Turchia: "La Germania non è più imparziale"

Da sinistra la ministra degli Esteri tedesca con il suo omologo turco
Da sinistra la ministra degli Esteri tedesca con il suo omologo turco Diritti d'autore Khalil Hamra/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Eloisa Covelli Agenzie:  Ap
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Incontro teso tra la ministra degli Esteri tedesca e il suo omologo a Istanbul

PUBBLICITÀ

Incontro teso quello tra la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, e il suo omologo turco MevlütÇavuşoğlu. La ministra si è recata in Turchia dopo la visita in Grecia, due partner Nato tra cui non scorre buon sangue. Tra le altre cose Baerbock ha ricordato alla Turchia della necessità di liberare l'attivista Osman Kavala, in prigione con l'accusa di cospirazione verso Erdogan.

AP/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved
Osman KavalaAP/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved

"Ci sono tantissime sentenze che devono essere eseguite. Eppure Lei è appena tornata dalla Grecia e a loro non ha detto nulla, perché qui da noi ha tirato fuori la questione di Osman Kavala? Perché lo state usando contro la Turchia, lo state finanziando voi. Sappiamo quanto ci sia la vostra mano dietro alle proteste anti-governative del 2013", dice il ministro turco

È mio dovere come ministro degli Esteri rispettare e difendere le decisioni della Corte europea dei diritti dell'uomo senza nessuna eccezione. Quindi chiedere il rilascio di Osman Kavala, ordinato dalla Corte europea, fa parte dei miei doveri
Annalena Baerbock
ministra degli Esteri tedesca

La Turchia rimprovera al nuovo governo tedesco di non essere bilanciato come lo era Angela Merkel e di propendere per la Grecia nelle numerose questioni che li contrappongono: dalla sovranità sulle isole greche, alla zona economica esclusiva fino alla questione cipriota.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Via dalla Turchia. Medici, infermieri e sanitari stanno lasciando il paese

Nato: la Turchia leva il veto per l'ingresso di Svezia e Finlandia

Il re degli stretti vuole porsi da paciere nella guerra