This content is not available in your region

Ecco le misure anticrisi della Germania

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Photo : Michael Kappeler (dpa via AP)

I cittadini e le imprese tedesche stanno subendo un forte aumento dei prezzi a causa dell'elevata dipendenza dalle forniture energetiche russe. Il governo tedesco cerca da settimane di elaborare un terzo pacchetto di aiuti per i suoi cittadini che ora è pronto.

Così Olaf Scholz, il cancelliere tedesco: "Si tratta di circa 65 miliardi di euro se si sommano tutti, sono circa 95 miliardi di euro se si includono i primi due pacchetti di aiuti".

Nello specifico vanno scremati gli eccessivi profitti sul mercato elettrico, la cosiddetta tassa sugli utili in eccesso, di cui si parla da settimane anche a livello europeo. Il Cancelliere ha parlato di molti miliardi che lo Stato vuole raccogliere e trasmettere alla gente per aiutarla ad affrontare le difficoltà.

Continua Olaf Scholz:  "Utilizzeremo i molti, molti, molti miliardi che raccogliamo nel processo per alleviare l'onere per i cittadini con un freno sul prezzo dell'elettricità che contribuirà a garantire che i cittadini possano anche utilizzare una fornitura di base di elettricità a prezzi più convenienti".

In dettaglio, ciò significa un tetto massimo di ricavi sul mercato elettrico per coloro che non devono pagare prezzi elevati del gas. Ciò riguarda principalmente i produttori di energia rinnovabile come centrali eoliche, solari e idroelettriche. Ma le centrali a carbone e nucleari producono anche meno delle centrali a gas che attualmente determinano l'alto prezzo di mercato.

Gli automobilisti tedeschi sperano in ulteriori sovvenzioni statali sui prezzi del carburante; non ci sono però piani per tassare i profitti delle multinazionali del petrolio per finanziarli.

Pensionati e studenti riceveranno un'indennità una tantum per l'energia di 300 euro e le tariffe standard per i bisognosi e gli assegni familiari verranno aumentati.

Continuerà anche l'iniziativa del biglietto da 9 euro; che tuttavia non costerà più 9 euro ma tra i 49 e i 69 euro al mese. Il ministro delle finanze Lindner sta ancora calcolando la cifra esatta.