EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Putin ha incontrato Prigozhin dopo l'ammutinamento della Wagner

Il presidente russo Vladimir Putin incontrò Yevgeny Prigozhin dopo l'ammutinamento
Il presidente russo Vladimir Putin incontrò Yevgeny Prigozhin dopo l'ammutinamento Diritti d'autore Mikhail Klimentyev/AP
Diritti d'autore Mikhail Klimentyev/AP
Di Gianluca Martucci
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La riunione si sarebbe svolta cinque giorni dopo la ribellione e avrebbe coinvolto 35 persone, tra cui anche i comandanti della compagnia militare e alcuni funzionari

PUBBLICITÀ

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato il capo dei mercenari ribelli Yevgeny Prigozhin il 29 giugno, cinque giorni dopo l'ammutinamento delle truppe mercenarie del gruppo Wagner guidate e finanziate dallo stesso Prigozhin.

Lo ha dichiarato direttamente il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, fa sapere l'agenzia di stampa Ria Novosti. All'incontro avrebbero partecipato anche il capo della Guardia Nazionale, Viktor Zolotov, e il numero uno del servizio di intelligence internazionale (SVR), Sergei Naryshkin, ma ha coinvolto anche i comandanti della compagnia militare.

Nella riunione di tre ore Putin ha parlato della sua "valutazione" delle operazioni portate avanti dal Gruppo Wagner sul campo di battaglia in Ucraina e degli eventi del 24 giugno, in cui i mercenari dichiararono il controllo di Rostov-sul-Don (a mille chilometri da Mosca), dove c'è il quartier generale delle operazioni russe in Ucraina, e annunciarono di trovarsi a 200 chilometri dalla capitale della Federazione.

A calmare le acque è stato un accordo tra Putin e Prigozhin in cui il capo della Wagner e le sue milizie si dichiaravano disposti a recarsi in esilio in Bielorussia in cambio del decadimento dei capi di accusa di cui erano colpevoli la ribellione. Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, che aveva mediato l'accordo, ha però dichiarato che i ribelli della Wagner non sono ancora in esilio. 

E oggi Putin ha anche "ascoltato le spiegazioni dei comandanti e ha offerto loro opzioni per un ulteriore impiego e un ulteriore utilizzo in combattimento", ha dichiarato Peskov.

"Gli stessi comandanti della Wagner hanno presentato la loro versione di quanto accaduto", ha detto il portavoce. E hanno sottolineato di "essere convinti sostenitori e fedeli soldati del capo dello Stato", dicendosi "pronti a continuare a combattere per la loro patria".

Nel lanciare la ribellione dei suoi fedelissimi Prigozhin ha dichiarato che l'ammutinamento non mirava a rovesciare il governo, ma a "consegnare alla giustizia" i capi dell'esercito e della difesa per quelle che ha definito le loro gaffe e le loro azioni non professionali in Ucraina.

Il bersagli erano il Ministro della Difesa Sergei Shoigu e il Capo di Stato Maggiore Valery Gerasimov. Ma anche dopo lo scossone Shoigu e Gerasimov continuano a ricoprire questi ruoli.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le epurazioni di Putin: in carcere il nazionalista Igor Girkin, conosciuto come "Strelkov"

Caso Rheinmetall, la Russia voleva uccidere l'Ad di azienda tedesca che fornisce armi all'Ucraina

Russia: mandato di arresto per Yulia Navalnaya, la reazione "Putin è un assassino"