altro figlio, Isacco.

Domenica mattina, la folla si è diretta a piedi verso le aree di lapidazione. La maggior parte dei pellegrini è stata vista coperta dagli ombrelli per proteggersi dal sole estivo.

Un reporter dell'Associated Press ha visto molti pellegrini, soprattutto anziani, crollare sulla strada che porta ai pilastri a causa del caldo torrido. Le forze di sicurezza e i medici sono stati dispiegati per aiutare, trasportando coloro che svenivano su barelle fuori dal calore verso ambulanze e gli ospedali da campo. Con l'aumento della temperatura a mezzogiorno, sempre più persone hanno avuto bisogno di assistenza medica. Secondo le autorità meteorologiche saudite, il caldo ha raggiunto i 47 gradi Celsius alla Mecca e i 46 gradi Celsius a Mina.

Nonostante il caldo soffocante, in molti hanno espresso la loro gioia per essere riusciti a completare il loro pellegrinaggio.

Pellegrini musulmani arrivano per lanciare pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, rito dell'annuale hajj, a Mina, in Arabia Saudita 16/06/2024
Pellegrini musulmani arrivano per lanciare pietre contro i pilastri nella simbolica lapidazione del diavolo, rito dell'annuale hajj, a Mina, in Arabia Saudita 16/06/2024AP

"Grazie a Dio, (il processo) è stato gioioso e positivo", ha detto Abdel-Moaty Abu Ghoneima, un pellegrino egiziano. "Nessuno vuole più di questo". Molti pellegrini trascorreranno fino a tre giorni a Mina. Ogni persona getterà sette sassolini sui tre pilastri in un rituale che simboleggia l'allontanamento del male e del peccato.

Mentre si trovano a Mina, visitano la Mecca per eseguire il "tawaf", o circumambulazione, che consiste nel girare intorno alla Kaaba nella Grande Moschea in senso antiorario per sette volte. Poi un'altra circumambulazione, il Tawaf d'addio, segnerà la fine dell'Hajj quando i pellegrini si prepareranno a lasciare la città santa.

I riti coincidono con i quattro giorni di Eid al-Adha, che significa "Festa del sacrificio", quando i musulmani dotati di mezzi finanziari commentano la prova di fede di Ibrahim macellando bestiame e animali e distribuendo la carne ai poveri. La maggior parte dei Paesi ha celebrato l'Eid al-Adha domenica. Altri, come l'Indonesia, la celebreranno lunedì.

Una volta terminato l'Hajj, gli uomini devono radersi la testa e togliersi gli abiti bianchi simili a sudari indossati durante il pellegrinaggio, mentre le donne devono tagliarsi una ciocca di capelli in segno di rinnovamento e rinascita.

La maggior parte dei pellegrini lascia poi La Mecca per raggiungere la città di Medina, a circa 340 chilometri di distanza, per pregare nella tomba del Profeta Maometto, la Camera Sacra. La tomba fa parte della moschea del Profeta, uno dei tre siti più sacri dell'Islam, insieme alla Grande Moschea della Mecca e alla Moschea di Al Aqsa a Gerusalemme.

Pellegrini musulmani circumambulano la Kaaba, l'edificio cubico della Grande Moschea, durante l'annuale pellegrinaggio Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, 16 giugno 2024
Pellegrini musulmani circumambulano la Kaaba, l'edificio cubico della Grande Moschea, durante l'annuale pellegrinaggio Hajj alla Mecca, Arabia Saudita, 16 giugno 2024AP

Tutti i musulmani sono tenuti a compiere l'Hajj una volta nella vita, se sono fisicamente e finanziariamente in grado di farlo. Molti musulmani benestanti compiono il pellegrinaggio più di una volta. Secondo il Corano, il libro sacro dell'Islam, i rituali commemorano in gran parte i racconti del profeta Ibrahim e di suo figlio, il profeta Ismail, la madre di Ismail, Hajar, e il profeta Muhammad.

Più di 1,83 milioni di musulmani hanno effettuato l'Hajj nel 2024, ha dichiarato il ministro saudita per l'Hajj e l'Umrah Tawfiq bin Fawzan al-Rabiah in un briefing, un numero leggermente inferiore alle cifre dell'anno scorso, quando 1,84 milioni hanno effettuato il rito.

La maggior parte dei riti dell'Hajj si svolge all'aperto, con poca o nessuna ombra. Il pellegrinaggio si svolge nella seconda settimana di Dhu al-Hijjah, l'ultimo mese del calendario lunare islamico, quindi il periodo dell'anno varia. Quest'anno il pellegrinaggio è caduto nell'estate rovente dell'Arabia Saudita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arabia Saudita: tutto pieno alla Mecca, come è cresciuto l'indotto economico intorno all'Hajj

Germania, uomo accoltella varie persone nel centro di Mannheim: ferito attivista anti Islam

Supercoppa Arabia Saudita: Rubiales rientrerà in Spagna per collaborare all'indagine giudiziaria