EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Acqua troppo calda, salmoni divorati dai pidocchi di mare

Un esemplare di salmone
Un esemplare di salmone Diritti d'autore Robert F. Bukaty/AP2008
Diritti d'autore Robert F. Bukaty/AP2008
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In un anno, con l'innalzamento delle temperature dei mari, sono già morti il 25% degli esemplari. L'acqua troppo caldo favorisce la proliferazione dei pidocchi di mare che aggrediscono i salmoni

PUBBLICITÀ

Da marzo le acque scozzesi sono state colpite da un'ondata di calore marino di categoria 4 senza precedenti, un evento insolito che ha causato una mortalità marina di massa. Per alcuni allevamenti di salmone scozzesi, lo sbalorditivo aumento di temperatura di 4 gradi ha portato a un aumento del rischio di infestazioni di pidocchi di mare.

Una recente indagine ha portato alla luce prove allarmanti in cinque allevamenti, dove i pesci sono stati osservati ricoperti da pidocchi marini, parassiti invasivi.

I pidocchi di mare, tipicamente presenti in basse densità in natura, sono diventati un problema crescente. Un fattore esacerbante è l'aumento della temperatura del mare

"Le ondate di calore marine sono sempre più frequenti, diffuse e durano più a lungo. Questo crea un ambiente di riproduzione ottimale per i pidocchi di mare, che si riproducono in modo dilagante. Questi parassiti si nutrono della pelle, del muco e del sangue dei salmoni, con milioni di esemplari potenzialmente rilasciati nell'ambiente".
LEX RIGBY
Responsabile delle indagini Viva!

Il 2022 è stato un anno da record, con il raddoppio delle morti di salmoni. Quest'anno le prospettive sono ancora più fosche. Sono stati segnalati 8,9 milioni di pesci morti negli allevamenti di salmone già nel 2023.

Mentre un tempo l'allevamento di salmoni era visto come una potenziale soluzione per aiutare gli stock selvatici a ricostituirsi, i pidocchi di mare si stanno ora diffondendo dagli allevamenti ai pesci , rendendo la vita più difficile ai salmoni selvatici.

"Un tempo l'allevamento del salmone era salutato come una sorta di salvezza. Eppure, mentre le complessità si svelano, stiamo assistendo a un continuo declino del numero e delle dimensioni dei salmoni selvatici. È davvero tragico".
JOHN ROWLEY-CONWY
Direttore, Klere

L'industria del salmone afferma di dare priorità al benessere dei pesci, sottolineando la propria dedizione all'uso della tecnologia e dell'innovazione per gestire questa e altre sfide. Come le meduse, che prosperano in acque più calde e attaccano i salmoni, e le fioriture di plancton che soffocano e uccidono i pesci....

In Europa e nel mondo, l'aumento delle temperature del mare nel 2023 ha messo a dura prova gli ecosistemi marini e l'acquacoltura.

"Ogni aumento di temperatura è uno stress aggiuntivo, e qualsiasi aumento improvviso e consistente che superi quello a cui gli animali sono abituati può causare stress al punto da farli morire: potremmo assistere a una mortalità di massa dell'acquacoltura, che si tratti di pesci o crostacei".
SEVRINE SAILLEY
Modellatore di ecosistemi, Plymouth Marine Laboratory.

Quest'anno sono morti il 25% dei salmoni e,  nonostante la ricerca di soluzioni innovative, la sfida globale dell'aumento delle temperature del mare continuerà senza dubbio a colpire coloro che allevano e pescano e più  in generale la vita marina .

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crisi climatica, le temperature del Nord Atlantico mai così alte. Alghe a rischio estinzione

Caldo record nel Mediterraneo: cosa comporta per il clima in Europa?

In Artico fa sempre più caldo. C'è sempre meno ghiaccio e salgono le temperature