La Russia potrebbe usare armi chimiche in Ucraina, secondo un esperto

L'uso di armi chimiche contro i civili è vietato dalle convenzioni internazionali
L'uso di armi chimiche contro i civili è vietato dalle convenzioni internazionali Diritti d'autore Alaa Alyousef/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Un esperto britannico spiega come non sia possibile escludere che Mosca decida di utilizzare armi chimiche nel conflitto in Ucraina

PUBBLICITÀ

La Russia potrebbe usare armi chimiche "devastanti" in Ucraina, e per questo la comunità internazionale dovrebbe condannarne l'uso. A spiegarlo è Hamish de Bretton-Gordon, esperto britannico del settore ascoltato da Euronews, anche se il Cremlino continua ad affermare di non avere alcuna intenzione di utilizzare tali tipi di armi. Proprio nella giornata di domenica 7 maggio, la Russia è stata accusata di aver impiegato bombe al fosforo nella battaglia di Bakhmut, con l'Ucraina che ha pubblicato un filmato nel quale sarebbero contenute prove di tale utilizzo. 

Va detto che il fosforo non è classificato come arma chimica dal diritto internazionale, sebbene il suo uso contro aree civili sia considerato un crimine di guerra ai sensi della Convenzione di Ginevra, per via dei "danni indiscriminati" e dei traumi causati alla popolazione. Il fosforo, infatti, provoca incendi improvvisi, particolarmente difficili da spegnere. Inoltre, le persone che vengono colpite dalla sostanza chimica, possono subire gravi ustioni, che si aggravano in caso di contatto con l'acqua. Tuttavia, tale sostanza può essere legittimamente utilizzata dalle forze militari per l'illuminazione notturna o per creare cortine fumogene.

Nonostante si tratti di un'arma "assolutamente orribile", Bretton-Gordon sottolinra come da un punto di vista militare il fosforo possa garantire grandi risultati in battaglia: "Era l'arma preferita del regime siriano", ha ricordato. "È stata usata per bruciare intere città e villaggi nel nord-ovest". Le bombe al fosforo bianco sarebbero state utilizzate in particolare dalle forze governative al fianco del generale russo Sergei Surovikin, nell'ambito dell'intervento militare di Mosca del 2015 per salvare il leader Bashar al-Assad, in difficoltà di fronte ai combattenti ribelli.

Dopo aver comandato le forze russe nella guerra civile siriana, Surovikin, noto con il soprannome di "generale Amaggedon", è ora a capo delle truppe in Ucraina. "Ciò che i russi e i siriani hanno scoperto è che si può combattere in modo convenzionale nelle città, ma si arriva solo fino a un certo punto", ha precisato de Bretton-Gordon a Euronews. "Una volta ridotte in macerie, è molto difficile cacciare i nemici. Le persone possono nascondersi facilmente. Se invece si usa il fosforo, li si sconfigge bruciandoli".

"È ciò a cui stiamo assistendo a Bakhmut", ha aggiunto. Da agosto, le forze russe e ucraine hanno combattuto ferocemente per la vecchia città mineraria di sale, che è stata paragonata a un "tritacarne". I combattimenti hanno inflitto pesanti perdite e hanno esaurito le scorte di entrambe le parti, soprattutto in termini di munizioni. "Nessuno è riuscito ad avere la meglio", ha detto de Bretton-Gordon, aggiungendo che il fosforo è stato probabilmente usato "per disperazione".

Tali armi possono avere anche un impatto psicologico significativo, sia sulle truppe che sui civili, che spesso hanno poche possibilità di proteggersi dalle gravissime ustioni. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri Paesi hanno ripetutamente sollevato il timore che la Russia potesse usare armi chimiche in Ucraina, sin dall'inizio dell'invasione dello scorso anno.

Finora questi timori si sono rivelati infondati. Ma de Bretton-Gordon ha lanciato un avvertimento per il futuro: "Quando il fosforo non è bastato, Assad è passato alle armi chimiche e ha usato cloro e gas nervini. Il fosforo, insomma, è stata la penultima carta che è stata giocata in Siria. Non è escluso che accada anche in Ucraina".

Bretton-Gordon è un ex ufficiale dell'esercito britannico, comandante del reggimento congiunto chimico, biologico, radiologico e nucleare del Regno Unito. A suo avviso le truppe governative siriane sono state in grado di rompere un assedio di quattro anni ad Aleppo nel 2016, grazie alle bombe al cloro.

Assad ha ripetutamente negato di aver usato armi chimiche contro i civili in Siria, sebbene gli investigatori internazionali ne abbiano documentato l'uso in diverse occasioni. Per questo, pur affermando che Mosca non ha finora utilizzato armi chimiche in Ucraina, Bretton-Gordon ritiene che il mondo non debba "fare affidamento" sulla convinzione che ciò non possa accadere in futuro.

"La comunità internazionale deve riaffermare che qualsiasi uso di armi chimiche o biologiche non è accettabile, in nessuna forma", ha aggiunto. "Devono ammonire i russi. Sono certo che la NATO e l'Occidente agirebbero se la Russia usasse armi chimiche in Ucraina. Ma va detto che sono rimasti a guardare quando Assad l'ha fatto in Siria e questo potrebbe incoraggiare Putin. Penso che alcune parole di circostanza da parte di Biden e di altri leader mondiali in questo momento potrebbero essere utili".

Nel marzo 2022, il presidente degli Stati Uniti ha affermato che la NATO avrebbe risposto se fossero state impiegate, aggiungendo che "la natura della risposta dipenderebbe dalla natura dell'uso". 

La Russia è uno dei 193 Paesi che hanno aderito alla Convenzione sulle armi chimiche, che vieta la produzione, lo stoccaggio e l'uso di tali armi. Il Cremlino nega infatti di possederne. Tuttavia, ha usato il micidiale agente nervino novichok per avvelenare il leader dell'opposizione Alexei Navalny e alcuni oppositori politici nel Regno Unito, e alcuni giornalisti investigativi sostengono che esista un programma di sviluppo di armi segreto.

Come molti altri Paesi, la Russia possiede d'altra parte grandi scorte di sostanze chimiche industriali, come nel caso del cloro, che possono essere adattate per un uso militare. A dicembre, infine, Kiev ha accusato Mosca di aver usato un'arma chimica vietata contro le sue truppe nell'Ucraina orientale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, nuovi pesanti bombardamenti su Kiev e altre città

Ucraina, nuove armi da Mosca ai mercenari del gruppo Wagner

Ucraina, il settore agricolo è in ginocchio. L'appello all'Ue: "Aiutateci a sminare i campi"