EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Bielorussia: condanna a 18 anni di carcere per Sergei Tikhanovsky, oppositore di Lukashenko

Svetlana Tikhanovskaya durante l'intervista.
Svetlana Tikhanovskaya durante l'intervista. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Minsk, dura condanna per Tikhanovsky: 18 anni di carcere per il marito di Svetlana Tikhanovskaya, accusato di aver organizzato rivolte e incitato alla violenza. Nostra intervista alla leader dell'opposizione bielorussa in esilio

PUBBLICITÀ

Sergei Tikhanovsky, 43 anni, leader bielorusso dell’opposizione al presidente Alexander Lukashenko, è stato condannato a 18 anni di carcere.

Era imputato di quattro capi d’accusa, tra cui avere organizzato rivolte di massa, incitato alla violenza e ostacolato lo svolgimento delle elezioni dell’agosto del 2020.

Dopo il suo arresto, la moglie Svetlana Tikhanovskaya si era candidata alle presidenziali, vinte da Lukashenko, con l'accusa di brogli.

"Continuerò a difendere la persona che amo e che è diventata un leader per milioni di bielorussi".
Svetlana Tikhanovskaya
39 anni, Leader dell'opposizione bielorussa

"Continuerò a difendere la persona che amo e che è diventata un leader per milioni di bielorussi. Cercherò di fare qualcosa di molto difficile - forse impossibile - per avvicinare il momento in cui ci vedremo in una nuova Bielorussia", ha detto Tikhanovskaya.

"Qualcosa si è rotto dentro di me"

Svetlana Tikhanovskaya è stata intervistata, a Bruxelles, dove si trova, dalla corrispondente di Euronews, Shona Murray.

"Sapevo che sarebbe stata una sentenza molto dura, ma non si può essere preparati a una cosa del genere. Ero ad una riunione, quando uno dei miei assistenti mi ha detto "18 anni" e ho capito tutto. Non potevo scoppiare a piangere, perché dovevo continuare la riunione, ma naturalmente qualcosa si è rotto dentro di me".

Sergei Grits/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Svetlana Tikhanovskaya durante la campagna elettorale in Bielorussia dell'estate 2020.Sergei Grits/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

"Una vendetta contro di me e contro mio marito"

Continua Svetlana Tikhanovskaya: 
"È difficile immaginare, è impossibile immaginare questo numero, diciotto anni, perché è la pena più lunga che una persona abbia avuto come prigioniero politico. E penso che sia una vendetta personale su mio marito per essere riuscito a organizzare la gente intorno a sè e a sollevare i bielorussi. E forse è una vendetta anche contro di me".

Sergei Tikhanovsky, blogger e youtuber notissimo in Bielorussia, era stato arrestato nel maggio del 2020 per una protesta organizzata nel dicembre 2019 a Minsk.

Dopo le elezioni e la conferma di Lukashenko, al potere da quasi 28, per mesi i cittadini bielorussi sono scesi in piazza contro il regime e la repressione.
Ma - finora - nulla è cambiato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La leader dell'opposizione bielorussa Tikhanovskaya: "Non dialogate con il regime di Minsk"

In visita a Londra da Johnson, Svetlana Tikhanovskaya: "Il regime non si ferma davanti a niente"

Bielorussia, oppositori e media celebrano la Giornata della Libertà