Il presidente Cop28 Al Jaber ha negato che il petrolio contribuisca a cambiamento clima

Attivisti ambientali partecipano a una manifestazione in un corridoio del vertice sul clima delle Nazioni Unite COP28 a Dubai, il 3 dicembre 2023
Attivisti ambientali partecipano a una manifestazione in un corridoio del vertice sul clima delle Nazioni Unite COP28 a Dubai, il 3 dicembre 2023 Diritti d'autore Giuseppe CACACE/
Di Gabriele Barbati
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Cop28 discute lunedì a Dubai di finanza applicata al clima. Ma restano le polemiche contro la difesa di petrolio e combustibili fossili, fatta dal presidente Al Jaber durante un evento on line, come rivelato dal Guardian

PUBBLICITÀ

È il giorno della finanza applicata al clima alla Cop28, ma restano le polemiche e le proteste che hanno animato domenica la conferenza internazionale in corso a Dubai.

"Mi mostri una strada per eliminare i combustibili fossili che consenta uno sviluppo sostenibile, a meno di non volere riportare il mondo nelle caverne" ha dichiarato Sultan Ahmed Al Jaber, il ministro dell'Industria degli Emirati Arabi Uniti (EAU) e presidente della conferenza. 

Al Jaber si è rivolto così durante un evento on-line a novembre all'ex inviata speciale delle Nazioni unite e già presidente dell'Irlanda, Mary Robinson, come rivelato domenica dal quotidiano britannico The Guardian.

L'uscita infelice del presidente della Cop28 ha confermato tutti i dubbi che aleggiavano su di lui dalla vigilia, per il contestuale incarico come amministratore delegato della compagnia petrolifera nazionale, Adnoc.

Mentre il mondo cerca le soluzione per limitare il riscaldamento del pianeta a un grado e mezzo in più rispetto all'era pre-industriale, Al Jaber ha sostenuto che "non esiste alcuna scienza che affermi che l'eliminazione graduale dei combustibili fossili", come il petrolio ad esempio, "porti a questo risultato".

Affermazioni preoccupanti al limite del negazionismo climaticoha commentato il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. Specialmente se fatte alla Cop, ossia la "Conference of the Parties" della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, avviata nel 1995 e giunta alla sua ventottesima riunione.

Non intendo fare parte di conversazioni allarmistiche sul clima
Sultan Ahmed Al-Jaber
Presidente Cop28 e ministro dell'Industria degli EAU

Lo scontro diplomatico sul futuro del pianeta è stato reso surreale dalla foschia marrone che ha avvolto Dubai domenica, giorno che la Cop28 e i 124 paesi presenti hanno dedicato agli effetti del riscaldamento globale sulla salute umana.

I visitatori del vertice hanno potuto camminare attraverso le "capsule dell'inquinamento", una serie di tre cupole geodetiche interconnesse progettate per simulare la qualità dell'aria in tre città globali. 

Persone in una capsula progettata per imitare la qualità dell'aria di Nuova Delhi durante il vertice sul clima delle Nazioni Unite a Dubai
Persone in una capsula progettata per imitare la qualità dell'aria di Nuova Delhi durante il vertice sul clima delle Nazioni Unite a DubaiJoshua A. Bickel/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.

Il 2023 è già stato classificato dagli esperti come l'anno più caldo mai registrato. L'aumento delle temperature porta con sé l'incremento di malattie come colera e malaria, mentre l'inquinamento uccide oltre sette milioni di persone nel mondo ogni anno, secondo i dati diffusi alla Cop28.

A Dubai si parla di finanza dopo le proteste

Non sono bastate a placare le polemiche, le iniziative degli Emirati Arabi Uniti per investire nella "finanza climatica". 

I maggior leader mondiali presenti all'apertura della Cop28 il 30 novembre (durerà fino al 12 dicembre) hanno ormai lasciato Dubai. Spazio dunque ai tecnici per definire il modo di rientrare negli obiettivi che ogni Paese si è dato per raggiungere il traguardo collettivo fissato dagli Accordi di Parigi del 2015 (ridurre il riscaldamento globale entro i due gradi centigradi nei prossimi decenni).

Sultan Al Jaber ha annunciato lunedì che Abu Dhabi, un altro degli regni federati negli Emirati Arabi Uniti, ospiterà il nuovo Centro per la finanza climatica globale creato per investire in progetti a basse emissioni e per favorirne lo sviluppo, in collaborazione con la Banca Mondiale e partner privati.

La compagnia statale emiratina per l'energia nucleare (ENEC), che attualmente gestisce una centrale nucleare, ha firmato anche un accordo con l'azienda Terra Power fondata da Bill Gates per lo sviluppo di reattori avanzati

Oltre 20 nazioni della Cop28, inclusi gli EAU, si sono impegnate a triplicare la capacità di produrre energia atomica entro questo decennio come modo per contrastare il cambiamento climatico.

Decine di migliaia di manifestanti hanno marciato a Bruxelles per chiedere un’azione urgente sul cambiamento climatico mentre i leader mondiali si sono riuniti per i colloqui cruciali della COP28 a Dubai.

Da quando si discute di clima a Dubai per il vertice sul clima, in diverse grandi città europee si sono svolti raduni e proteste per chiedere un'azione urgente contro il riscaldamento globale.

A Bruxelles, domenica, ventimila persone hanno manifestato per un'azione urgente sul clima e chiesto di integrare la questione nella presidenza belga dell'Unione europea, che inizierà tra poche settimane.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cop28, tutte le opzioni ancora aperte a quattro giorni dalla chiusura

Cop28, Ursula von der Leyen a Dubai: mettere un prezzo al carbonio

Danimarca: più della metà delle riserve di acqua potabile sono contaminate