EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Gaza, atteso sì di Hamas a tregua, Netanyahu: "Entreremo a Rafah con o senza accordo"

Il ministro degli Esteri del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, e il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, a Riad per discutere di Gaza (29 aprile 2024)
Il ministro degli Esteri del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, e il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, a Riad per discutere di Gaza (29 aprile 2024) Diritti d'autore Evelyn Hockstein/AP
Diritti d'autore Evelyn Hockstein/AP
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si aspetta la risposta di Hamas all'offerta israeliana di cessate il fuoco in cambio di 33 ostaggi, appoggiata da Arabia Saudita e Stati Uniti e mediata con Egitto e Qatar. In caso di risposta negativa, Israele attaccherà Rafah in 48-72 ore

PUBBLICITÀ

Si attende una risposta di Hamas all'offerta israeliana di cessate il fuoco di 40 giorni e la scarcerazione di centinaia di detenuti palestinesi in cambio del rilascio di decine di ostaggi israeliani a Gaza, che le potenze regionali (Arabia Saudita, Egitto e Qatar) e gli Stati Uniti hanno discusso durante la visita del segretario di Stato Usa, Antony Blinken, a Riad lunedì. 

A rivelare dettagli sul piano è stato il ministro degli esteri britannico, David Cameron, presente in Arabia Saudita al World Economic Forum, che ha definito l'offerta "generosa".

Lo stesso presidente Usa, Joe Biden, ha parlato dell'accordo lunedì in due telefonate con l'emiro del Qatar, Sheikh Tamim bin Hamad Al Thani, e con il presidente egiziano Abdel Fattah A- Sisi.

Israele ha chiesto il rilascio di 33 ostaggi, Hamas la fine della guerra a Gaza

Israele aveva chiesto inizialmente la liberazione di 40 ostaggi e sarebbe scesa a 33 secondo la Cnn. In caso di esito negativo alla proposta di tregua, verrà lanciata l'invasione preparata da settimane su Rafah nel giro di "qualche giorno" secondo la radio militare israeliana Glz, massimo tre secondo il sito isrealiano Ynet. 

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è sotto pressione da parte dei familiari degli ostaggi per un accordo, e nella direzione opposta, da parte dei membri della destra radicale del suo governo. Durante un incontro con i rappresentanti delle famiglie degli ostaggi e delle famiglie, il premier israeliano ha dichiarato che "l'idea di porre fine alla guerra prima di raggiungere tutti i nostri obiettivi è inaccettabile. Noi entreremo a Rafah e annienteremo tutti i battaglioni di Hamas presenti lì, con o senza un accordo, per ottenere la vittoria totale". 

Blinken sarà a Tel Aviv mercoledì dopo una tappa in Giordania.

Un portavoce di Hamas, Osama Hamdan, ha dichiarato ad Al Jazeera che non c'è niente di generoso "nel fermare un crimine" ma ha concesso che è chiaro che Israele non voglia un "cessate il fuoco completo". Una delegazione di Hamas era al Cairo lunedì.

Nuovi raid su Gaza, la Cig decide sulle armi della Germania a Israele

Attacchi aerei israeliani hanno ucciso tre persone nel campo profughi di Nuseirat e due persone a Gaza City, portando il numero di morti nella Striscia lunedì a 47 nelle ultime ventiquattro ore secondo le autorità sanitarie palestinesi.

Secondo l'esercito israeliano sono state colpite gallerie sotterranee e postazioni di missili e razzi dopo alcuni lanci verso Sderot, nel sud del Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, l'ultimatum di Israele a Hamas: intesa entro una settimana o entriamo a Rafah

Usa: 300 arresti alla Columbia, manifestanti pro israeliani assaltano pro palestinesi alla Ucla

Israele sequestra attrezzatura Ap e blocca diretta su Gaza: ha usato la legge anti Al Jazeera