EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Kiev, il governo sfratta i monaci ortodossi

Il monastero di Pechersk Lavra a Kiev
Il monastero di Pechersk Lavra a Kiev Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Bernat Armangue/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I monaci ortodossi del monastero di Pechersk Lavra, a Kiev, sono stati sfrattati dal governo poiché sospettati di aver mantenuto legami con la Russia

PUBBLICITÀ

I monaci ortodossi del monastero Pechersk Lavra di Kiev, risalente all'Undicesimo secolo, sono stati sfrattati dal governo ucraino, poiché sospettati di intettenere relazioni con la Russia. L'antico complesso religioso dalle cupole dorate rappresenta il monastero ortodosso più importante del Paese. I monaci che lo abitano, fino a poco tempo fa erano sottoposti alla giurisdizione di Mosca.

I monaci negano di aver mantenuto legami con la Russia

Tuttavia, i religiosi affermano di aver interrotto le relazioni con la Chiesa ortodossa russa da quando il suo leader, il patriarca Kirill, aveva affermato di sostenere l'invasione militare voluta da Vladimir Putin. Il governo di Kiev, però, è rimasto diffidente.

"Da secoli - ha spiegato uno dei monaci - apparteniamo a questa chiesa, che ha la sua storia e il suo patriarca. Ora vogliono farci pasare per una sorta di agenti stranieri o per dei nemici. Ma non è vero, non è così. Questo è il nostro popolo, la nostra terra e il nostro monastero".

Il responsabile del monastero dichiara di non voler andare via

Nonostante numerose auto siano state viste uscire dal luogo di culto, il suo responsabile Pavlo Lebid è rimasto, assicurando di non avere alcuna intenzione di andare via, benché il contratto di locazione sia stato annullato.

L'Ucraina ha recentemente istituito una propria Chiesa ortodossa, che il Patriarcato di Mosca non riconosce.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pasqua ortodossa: l'attesa del sabato per celebrare la Resurrezione

La controffensiva ucraina nell'Est del Paese "non è lontana"

In Ucraina la guerra rende urgente la legalizzazione delle unioni civili tra omosessuali