EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Soledar e Bakhmut, il bilancio continua a salire

Funerale di un soldato ucraino.
Funerale di un soldato ucraino. Diritti d'autore Fotograma AP
Diritti d'autore Fotograma AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il funerale di un soldato ucraino, ucciso a Soledar e seppellito a Bucha, simboleggia le numerose morti su questi scenari di guerra.

PUBBLICITÀ

È morto a Soledar ed è stato seppellito a Bucha. La vita e la morte di questo soldato ucraino sono legate a due dei luoghi in cui si sono consumate le stragi più drammatiche dall’inizio della guerra in Ucraina.

Familiari e amici hanno dato l’ultimo saluto a Volodymyr Kerbut, soldato volontario di 46 anni, morto in battaglia a Soledar, la città della regione di Donetsk dove da giorni sono in corso violenti combattimenti tra Russi e Ucraini.

Una bara tra tante altre, perché le perdite non si contano più a Soledar, ultimo bastione di protezione per la città di Bakhmut, poco distante e che costituisce un obbiettivo cruciale a livello strategico e simbolico per le truppe di Mosca.

"La Verdun del 21esimo secolo"

Anche a Bakhmut le perdite sono innumerevoli, da entrambi i lati. Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, Bakhmut è diventata “la Verdun del 21esimo secolo”.

A soffrire sono soprattutto i civili. Centinaia di famiglie sono ancora rifugiate nei sotterranei della città, diventati dei rifugi anti-bomba.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, a Bakhmut si vive sottoterra per evitare le bombe

Ucraina: Mosca rivendica conquista Soledar, Kiev nega

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky