This content is not available in your region

Mentre il prezzo del gas sale Macron cerca la riconciliazione con Algeri

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Anis Belghoul/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Visita ufficiale di tre giorni in Algeria per il capo dello stato francese Emmanuel Macron, che guida una delegazione di un centinaio di persone, tra cui sette ministri, manager di gruppi industriali e perfino un campione di pugilato.

Il viaggio del presidente francese nella ex colonia punta a rafforzare le relazioni bilaterali, segnate dalle incomprensioni legate alla guerra d'indipendenza e alle critiche del presidente francese che hanno causato una crisi diplomatica.

Il primo giorno, Emmanuel Macron ha deposto una corona di fiori al monumento ai martiri dell'Indipendenza.

Sono passati 60 anni da quando l'Algeria ha ottenuto l'indipendenza dalla Francia: il suo omologo algerino, Abdelmadjid Tebboune, che lo ha ricevuto all'aeroporto, auspica una ripresa delle relazioni bilaterali su un piano di parità.

Macron: "Noi non abbiamo scelto il nostro passato"

Il presidente francese ha annunciato ad Algeri l'istituzione di una commissione congiunta di storici algerini e francesi per studiare gli archivi sulla colonizzazione e la guerra in Algeria.

"Abbiamo un passato comune, complesso, doloroso, e abbiamo deciso insieme di creare una commissione mista di storici per guardare a tutto questo periodo storico "dall'inizio della colonizzazione fino al guerra di liberazione, senza tabù, con la volontà di avere pieno accesso ai nostri archivi", ha dichiarato Macron. "Non abbiamo scelto il nostro passato ma dobbiamo costruire il futuro per noi e per i giovani", ha aggiunto il presidente francese.

Per molti algerini, tuttavia, la visita di Macron è l'occasione per denunciare la crisi economica e la disoccupazione. 

Si tratta della seconda visita del presidente Macron in Algeria dopo quella del 2017, quando venne ricevuto dal suo omologo Bouteflika, padre padrone del paese costretto nel 2019 alle dimissioni dopo vent'anni passati al potere, e da allora il clima politico e diplomatico tra i due paesi è notevolmente peggiorato.

Oggi, molti residenti liquidano la tre giorni di Macron come una missione in nome degli interessi della Francia, per la quale il gas dell'Algeria potrebbe diventare essenziale,