This content is not available in your region

La Pasqua ortodossa in tempo di guerra

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
La chiesa di Lukashivka, nel nord dell'Ucraina.
La chiesa di Lukashivka, nel nord dell'Ucraina.   -   Diritti d'autore  Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

In occasione della Pasqua ortodossa, Vladimir Putin ha assistito alla veglia pasquale celebrata dal patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill nella cattedrale di Mosca. Putin partecipa regolarmente alle principali celebrazioni religiose, a Natale in chiese fuori Mosca e a Pasqua nella cattedrale di Cristo Salvatore.

Nonostante gli sforzi del Cremlino per dare un'impressione di normalità, quest'anno la Pasqua non è serena per molti fedeli russi, come ci dice Yelena, abitante di Mosca. "Preghiamo per un futuro migliore, per la pace. Speriamo che tutte le guerre si fermino, e che tutti possano essere vivi e felici", dichiara la donna. "Penso che questo giorno sia un raggio di luce, perchè la speranza non muore mai".

Nessuna messa nei villaggi colpiti dai missili

A Lukashivka, invece, non ci sarà nessuna messa questa Pasqua. La chiesa di questo villaggio del nord dell'Ucraina è distrutta, restano solo macerie annerite dal fumo. "La chiesa è stata costruita nel 1913 e ci sono sempre state delle bellissime messe", racconta Olena, abitante di Lukashivka. "Ora non sappiamo come andrà a finire". 

Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
La chiesa di Lukashivka, nel nord dell'Ucraina.Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
La chiesa di Lukashivka, nel nord dell'Ucraina.Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
L'interno della chiesa di Lukashivka, nel nord dell'Ucraina.Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Mantenere una parvenza di normalità, nonostante la guerra

Nonostante la guerra e le distruzioni, alcuni cercano di mantenere le vecchie tradizioni. Una nonna di Chernihiv ha preparato il tradizionale dolce ortodosso di Pasqua tra le macerie della sua casa.

Anche gli Ucraini che hanno dovuto lasciare le loro città cercano a tutti i costi di mantenere una parvenza di normalità. A Leopoli, nell'ovest del Paese, alcune associazioni organizzano sessioni di cucina per preparare un cestino di Pasqua ai soldati che combattono al fronte.