Anniversario Chernobyl: cosa fare in caso di incidente nucleare?

Visitatore della centrale nucleare di Fukushima
Visitatore della centrale nucleare di Fukushima Diritti d'autore AP Photo
Di Andrew Naughtie
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I consigli dei governi di Regno Unito, Francia, Svezia e altri Paesi

PUBBLICITÀ

Passati ben 37 anni dalla catastrofe di Chernobyl, poche cose perseguitano gli incubi moderni in modo così terrificante quanto i disastri nucleari.

PER APPROFONDIRE: Chernobyl, a 37 anni dalla catastrofe il nucleare fa ancora discutere

La minaccia di un altro incidente in Europa è stata rialimentata nel 2022, quando i soldati russi hanno occupato la zona intorno alla centrale di Chernobyl per più di cinque settimane.

E si osserva con ansia la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, sfuggita per un soffio ai pesanti bombardamenti delle forze russe.

Eventi in Ucraina a parte, diversi paesi hanno opinioni diverse sul futuro dell'energia nucleare. La Germania si è impegnata a chiudere completamente la sua rete nucleare dopo il disastro di Fukushima del 2011, e ha completato il processo questa primavera, ma oggi milioni di europei vivono a breve distanza da almeno una centrale nucleare.

Ogni volta che lo spettro di Chernobyl viene riportato in vita – che sia dalla guerra o da una serie televisiva acclamata dalla critica – le persone inevitabilmente iniziano a chiedersi cosa accadrebbe se qualcosa andasse storto.

Consulenza locale in Europa

I residenti vicino alla base della Royal Navy a Portsmouth, in Inghilterra, hanno ricevuto consigli dettagliati dall'amministrazione locale su come comportarsi in caso di incidente nucleare.

È stato spiegato loro che, mentre qualsiasi incidente nucleare sarebbe probabilmente piccolo e contenuto all'interno della base - e non assomiglierebbe in alcun modo all'esplosione di una bomba nucleare - le persone potrebbero comunque risultare esposte a particelle radioattive o entrare in contatto con superfici contaminate, cibo o acqua potabile.

"Il metodo principale per stare al sicuro è rimanere in casa con le finestre e le porte chiuse, in modo che nessuna particella radioattiva possa entrare", spiega il consiglio locale.

"Chiudere tutte le porte e le finestre per ridurre il rischio di contaminazione. Spegnere i ventilatori, le apparecchiature di ventilazione o gli apparecchi come caldaie per il riscaldamento centralizzato e caminetti a gas, che aspirano aria dall'esterno", prosegue.

Le persone sono incoraggiate ad ascoltare la radio o a controllare online le ultime notizie, e a limitare l'uso dei telefoni cellulari nel caso in cui le chiamate sovraccarichino la rete.

Efrem Lukatsky/AP
La centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, domenica 25 agosto 2013Efrem Lukatsky/AP

In Francia, in cui ci sono 56 centrali nucleari, le **istruzioni del governo**consiglianoalle persone di preparare un kit di emergenza con copie di documenti importanti ed eventuali medicinali, oltre a vestiti, cibo e acqua, di rifugiarsi in casa con le finestre chiuse e di assumere pastiglie di iodio per contrastare qualsiasi avvelenamento da radiazioni.

Nel frattempo in Spagna, dove sette centrali nucleari generano circa il 20 per cento dell'energia del Paese, il governo ha prodotto consigli in varie lingue in caso di emergenza.

"Il modo migliore per stare al sicuro in qualsiasi emergenza da radiazioni è stare in casa e rimanere sintonizzati", consigliano le autorità spagnole.

E in Svezia, con sei reattori in tre centrali nucleari, le autorità spiegano che "preparazione significa essere preparati per l'imprevisto... ed essere in grado di ridurre al minimo le conseguenze di un incidente".

Le istruzioni prevedono di mantenere una buona distanza dalla fonte delle radiazioni e di rimanere nell'area contaminata il minor tempo possibile.

