EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Wagner in Bielorussia: preoccupazione in Lettonia, Lituania e Polonia

Membri della compagnia militare Wagner Group siedono in cima a un carro armato in una strada di Rostov-on-Don, Russia, 24 giugno 2023\.
Membri della compagnia militare Wagner Group siedono in cima a un carro armato in una strada di Rostov-on-Don, Russia, 24 giugno 2023\. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Alice Tidey
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Giovedì i Paesi dell'Unione Europea confinanti con la Bielorussia hanno chiesto maggiore solidarietà al blocco e alla NATO per la presenza di "serial killer" del gruppo mercenario Wagner e il rischio di "infiltrazioni" nei loro Paesi.

PUBBLICITÀ

"Siamo molto attenti a tutto ciò che accade in Bielorussia. Oltre al capo di Wagner Yevgeny Prigozhin, in Bielorussia ci sono anche e un numero imprecisato di combattenti molto addestrati e qualificati che presumibilmente si uniranno a lui", ha detto il primo ministro lettone Arturs Krišjānis Kariņš ai giornalisti al suo arrivo a un vertice di due giorni dei leader dell'UE a Bruxelles.

Siamo molto attenti a tutto ciò che accade in Bielorussia.
Arturs Krišjānis Kariņš
Primo ministro lettone

"Questo rappresenta potenzialmente una minaccia. Probabilmente non si tratterebbe di una minaccia militare frontale, ma di un tentativo di infiltrazione in Europa per scopi sconosciuti. Ciò significa che dobbiamo aumentare la consapevolezza delle nostre frontiere e assicurarci di poterle controllare", ha aggiunto.

Minsk è stata precedentemente accusata di aver armato il suo confine con gli Stati membri dell'UE portando deliberatamente migliaia di migranti stranieri, per lo più mediorientali, alla frontiera come ritorsione per le sanzioni dell'UE contro Minsk per le elezioni fraudolente e la successiva violenta repressione delle manifestazioni a favore della democrazia.

La Polonia, che confina anch'essa con la Bielorussia, ha affermato che l'UE dovrebbe pagare per rafforzare la sicurezza al confine.

"La solidarietà europea significa sostenere i Paesi minacciati dalla destabilizzazione", ha dichiarato giovedì alla radio pubblica il vice ministro degli Esteri Pawel Jablonski.

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha confermato martedì che Prigozhin è effettivamente arrivato nel suo Paese e ha detto che una ex base militare è stata messa a disposizione di tutti i combattenti Wagner che desiderano unirsi a lui.

L'esilio di Prigozhin in Bielorussia sarebbe parte di un accordo che il capo dei Wagner ha stretto con il Presidente russo Vladimir Putin dopo aver guidato un ammutinamento nel fine settimana che ha visto lui e alcuni dei suoi combattenti guidare a circa 200 km a sud di Mosca, uccidendo oltre una dozzina di soldati russi.

Secondo quanto riferito, l'esilio gli permetterebbe di evitare le accuse penali, anche se il Ministero della Difesa russo ha invitato i combattenti di Wagner ad arruolarsi con loro e ha sequestrato alcune delle loro attrezzature militari.

Anche Vilnius è "estremamente preoccupata per gli sviluppi in Bielorussia", ha dichiarato il presidente lituano Gitanas Nausėda. "Nessuno sa quando questi  combattenti, anche se si possono perfino chiamare serial killer, potrebbero rivoltarsi contro di noi", ha aggiunto.

Secondo il leader lituano, questo dovrebbe spingere la NATO a "prendere decisioni coraggiose sul rafforzamento del (suo) fianco orientale".

I leader dei 31 membri dell'alleanza militare transatlantica si riuniranno proprio nella capitale lituana l'11 e il 12 luglio per discutere la trasformazione in corso della NATO e lavorare su nuovi piani regionali per rafforzare la cooperazione tra i membri e implementare difese contro le nuove minacce.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mosca: "Wagner ci ha consegnato 2.000 equipaggiamenti militari"

L'Ue approva nuove sanzioni contro la Russia: per la prima volta prendono di mira il gas russo

Naufragio al largo della Calabria, sei salme a Locri, Schlein: dal governo silenzio ignobile