EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Risoluzione Onu per commemorare il genocidio di Srebrenica, serbi in protesta

Il presidente serbo Aleksandar Vucic
Il presidente serbo Aleksandar Vucic Diritti d'autore Sarah Meyssonnier/AP
Diritti d'autore Sarah Meyssonnier/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'approvazione della risoluzione delle Nazioni Unite per istituire una giornata internazionale a memoria delle vittime del genocidio di Srebrenica ha destato rabbia in Serbia. Proteste anche tra i serbi di Bosnia a Podgorica

PUBBLICITÀ

Malgrado il disappunto per la risoluzione approvata giovedì dall'assemblea generale delle Nazioni Unite per commemorare annualmente il genocidio di Srebrenica, il presidente della Serbia Aleksandar Vučić si è mostrato soddisfatto perché meno Paesi hanno votato a favore rispetto al numero inizialmente auspicato dai promotori della proposta. 

Con 84 voti a favore, 19 contro e 68 astenuti, la risoluzione prevede l'istituzione di una giornata commemorativa per il genocidio di Srebrenica, l'11 luglio. In questa data, quasi trent'anni fa, le forze serbe e i serbi di Bosnia invasero un'area protetta dalle Nazioni Unite a Srebrenica massacrando almeno ottomila uomini e ragazzi bosgnacchi, ovvero musulmani bosniaci. Nel testo la Serbia non è indicata come colpevole.

Vučić: "Risoluzione non favorirà la riconciliazione"

"Voglio dire che coloro che volevano etichettare i serbi come 'popolo genocida' non hanno avuto successo", ha detto Vučić da New York. Tuttavia ha sottolineato la sua volontà di onorare tutte le vittime di crimini e massacri, indipendentemente dall'etnia e dall'appartenenza religiosa. In molti vi hanno visto un tentativo di demonizzare il popolo serbo.

Tale risoluzione, ha detto il presidente, non contribuirà in alcun modo a favorire la riconciliazione tra i popoli in Bosnia ed Erzegovina e la stabilizzazione nei Balcani, ma al contrario riaprirà vecchie e dolorose ferite, causando nuove profonde divisioni. "Perché proporre ora tale risoluzione, quando già nel 2015 ne era stata presentata una su Srebrenica, e dopo che tutti i diretti responsabili dei massacri sono stati individuati, processati e condannati a pene detentive?", ha chiesto Vučić che ha accusato vari Paesi di esercitare forti pressioni sulla Serbia per motivazioni politiche.

Di tutt'altro tono è stata la reazione della Bosnia. Il ministro degli Esteri Elmedin Konakovic ha definito la decisione una "vittoria della verità". "La risoluzione dell'Onu su Srebrenica invia un messaggio ancora più chiaro a coloro che negano il genocidio e glorificano i criminali di guerra", ha affermato. "Non ci sarà nessuna destabilizzazione e nemmeno una separazione pacifica in Bosnia Erzegovina di cui parla Dodik adesso", ha detto Konakovic.

Il capo della diplomazia bosniaca ha quindi annunciato che invierà una nota di protesta a tutti i Paesi che hanno votato contro la risoluzione perché "hanno negato le sentenze dei tribunali internazionali"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia, il Paese balcanico tra derive autoritarie e adesione all'Unione europea

Xi a Belgrado, per Cina e Serbia una visita di successo: firmato accordo di libero scambio

Xi sostiene "tregua olimpica" dei conflitti proposta da Macron, il presidente cinese in Serbia