This content is not available in your region

La nuova realtà politica portoghese: la maggioranza assoluta dei socialisti

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
António Costa dopo il successo del PS alle elezioni anticipate portoghesi
António Costa dopo il successo del PS alle elezioni anticipate portoghesi   -   Diritti d'autore  Armando Franca/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Il sole splende per i socialisti portoghesi, dopo la loro clamorosa vittoria alle elezioni anticipate di domenica. Il partito del Primo Ministro, António Costa, ha ottenuto 117 seggi sui 230 disponibili in parlamento e governerà con un'inaspettata maggioranza.

"Questa è la vittoria del buon senso e la continuità delle politiche che ci hanno portato dove siamo. Voglio credere che questo sarà un altro passo avanti verso una ripresa economica e sociale post pandemia", spiega un residente di Lisbona. "Io ho votato per il PSD, il partito di centrodestra. Pensavo che i socialisti avrebbero vinto, ma non avrei mai immaginato che avrebbero avuto una tale maggioranza", dice un altro uomo. "Mi dispiace che l'estrema destra abbia ottenuto tanti seggi, per il resto la vittoria del Partito Socialista era abbastanza prevedibile", dichiara una donna.

Gli ultimi sondaggi suggerivano che i socialisti erano in parità con i conservatori del Partito Social Democratico, arrivato secondo con 76 seggi. 

Costa ha mano libera per gestire il Recovery Fund, ma ha già avuto comunque contatti con tutti i partiti, tranne l'estrema destra. "La maggioranza assoluta non significa avere il potere assoluto", ha dicharato dop la vittoria Costa. "Non significa governare da soli. È una maggiore responsabilità: bisogna governare con e per tutto il popolo portoghese".

Dalle urne sono usciti perdenti sia l'opposizione del PSD che gli ex partner del governo socialista. Mentre sorride Chega, il partito di estrema destra, diventato la terza forza politica del Paese.