"Costretti a scegliere chi vive e chi muore" Il racconto di un medico da Gaza

Un uomo piange la morte del suo bambino a Gaza
Un uomo piange la morte del suo bambino a Gaza Diritti d'autore MAHMUD HAMS/AFP or licensors
Di Euronews DigitalNebal Hajjo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il dottor Nour El-Din Al-Khatib racconta da Gaza la situazione negli ospedali palestinesi, ormai al collasso. La maggior parte dei pazienti sono donne e bambini. I medici sono costretti a scegliere chi può essere curato per la mancanza di risorse e temono di vedere i propri familiari tra i feriti

PUBBLICITÀ

I medici di Gaza sono in prima linea nella guerra tra Israele e Hamas. Oltre ai bombardamenti incessanti, devono far fronte a interruzioni della corrente sempre più frequenti e a gravi carenze di forniture mediche. Un medico del pronto soccorso ha raccontato il dramma che sta vivendo sulla propria pelle in questi giorni al corrispondente di Euronews, Nebal Hajjo.

Gli operatori sanitari hanno lavorato senza sosta dall'inizio della guerra. "Ogni giorno riceviamo casi più difficili rispetto al giorno precedente. Purtroppo, la maggior parte dei casi sono bambini e donne", racconta il dottor Nour El-Din Al-Khatib dal complesso medico di Nasser,"Il mio lavoro qui è in terapia intensiva. La maggior parte dei casi sono vicini alla morte. Purtroppo, i corpi contengono centinaia di schegge e non possiamo trattarli o fornire loro assistenza medica. Oggi, abbiamo raggiunto il punto in cui scegliamo chi vive e chi muore secondo la situazione e chi può beneficiare maggiormente delle cure mediche".

Le cose peggiorano con rapidità e più passano i giorni meno ci sarà da offrire ai malati e ai feriti in termini di cure. I bombardamenti sono continui e il flusso di pazienti continua ad aumentare. La maggior parte sono bambini e donne. 

Nessun modo per comunicare

Tra i medici e gli infermieri è molta la paura di veder arrivare al pronto soccorso i propri familiari tra i feriti o tra i morti. "Se c'è un bombardamento, viviamo nella tensione e nella paura a causa dell'incapacità di comunicare, perché ogni medico può aspettarsi che uno dei suoi familiari sarà tra i feriti in arrivo, e questo è successo molte volte. Molti medici hanno trovato le loro famiglie tra i martiri e feriti. È una situazione molto, molto difficile."

Nour prova spesso a mettersi in contatto con i suoi familiari ma senza successo. Anche ricevere una chiamata è difficile a causa dei problemi della rete. Le comunicazioni sono difficili anche tra i medici e il personale dei vari reparti.

Gli ospedali sono prossimi al collasso e in molti inizia a mancare l'elettricità a causa dell'esaurimento del carburante dei generatori. Non è rimasto nessun posto letto disponibile e il personale sanitario sistema i pazienti al meglio delle scarne risorse. "La situazione peggiore per me è che c'è un paziente ma non si hanno né il tempo né le risorse per curarlo", afferma Nour.

Nella giornata del 23 ottobre il terzo e quarto convoglio di aiuti sono entrati a Gaza ma secondo le Nazioni Unite rappresentano solo il 4% della media di aiuti giornalieri ricevuta da Gaza prima dell'inizio della guerra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele chiede le dimissioni di Guterres: "le sue posizioni sono immorali"

Israele prepara l'invasione: "Andate a sud", ma le bombe colpiscono tutta Gaza. Le accuse all'Iran

Gaza, Egitto pronto a stracciare l'accordo di pace con Israele in caso di attacco di terra a Rafah