EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Marzouk e il cimitero dei migranti senza nome

Il cimitero dei "migranti senza nome", dove Marzouk seppellisce i cadaveri restituiti dal mare
Il cimitero dei "migranti senza nome", dove Marzouk seppellisce i cadaveri restituiti dal mare Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Oltre 10 anni a regalare una sepoltura ai cadaveri dei migranti restituiti dal mare in Tunisia e poi Marzouk trova una lettera della moglie: "Per riportare i nipotini alla mamma, sono partita anch'io". Il dramma di un pescatore alle prese con la stretta francese sui visti dai paesi del Maghreb

PUBBLICITÀ

Oltre dieci anni a regalare una degna sepoltura ai cadaveri dei migranti restituiti dal mare e poi Marzouk si è trovato catapultato nello stesso incubo, che prova a scacciare, da volontario della Red Crescent tunisina. "Avevo dormito fuori, sotto il portico quella notte - racconta -. Al risveglio ho trovato una lettera e un messaggio di mia moglie che dicevano: Non mi resta altra soluzione, che prendere il mare". 

"Ho temuto che un giorno il mare mi restituisse i loro cadaveri"
Marzouk Chamseddine
pescatore tunisino e volontario della Red Crescent

A spingere la moglie a questa scelta estrema, i vani tentativi della figlia, emigrata illegalmente in Francia nel 2016, di ottenere il ricongiungimento con i figli di 2 e 5 anni, che aveva lasciato in Tunisia. "Per giorni mi sono trovato a vivere lo stesso orrore che provavo a combattere - racconta ancora Marzouk -. Il timore che il mare mi restituisse i loro cadaveri. Poi mi hanno fatto sapere che erano arrivati sani e salvi". 

AP Photo
La lettera lasciata dalla moglie di Marzouk: "Tento anch'io di raggiungere l'Europa in mare. Per riportare i nipotini alla mamma, non mi resta altra scelta"AP Photo

Marzouk racconta in particolare del fallimento di ogni tentativo di ottenere un visto perché la moglie e i nipotini potessero recarsi legalmente in Francia. Del 30% per i cittadini tunisini e del 50% per quelli algerini e marocchini, la riduzione dei visti, annunciata a settembre da Parigi. Una politica che secondo diverse ONG alimenta il ricorso a soluzioni disperate come quella tentata dalla moglie di Marzouk. 1.200, secondo stime ONU, le persone che nel 2021 hanno perso la vita, tentando la traversata illegale del Mediterraneo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti bloccati nel deserto, accordo tra Tunisia e Libia

Meloni-von der Leyen-Rutte: missione a Tunisi per l'accordo sui migranti

Maltempo: in Francia e Belgio case allagate e auto sommerse