ULTIM'ORA
This content is not available in your region

In visita a Londra da Johnson, Svetlana Tikhanovskaya: "Il regime non si ferma davanti a niente"

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews - Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
In visita a Londra da Johnson, Svetlana Tikhanovskaya: "Il regime non si ferma davanti a niente"
Diritti d'autore  Dan Kitwood/2021 Getty Images
Dimensioni di testo Aa Aa

Svetlana Tikhanovskaya arriva a piedi al numero 10 di Downing Street.

Qui l'aspetta il premier inglese Boris Johnson: si tratta di un altro incontro importante per la 38enne leader dell'opposizione bielorussa, un altro passo verso la legittimazione del suo ruolo di anti-Lukashenko da parte della comunità internazionale.

Sulla morte dell'attivista bielorusso Vitaly Shisov, trovato impiccato in un parco di Kiev, Svetlana Tikhanovskaya commenta:
"Direi che è stato un assassinio, ma non posso dirlo senza i risultati di un'indagine".

Vitaly Shisov era il leader dell'Ong "Belarusian House in Ukraine" (BDU), che si occupava di rifiutati bielorussi in Ucraina.

Continua Svetlana Tikhanovskaya:
"Tutti i nostri connazionali che sono in Bielorussia e quelli che vivono in esilio devono prendersi cura di loro stessi, perché vediamo che il regime non si ferma davanti a nulla, quando decide di bloccare ulteriormente la nostra libertà".

Alastair Grant/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
"Cari connazionali bielorussi, in patria o all'estero: fate attenzione!"Alastair Grant/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

Il corrispondente da Londra per Euronews, Tadhg Enright, spiega:
"La visita qui a Londra è l'ultima tappa di un tour diplomatico che ha portato Svetlana Tikhanouskaya a Parigi, Berlino e Washington. Ma la situazione dell'opposizione bielorussa sembra peggiorare. Ci sono sospetti sul regime di Alexander Lukashenko per la morte dell'attivista Vitaly Shisov e per la fuga dalle Olimpiadi dell'atleta bielorussa Krystina Tsimanouskaya, che ha trovato rifugio nell'ambasciata polacca a Tokyo dopo che gli 007 di Minsk hanno cercato di costringerla a tornare a casa, con le buone o le cattive, per le critiche espresse ai dirigenti sportivi.

"Noi siamo al fianco dell'opposizione bielorussa".
Boris Johnson
Primo ministro Regno Unito

Dopo il caso, a maggio, del giornalista Roman Protasevich, rapito su un volo di linea Ryanair dirottato a Minsk, Boris Johnson aveva avvertito Lukashenko: le sue azioni avrebbero avuto gravi conseguenze. Ma lo Zar della Bielorussia sembra non essere molto preoccupato.