BoJo lascia la politica (per ora)

BoJo lascia la politica (per ora)
Diritti d'autore Alberto Pezzali/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'ex premier britannico si dimette da deputato, ma potrebbe essere perseguito

PUBBLICITÀ

Boris Johnson lascia la carica di legislatore britannico dopo che gli è stato detto che sarà sanzionato per aver ingannato il Parlamento. 

L'ex primo ministro britannico Boris Johnson ha scioccato la Gran Bretagna dimettendosi da legislatore dopo che gli era stato detto che sarebbe stato sanzionato per aver fuorviato il Parlamento.

Johnson si è dimesso dopo aver ricevuto i risultati di un'indagine da parte dei legislatori sulle dichiarazioni fuorvianti che ha fatto al Parlamento sul "partygate".

In una lunga dichiarazione di dimissioni, Johnson ha accusato gli oppositori di aver tentato di cacciarlo e ha lasciato intendere che potrebbe provare a tornare.

"È molto triste lasciare il Parlamento, almeno per ora", ha detto.

Johnson ha affermato di aver "ricevuto una lettera dal Comitato dei privilegi che chiariva - con mio grande stupore - che sono determinati a utilizzare il procedimento contro di me per cacciarmi dal Parlamento".

Ha chiamato il comitato che lo indagava un "tribunale canguro".

"Il loro scopo fin dall'inizio è stato trovarmi colpevole, indipendentemente dai fatti", ha detto Johnson.

Le dimissioni innescheranno un'elezione speciale per sostituire Johnson come legislatore per un seggio alla periferia di Londra.

Johnson, la cui carriera è stata un ottovolante di scandali e ritorni, ha portato i conservatori a una vittoria schiacciante nel 2019, ma è stato costretto a lasciare il suo stesso partito meno di tre anni dopo.

Stava aspettando l'esito di un'indagine da parte di un comitato per gli standard della Camera dei Comuni sulle dichiarazioni fuorvianti che aveva fatto al Parlamento su una serie di raduni negli edifici governativi nel 2020 e nel 2021 che violavano le regole di blocco della pandemia.

La polizia alla fine ha emesso 126 multe per le serate notturne, le feste alcoliche e i "venerdì dell'ora del vino", inclusa una a Johnson, e lo scandalo ha contribuito ad accelerare la fine della sua premiership.

La commissione avrebbe dovuto pubblicare il suo rapporto nelle prossime settimane e Johnson avrebbe potuto essere sospeso dalla Camera dei Comuni se si fosse scoperto che aveva mentito deliberatamente.

Condividi questo articoloCommenti