EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

I cani di Chernobyl insegnano agli scienziati come vivere sotto "minacce ambientali"

Wild dogs in the Chernobyl area of Ukraine on 3 October 2022.   -
Wild dogs in the Chernobyl area of Ukraine on 3 October 2022. - Diritti d'autore Timothy Mousseau/AP
Diritti d'autore Timothy Mousseau/AP
Di Euronews Green with AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Forniscono agli esperti un indizio su come gli esseri umani possono sopravvivere anche negli ambienti più degradati

PUBBLICITÀ

I cani selvatici che vivono a Chernobyl possono fornire agli scienziati un indizio su come gli esseri umani possono sopravvivere anche negli ambienti più degradati.

Più di 35 anni dopo il peggior incidente nucleare del mondo, gli animali vagano tra edifici in rovina e abbandonati dentro e intorno all'impianto chiuso, in qualche modo ancora in grado di trovare cibo, riprodursi e sopravvivere.

Venerdì i ricercatori hanno pubblicato il primo di quelli che sperano saranno molti studi genetici sulla rivista Science Advances, concentrandosi su 302 cani in libertà che vivono in una "zona di esclusione" ufficialmente designata intorno al luogo del disastro.

Hanno identificato branchi i cui diversi livelli di esposizione alle radiazioni potrebbero averli resi geneticamente distinti l'uno dall'altro e dagli altri cani in tutto il mondo.

L'occasione è propizia per rispondere a una domanda cruciale: “Come sopravvivere in un ambiente ostile come questo per 15 generazioni?”, ha detto la genetista Elaine Ostrander del National Human Genome Research Institute, uno dei tanti autori dello studio.

Il collega autore Tim Mousseau, professore di scienze biologiche presso l'Università della Carolina del Sud, ha affermato che i cani "forniscono uno strumento incredibile per esaminare gli impatti di questo tipo di ambiente" sui mammiferi in generale.

Come sono sopravvissuti i cani a Chernobyl?

Jordan Lapier/AP
More than 35 years after the world's worst nuclear accident, the dogs of Chernobyl roam among decaying, abandoned buildings in and around the closed plant.Jordan Lapier/AP

L'ambiente di Chernobyl è invivibile: il 26 aprile 1986, un'esplosione e un incendio nella centrale elettrica ucraina provocarono la fuoriuscita di radiazioni nell'atmosfera; 30 lavoratori rimasero uccisi subito, mentre si stima che il bilancio delle vittime a lungo termine per avvelenamento da radiazioni ammonti a migliaia.

I ricercatori affermano che la maggior parte dei cani che stanno studiando sembra discendere da animali domestici, che i residenti sono stati costretti a lasciare quando hanno evacuato l'area.

Mousseau lavora nella regione di Chernobyl dalla fine degli anni '90 e ha iniziato a raccogliere sangue dai cani intorno al 2017: alcuni dei cani vivono nella centrale elettrica, un ambiente industriale distopico, altri sono a circa 15 chilometri (9 miglia) o 45 chilometri (28 miglia) di distanza.

All'inizio, ha detto Ostrander, pensavano che i cani potessero essersi mescolati così tanto nel tempo che sarebbero stati più o meno gli stessi. 

Ma attraverso il DNA, potrebbero facilmente identificare i cani che vivono in aree ad alto, basso e medio livello di esposizione alle radiazioni.

"È stata una pietra miliare enorme per noi - ha detto Ostrander - e ciò che sorprende è che possiamo persino identificare le famiglie, circa 15 diverse".

Cosa fanno le radiazioni al DNA degli animali?

Ora i ricercatori possono iniziare a cercare alterazioni nel DNA: "Possiamo confrontarli e possiamo dire cosa è diverso, cosa è cambiato, cosa è mutato, cosa si è evoluto, cosa ti aiuta, cosa ti ferisce a livello di DNA", dice Ostrander.

Ciò comporterà la separazione dei cambiamenti del DNA non consequenziali da quelli intenzionali.

Gli scienziati hanno affermato che la ricerca potrebbe avere ampie applicazioni, fornendo approfondimenti su come gli animali e gli esseri umani possono vivere ora e in futuro nelle regioni del mondo sotto "continui attacchi ambientali" e nell'ambiente ad alta radiazione.

Il dottor Kari Ekenstedt, un veterinario che insegna alla Purdue University, non coinvolto nello studio, ha affermato che è un primo passo per rispondere a importanti domande su come l'esposizione costante a livelli più elevati di radiazioni influisca sui grandi mammiferi.

I ricercatori hanno già iniziato la ricerca, che significherà più tempo con i cani nel sito a circa 100 chilometri da Kiev.

PUBBLICITÀ

Mousseau ha detto che lui e i suoi colleghi sono stati lì lo scorso ottobre: la squadra si è avvicinata ad alcuni cani, senza notare attività legate alla guerra.

"Anche se sono selvaggi, apprezzano ancora molto l'interazione umana - ha detto - soprattutto quando c'è di mezzo il cibo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Anniversario Chernobyl: cosa fare in caso di incidente nucleare?

Turchia: ecco come post di Facebook, microchip e note vocali riuniscono gli animali ai proprietari

Un virus gigante potrebbe rallentare la fusione dei ghiacci artici