Mikael Fritzon/AP
In questa foto del 22 maggio 2008, l'esterno della centrale nucleare di Oskarshamn, nel sud-est della SveziaMikael Fritzon/AP

Maggiori rischi per le centrali più vecchie

Fortunatamente è abbastanza improbabile che gli europei si trovino esposti alle radiazioni dopo un incidente in una centrale elettrica, anche se non è del tutto impossibile.

Ciò che ha reso l'esplosione di Chernobyl del 1986 così disastrosa è stata la combinazione di diversi fattori: cattiva progettazione, pratiche di sicurezza scadenti, test mal gestito e confusione nelle informazioni fornite dopo la catastrofe.

PUBBLICITÀ

Gli scienziati dell'Institut Biosphère di Ginevra hanno esaminato in dettaglio i danni che potrebbero derivare da un incidente in una delle cinque centrali nucleari svizzere, tra cui il più antico reattore ancora funzionante al mondo, Benzau I.

Secondo i loro risultati, un disastro potrebbe potenzialmente colpire 16-24 milioni di europei, con migliaia di morti legate alle radiazioni oltre i confini della Svizzera.

Alcuni paesi sono già preoccupati per la minaccia di una fuoriuscita nucleare dalle centrali dei paesi vicini. Il reattore più vecchio della Gran Bretagna, l'ormai dismesso Sellafield, è una piaga da decenni: un incendio nel 1957 ha inviato particelle radioattive nell'aria rilevate in Scandinavia e in Germania.

Oggi, l'operazione di pulizia incredibilmente difficoltosa che rimane in corso nel sito costa allo Stato britannico fino a 2,25 miliardi di euro all'anno e comporta rischi significativi che ulteriori scorie radioattive vengano rilasciate in mare.

DAVE THOMPSON/AP2007
Foto d'archivio di mercoledì 23 maggio 2007 della centrale nucleare di Sellafield, in InghilterraDAVE THOMPSON/AP2007

Quando la centrale nucleare di Fukushima Daiichi in Giappone è stata danneggiata da uno tsunami nel 2021, le autorità giapponesi hanno evacuato tutti coloro che si trovavano nel raggio di 20 chilometri: il che significa che 109.000 persone sono state sfollate mentre altre decine di migliaia hanno lasciato le aree vicine di loro spontanea volontà.

PUBBLICITÀ

Ma quando i ricercatori britannici William Nuttall e Philip Thomas hanno condotto un esperimento per vedere cosa sarebbe stato necessario se un simile disastro si fosse verificato nel sud dell'Inghilterra, hanno calcolato che l'evacuazione avrebbe dovuto coinvolgere un solo villaggio vicino.

Il progetto di Chernobyl e l'abbandono dei protocolli di sicurezza sono stati la ragione del massiccio rilascio di radiazioni; i reattori più moderni generalmente non presentano lo stesso livello di rischio.

I ricercatori hanno sottolineato che lo sconvolgimento causato da un'evacuazione di massa potrebbe presentare di per sé problemi di salute pubblica a lungo termine.

"L'Organizzazione mondiale della sanità ha documentato lo sconvolgimento del disastro di Chernobyl tra la comunità trasferita e ha trovato un retaggio di depressione e di alcolismo", hanno scritto per The Conversation.

Per ora, la tendenza generale al nucleare in Europa non è chiara, ma è qualcosa che non scomparirà. Paesi come la Finlandia stanno accendendo nuovi reattori per colmare il divario energetico lasciato dalla politica energetica della Russia, il che significa che i cittadini vivranno con reattori progettati per funzionare per mezzo secolo o più.

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I cani di Chernobyl insegnano agli scienziati come vivere sotto "minacce ambientali"

Guerra in Ucraina: Berlino invia Patriot a Kiev, aumentano i bambini uccisi negli attacchi

Guerra in Ucraina, Mosca dichiara agente straniero un giornalista della Bbc