EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La Svizzera fa i conti con la variante Omicron

La Svizzera fa i conti con la variante Omicron
Diritti d'autore SRF
Diritti d'autore SRF
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da lunedì in vigore la cosiddetta regola delle "2G" (vaccinati o guariti) per i locali pubblici

PUBBLICITÀ

La Svizzera è nel pieno della quinta ondata di coronavirus: la variante Omicron si sta diffondendo rapidamente, la mutazione è già rilevabile nel 10-20 percento delle nuove infezioni.

Nella sola Ginevra i casi sono aumentati esponenzialmente in una settimana, passando da zero al 20 percento. Le autorità mettono in guardia la popolazione.

"Dobbiamo prepararci a far fronte a un gran numero di infezioni in brevissimo tempo", ha detto Patrick Mathys, responsabile della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale presso l'Ufficio federale della sanità pubblica.

Il tasso di vaccinazione relativamente basso del 67 percento è motivo di preoccupazione. Sebbene i casi di variante Delta stiamo diminuendo, la Omicron è in forte aumento.

"A causa dell’elevato numero di persone infette previsto, la pressione sugli ospedali aumenterà probabilmente in modo significativo nelle prossime settimane", ha spiegato Mathys.

Da lunedì in Svizzera è in vigore il cosiddetto regime delle “2G” per l'accesso ai locali pubblici solo a vaccinati o guariti (geimpft und genesen): se queste misure non si dimostreranno sufficienti, la chiusura sarà il prossimo passo.

Per approfondire

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Test e vaccini, la ricetta americana per debellare l'insidiosa Omicron

Omicron tiene in scacco il Natale degli europei

Montagna, trovati i corpi di cinque sciatori svizzeri dispersi sul Cervino