Gaza, intervista al fondatore di Open Arms Oscar Camps: serve cessate il fuoco, aiuti non sono soluz

Óscar Camps a bordo della Open Arms.
Óscar Camps a bordo della Open Arms. Diritti d'autore Open Arms y World Central Kitchen
Diritti d'autore Open Arms y World Central Kitchen
Di Roberto Macedonio Vega
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in spagnolo

La sua barca è stata la prima a portare aiuti umanitari nella Striscia di Gaza. Il fondatore di Open Arms Óscar Camps ha collaborato con la ong World Central Kitchen dello chef José Andrés. Abbiamo parlato con lui sulla via del ritorno e conta di tornare a gaza con altri aiuti il prima possibile

PUBBLICITÀ

All'interno della cabina della nave Open Arms, Óscar Camps, fondatore dell'ong spagnola, cerca segnale per collegarsi dal corridoio marittimo di Gaza e rilasciare l'intervista.

Continua a ricevere telefonate, diverse durante la conversazione con Euronews. Eppure l'unico suono che continua a riecheggiare nella sua testa è quello delle bombe che cadono sulla Striscia.

Óscar Camps durante la entrevista con 'Euronews'
Óscar Camps durante la entrevista con 'Euronews'Euronews

Desideroso di fare un secondo viaggio per portare altro cibo, racconta l'orrore di ciò che ha visto e registra, tra il rollio delle onde, come gran parte della comunità internazionale stia chiudendo un occhio sul conflitto.

"Quando il tuo corpo rimbomba per l'onda d'urto di una bomba, pensi al numero di persone che sono morte in questo conflitto", dice Camps. Secondo gli ultimi dati, più di 31mila palestinesi hanno perso la vita a Gaza. Anche per mancanza di cibo.

"Il grado di malnutrizione è molto alto, per sopravvivere cuociono le erbe che trovano per terra. Di fronte a una situazione di carestia così estrema, l'ONG World Central Kitchen, che fa capo anche allo chef spagnolo José Andrés, ha contattato Open Arms per avviare questa missione, che è diventata la prima e, per il momento, l'unica ad aver portato aiuti attraverso il corridoio marittimo.

"Questo corridoio era stato annunciato dal ministro degli Esteri israeliano il 20 dicembre, ma nessuno lo aveva utilizzato per tutto questo tempo. Ho ricevuto una telefonata dallo chef José Andrés che mi diceva che voleva fare qualcosa e ci siamo messi al lavoro", ricorda il fondatore di Open Arms.

Lo chef José Andrés ha diverse cucine operative a Gaza e la sua ONG ha più di 300 collaboratori. Ma stava esaurendo il cibo da cucinare per consegnare pasti caldi. Ora, la barca di Óscar Camps ha portato 200 tonnellate.

Arrivare a destinazione non è stato facile. "Dipendiamo da molti fattori che sfuggono al nostro controllo: autorizzazioni, ispezioni, sicurezza e condizioni meteorologiche". Ma Camps è già immerso nel secondo viaggio umanitario: "non appena il tempo ci permetterà di tornare".

Nemmeno l'orrore della guerra o le difficoltà del viaggio hanno messo fine alla sua enorme voglia di aiutare le popolazioni affamate. "La traversata è stata lenta, un processo noioso e difficile, non c'era nemmeno un porto dove attraccare, quindi è stato necessario costruire un piccolo bacino galleggiante".

In tempi record hanno costruito un "porto di fortuna", ma non era abbastanza profondo per l'accesso della barca di Open Arms, quindi hanno dovuto usare una piattaforma galleggiante per trasferire il cibo dalla nave alla riva.

Questa è stata solo una delle tante peripezie incontrate durante l'odissea. Eravamo stati avvertiti che la missione poteva essere annullata in qualsiasi momento se le autorità israeliane lo avessero ritenuto necessario o per la nostra sicurezza, e ne eravamo consapevoli fino all'ultimo minuto".

Trabajamos escuchando explosiones, bombas, viendo subir las cortinas de humo, con todos los cuerpos destrozados y con cuerpos incluso en la playa. Es horrible, es horroroso.
Óscar Camps
Fundador de Open Arms

"Il tempo si è complicato nell'ultima tappa" e, a parte tutto questo, una delle cose peggiori è stata quella di lavorare "ascoltando le esplosioni, le bombe, vedendo il muro di fumo alzarsi, con tutti i corpi dilaniati, anche sulla spiaggia. È orribile, è terrificante".

Per Camps è chiaro che il lavoro che stanno facendo non è la soluzione. Idealmente dovrebbe esserci un cessate il fuoco, ma la realtà non è questa, quindi quando torneremo saremo di nuovo in una zona di guerra".

Invita la comunità internazionale a mobilitarsi per inviare più aiuti.

"Spetta a noi aiutare il più possibile, ma gli Stati hanno una grande responsabilità, dobbiamo lavorare per un cessate il fuoco e per l'apertura delle rotte terrestri, aeree e marittime", afferma.

"L'opinione pubblica deve esigere che gli Stati rispettino quanto concordato", e lascia un messaggio al governo spagnolo, dicendo che "dovrebbe rispettare il blocco della vendita di armi a Israele che aveva promesso a ottobre e che non è stato fatto".

Si rammarica per l'assenza di un'azione coordinata a livello globale o di navi da parte di più Paesi per collaborare al miglioramento della situazione a Gaza. "Siamo soli, dovrebbe essere pieno di navi che fanno la fila per fare pressione, portando aiuti umanitari su base regolare e continua", afferma.

Per quanto riguarda l'Unione Europea, dice di non aver mai avuto il sostegno della Commissione. "Non ci sentiamo supportati da Bruxelles e non ci siamo mai aspettati nulla, facciamo quello che facciamo perché siamo una risposta dei cittadini".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, Israele attacca e occupa l'ospedale al-Shifa

"Stato dell'Unione": Difesa della democrazia, Intelligenza artificiale e aiuti a Gaza

Gaza, contati 283 corpi nella fossa comune all'ospedale Nasser di Khan Younis