Cop28, tutte le opzioni ancora aperte a quattro giorni dalla chiusura

La Cop28 terminerà il 12 dicembre, salvo "tempi supplementari" dettati dalla mancanza di accordo tra i governi
La Cop28 terminerà il 12 dicembre, salvo "tempi supplementari" dettati dalla mancanza di accordo tra i governi Diritti d'autore Kamran Jebreili/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Andrea Barolini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La terza bozza del global stocktake pubblicata alla Cop28 di Dubai mostra ancora un mondo nettamente diviso, in particolare sulla questione della transizione energetica

PUBBLICITÀ

Quando mancano meno di quattro giorni alla fine della ventottesima Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite, la Cop28 in pieno svolgimento a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, è stata pubblicata la terza bozza di decisione finale. Si tratta di un documento più corposo rispetto a quello diffuso nella giornata di martedì 5 dicembre, e che presenta un maggior numero di opzioni sulle principali questioni oggetto dei negoziati.

Nella terza bozza di accordo alla Cop28 ancora presenti le opzioni "no text"

Se da un lato appaiono inserite le proposte di alcuni gruppi di Paesi minoritari, permangono tutte le incertezze che erano già presenti nella seconda bozza. Ciascuno dei temi più importanti importanti, a partire dalla sorte dei combustibili fossili, presenta infatti, tra le varie opzioni, anche quella indicata come “no text”, ovvero la possibilità di non trattare in alcun modo la questione. Che rappresenterebbe, di fatto, un fallimento per la conferenza.

Il tempo, dunque, stringe. E il mondo resta ancora nettamente diviso sulle fonti fossili, nonostante la scienza da decenni spieghi che non c’è modo di limitare l'aumento della temperatura media globale ad un massimo di 1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali senza stabilire una road map che porti ad affrancarci il prima possibile da carbone, petrolio e gas.

Una task force composta da ministri per tentare di facilitare il dialogo

Di fronte a tale situazione, il presidente della Cop28, Sultan al-Jaber, ha deciso di creare una sorta di task force, composta da coppie di ministri incaricati di tentare di facilitare il dialogo tra i governi. A guidare le consultazioni sul global stocktake, il principale documento atteso dalla conferenza di Dubai, saranno in particolare i ministri di Danimarca e Sudafrica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Accordo alla Cop28 di Dubai: non uscita ma "transizione" da fonti fossili

Cop28, nell'ultima bozza per l'accordo finale manca l'uscita dai combustibili fossili

Il presidente Cop28 Al Jaber ha negato che il petrolio contribuisca a cambiamento clima