Gaza, summit a Cipro per il corridoio marittimo umanitario: "Lavoriamo per aumentare la capacità"

Aiuti umanitari paracadutati sulla Striscia di Gaza, 20 marzo 2024
Aiuti umanitari paracadutati sulla Striscia di Gaza, 20 marzo 2024 Diritti d'autore Leo Correa/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I funzionari di 36 Paesi, tra cui l'Italia, le agenzie delle Nazioni Unite e altre entità si sono riunite a Nicosia per continuare a coordinarsi sull'operatività di Amaltheia, il corridoio marittimo umanitario inaugurato la scorsa settimana con la consegna di 200 tonnellate di prodotti alimentari

PUBBLICITÀ

I funzionari di 36 Paesi, tra cui anche l'Italia, le agenzie delle Nazioni Unite e altre entità sono riunite a Nicosia, la capitale di Cipro, per discutere del coordinamentonecessario per l'operatività del corridoio marittimo umanitario che collega l'isola alla Striscia di Gaza, inaugurato la scorsa settimana

Attraverso Amaltheia, il primo corridoio ad aggirare il blocco navale di Israele su Gaza, ha permesso l'arrivo sulle coste dell'enclavepalestinese, lo scorso 15 marzo, di duecento tonnellate di prodotti alimentari a bordo di una nave della ong spagnola Open arms.Nei prossimi giorni dovrebbero partire altre due imbarcazioni, condizioni meteorologiche permettendo.

Sulla Striscia continuano a essere paracadutati gli aiuti umanitari, ma il carico di rifornimenti non è nemmeno lontanamente sufficiente a fronteggiare la sempre più grave crisi alimentare che sta colpendo la popolazione di Gaza.

Il corridoio marittimo umanitario Amaltheia verso la piena operatività

Alla riunione partecipano Sigrid Kaag, senior coordinator delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari e la ricostruzione di Gaza, e Curtis Ried, capo dello staff del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. 

"Stiamo discutendo su come aumentare la capacità operativa sia in termini di partenze e di mezzi di trasporto, che in relazione alla metodologia di accoglienza e distribuzione", ha detto il ministro degli Esteri di Cipro, Constantinos Kombos

Alla domanda su quante navi potrebbero partire da Cipro con gli aiuti, una volta che l'iniziativa sarà a pieno regime, Kombos ha sottolineato: "Il maggior numero possibile, tenuta in considerazione la nostra capacità operativa. Dobbiamo ricordare che ci sono limitazioni in termini di ricezione e distribuzione, e il punto non è solo accumulare aiuti qui e aspettare che vadano a Gaza". 

I delegati dovrebbero discutere anche in merito alla creazione di un fondo per coordinare le attività operative dell'iniziativa, ha detto Kombos, anche se ha chiarito che non si tratta di una "conferenza dei donatori"

Intanto questo giovedì il segretario di Stato statunitense Antony Blinken è arrivato al Cairo, in Egitto, nel tentativo di aumentare le consegne di aiuti umanitari a Gaza, negoziare un cessate il fuoco e raggiungere un accordo per la liberazione degli ostaggi israeliani. Blinken farà tappa anche a Jeddah, in Arabia Saudita, prima di recarsi in Israele venerdì.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: "La guerra continua" dice Netanyahu ai senatori Usa, Israele stima 28mila morti nella Striscia

Gaza: "Neonati muoiono non pesano abbastanza" dice l'Oms, decine di morti in nuovi bombardamenti

Gaza, intervista al fondatore di Open Arms Oscar Camps: serve cessate il fuoco, aiuti non sono soluz