Gaza: "Neonati muoiono non pesano abbastanza" dice l'Oms, decine di morti in nuovi bombardamenti

Palestinesi ispezionano i danni a una casa dopo un attacco aereo israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza (19 marzo 2024)
Palestinesi ispezionano i danni a una casa dopo un attacco aereo israeliano a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza (19 marzo 2024) Diritti d'autore Fatima Shbair/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Fatima Shbair/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Per l'Oms sempre più bambini sono ormai sul punto di morire a Gaza per la fame. La settimana prossima ci saranno colloqui tra Israele e Stati Uniti a Washington per sbloccare la crisi. Il segretario di Stato Usa Blinken arriva in Arabia Saudita

PUBBLICITÀ

Da Gaza "i dottori ci parlano di neonati che muoiono perché non pesano abbastanza e di un numero crescente di bambini che sta ormai per morire" ha detto la portavoce dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), Margaret Harris, alimentando lo sconcerto causato dalle valutazioni diffuse negli scorsi giorni dalle Nazioni Unite secondo cui la Striscia di Gaza è sull'orlo di una carestia.

La Gran Bretagna ha fatto sapere di avere consegnato 2mila tonellate di cibo al Programma alimentare mondiale (Wfp) per la distribuzione all'interno di Gaza, e l'Unione europea ha aperto un corridoio via mare per portare aiuti senza passare da Israele ed Egitto, ma non basta.

Gaza, decine di morti mentre si lavora per evitare una carestia

Non basta soprattutto perché le operazioni militari proseguono, in attesa che gli ennesimi colloqui per un cessate il fuoco, stavolta in Qatar, portino a dei risultati. Il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, è atteso in queste ore nella regione per una visita in Arabia Saudita e in Egitto.

Almeno 23 palestinesi sono stati uccisi martedì in un attacco israeliano a Gaza City e altri 27 quando è stato colpito un condominio di tre piani a Nusseirat. Proprio nel campo profughi, nel centro della Striscia, un raid ha ucciso Marwan Issa, il numero due dell'ala militare di Hamas, come confermato martedì dagli Stati Uniti.

Occhi agli Usa per le mosse di Biden e i colloqui con Israele su Gaza

Proprio dagli Usa passa questo momento critico della guerra a Gaza. La settimana prossima una delegazione israeliana sarà a Washington, come concordato dal presidente Joe Biden e del premier Benjamin Netanyahu, in aggiunta alla visita del ministro della Difesa, Yoav Gallant.

La Casa Bianca preme su Israele per non compiere l'avanzata finale su Rafah, già pianificata e approvata. Secondo il sito Axios, gli Stati Uniti chiedono di concentrare gli sforzi per evitare un disastro umanitario nel nord di Gaza e offrono un piano congiunto per smantellare le gallerie sotterranee ed evitare l'entrata di armi per Hamas attraverso il confine con l'Egitto.

In una lettera aperta, un centinaio di donatori democratici hanno messo in guardia Biden sulla gestione della crisi, avvertendo il presidente in cerca di riconferma a novembre che le forniture militari statunitensi a Israele, mai interrotte negli ultimi sei mesi, potrebbero alienargli molte simpatie e costargli la rielezione. 

Il riferimento al Canada, il cui Parlamento ha appena votato uno stop a nuove vendite di armi a Israele condiviso dal governo di Ottawa.

Il genero di Trump parla del potenziale immobiliare della costa di Gaza

Non va meglio in campo repubblicano, dove il candidato alle presidenziali sarà Donald Trump, il cui consenso è ampio ma viene costantemente messo alla prova dai problemi legali dell'ex presidente e dalle uscite pubbliche sue e del suo entourage.

L'ultima dichiarazione imbarazzante è venuta da suo genero, ed ex consigliere della Casa Bianca per il Medio Oriente, Jared Kushner.

Il marito di Ivanka Trump ha lodato in un'intervista il mese scorso, ripresa martedì dal Guadian, il potenziale "alto valore immobiliare del lungomare di Gaza", lì dove in questo momento centinaia di migliaia di persone trovano rifugio dai bombardamenti e cercano di accaparrarsi i pochi aiuti umanitari paracadutati dagli aerei o in arrivo via mare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, intervista al fondatore di Open Arms Oscar Camps: serve cessate il fuoco, aiuti non sono soluz

Gaza, Israele attacca e occupa l'ospedale al-Shifa

Consiglio Ue, sul sostegno all'Ucraina "è importante mantenere le nostre promesse"