Speculazioni, affitti alle stelle e sfratti: la crisi degli alloggi a Lisbona

Speculazioni, affitti alle stelle e sfratti: la crisi degli alloggi a Lisbona
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Julian GOMEZ
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli investimenti dall'estero hanno generato un boom dell'edilizia e l'impennata degli affitti: sono sempre più i residenti costretti a lasciare i quartieri del centro perché non riescono a far fronte all'aumento dei prezzi

PUBBLICITÀ

Si possono conservare 86 anni di vita in una stanza di 10 metri quadrati? Nazaré Jorge, una pensionata di Lisbona, lo ha dovuto fare. Negli ultimi tre anni ha vissuto in una minuscola stanza messa a disposizione gratuitamente dal Comune di Lisbona. Non potendo più pagare l'affitto dell'appartamento che aveva condiviso con sua zia per quattro decenni, nel 2019 è stata sfrattata. È stata scortata fuori dall'appartamento dalla polizia e trasferita nella stanza che ora è casa sua.

Nella stanza non ci sono armadi, quindi vestiti, medicinali, foto e tutti i tuoi effetti personali sono imballati in sacchetti di plastica sparsi sul letto. Ha trascorso il giorno del suo 84° compleanno chiedendo un altro alloggio davanti al ministero portoghese delle Infrastrutture e dell'Edilizia abitativa. In una calda mattina di giugno ho passato tre ore con lei e ascoltato la sua storia.

Poche settimane prima avevo iniziato a lavorare a una storia sulla crisi degli alloggi a Lisbona. Il mercato immobiliare portoghese, quello della capitale in particolare, è considerato dagli analisti "uno dei più dinamici d'Europa". Ma tutto questo ha un costo umano. I programmi per attrarre investimenti esteri hanno generato un boom di investimenti nell'edilizia e un'impennata del numero di alloggi turistici. Prezzi e affitti sono alle stelle. L'aumento del costo degli affitti costringe alcuni residenti, come Nazaré, ad andarsene.

Abbiamo contattato Nazaré con l'aiuto della ong "Stop Despejos" (Stop agli sfratti), che insieme ad un'altra ong, "Habita!", ci ha fornito i punti di vista di coloro che stanno soffrendo la situazione. Con mia sorpresa anche il centro associativo che ospita "Habita!" è minacciato di sfratto, perché il proprietario si è rifiutato di prolungare il contratto di locazione senza spiegare perché. Entrambe le ong incolpano della situazione la speculazione dilagante, gli affitti non regolamentati e l'immobilismo della politica.

In cerca di risposte ho incontrato Filipa Roseta, assessore all'Edilizia abitativa della città. Il Comune di Lisbona è considerato il più grande proprietario immobiliare del Portogallo. Dispone di 25.000 alloggi sociali. La maggior parte vengono ridistribuiti alle persone bisognose, ma non tutti. Il Consiglio comunale è in prima linea nella crisi e nella critica. Roseta ha pazientemente risposto a tutte le mie domande, confutando con veemenza alcune delle accuse e informandomi delle azioni che il comune sta compiendo per limitare le sofferenze dei cittadini, incluso in alcuni casi un aiuto per pagare gli affitti.

Dopo l'intervista mi ha detto che doveva andare alla cerimonia di inaugurazione per una nuova promozione di 70 alloggi sociali prevista per il pomeriggio. Così sono andato con lei e ho scoperto che c'erano anche il sindaco di Lisbona e persino il ministro portoghese delle Infrastrutture e dell'Edilizia abitativa. Per coincidenza, l'intera ripresa del servizio è stata effettuata durante le Festas de Lisboa, un momento molto speciale per la città, che ha fornito un contesto colorato, potente e significativo alla nostra storia sulla crisi abitativa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Pronte nuove regole europee per gli affitti brevi

Portogallo, i giovani votano destra: il peso del partito Chega! verso le elezioni europee

Portogallo: si insedia il nuovo governo di centrodestra, ma la maggioranza è minima