This content is not available in your region

Ungheria, la battaglia dell'opposizione all'impero di Orbán

Access to the comments Commenti
Di Gábor Tanács  & Euronews
euronews_icons_loading
Ungheria, la battaglia dell'opposizione all'impero di Orbán
Diritti d'autore  euronews

Con grande sorpresa, un sindaco apartitico di una piccola città è stato scelto per sfidare Viktor Orbán alle elezioni parlamentari del 2022 in Ungheria.

Nelle prime elezioni primarie ungheresi in assoluto, Péter Márki-Zay, sindaco di Hódmezővásárhely, ha vinto contro candidati come il primo cittadino di Budapest e la vice presidente del Parlamento europeo.

Padre di sette figli, si definisce di destra, conservatore e cattolico praticante, Márki-Zay è diventato il candidato di un'alleanza di partiti molto ampia, composta da forze politiche di destra, sinistra, liberali e verdi. Una coalizione resa necessaria dalla legge elettorale approvata da Fidesz.

Euronews lo ha intervistato.

Ci chiedevamo, cosa significa il nastro blu che lei e i suoi sostenitori indossate?

"È il nastro blu della responsabilità e della lotta alla corruzione. Crediamo che il più grande problema, negli ultimi 30 anni, è che l'Ungheria sia diventata un Paese senza prospettive. In un'elezione, qui, la vera domanda il più delle volte è chi ruberà e quanto. Noi vogliamo che dopo il voto nessuno sia più nelle condizioni di rubare, che la corruzione sia eliminata. Vogliamo un Paese nel quale la corruzione sia combattuta".

Una maggioranza da conquistare

Questo può essere fatto nei limiti dello stato di diritto, con una maggioranza semplice in Parlamento?

"Si può fare con lo stato di diritto. Infatti, l'Ungheria sarà uno stato di diritto solo se lo perseguiamo. Naturalmente, noi non consideriamo la situazione attuale nei limiti dello stato di diritto. Abbiamo un procuratore generale che non combatte la corruzione ma copre i criminali, un procuratore generale che si è trincerato al potere, e proprio la settimana scorsa un emendamento alla legge ha ulteriormente rafforzato tutto questo. Certamente, consideriamo la sua nomina illegittima poiché è servita a mantenere Fidesz al potere. Anche secondo l'attuale costituzione ungherese, per non parlare della vecchia costituzione, la ricerca del potere esclusivo è incostituzionale".

In realtà, lei sta dicendo che questa costituzione può essere invalidata, in qualche modo, anche nel caso voi otteneste solo una maggioranza semplice in parlamento. In questo modo, secondo molti, si potrebbe arrivare a una situazione di guerra civile. Non è preoccupato di questo e qual è la sua risposta a queste inquietudini?

"Prima di tutto, se qualcosa è legale o illegale non ha niente a che fare con la guerra civile perché, quando Fidesz ha violato la democrazia ungherese e ha fatto deragliare lo stato di diritto in Ungheria, non c'era nessuna guerra civile. Una minaccia di guerra civile non può essere l'oggetto della discussione che dobbiamo avere sullo stato di diritto. E, naturalmente, nessuno vuole scavalcare le regole della maggioranza dei due terzi (costituzionale) con una maggioranza semplice. Bisogna semplicemente dichiarare quello che una Corte costituzionale composta interamente da nominati da Fidesz ha in qualche modo dimenticato di dire, e cioè che le leggi approvate di recente non sono legittime".

Si parla molto di maggioranza semplice e di maggioranza costituzionale, in relazione alle elezioni in Ungheria.
Maggioranza semplice è metà + 1 voto: è considerata difficile ma fattibile per l'opposizione.
Maggiornaza costituzionale è quella dei 2/3, valutata come un traguardo impossibile.
Orbán ha avuto la maggioranza dei 2/3, la maggioranza costituzionale, e così ha potuto riscrivere la costituzione: ora controlla tutte le posizioni importanti nello Stato ungherese attraverso i suoi nominati. L'opposizione sta valutando di aggirare la maggioranza dei 2/3, ma sarebbe in un certo senso una violazione della continuità giuridica ungherese.

Ungheria, un Paese spaccato

L'Ungheria è ancora abbastanza divisa su questa questione e, se metà del paese è chiamato in piazza, questo non causerebbe più problemi di quelli che ci sono già?

"Se qualcuno mi chiede questo significa che non dobbiamo ripristinare la libertà di stampa, ripristinare la democrazia, rimpiazzare i ladri? Il fatto che qualcuno abbia paura che Fidesz voglia rimanere al potere con mezzi violenti non dovrebbe essere una ragione per accettare un potere completamente illegittimo in Ungheria".

L'opposizione eterogenea guidata da Péter Márki-Zay

Lei non vede alcuna difficoltà nel fatto che la stragrande maggioranza dei suoi elettori siano persone di sinistra, liberali, mentre lei è un dichiarato politico conservatore di destra. Come può tenere insieme questa alleanza fino alle elezioni?

"L'innovazione più importante è proprio questa. Sono riuscito a vincere a Hódmezővásárhely e la maggior parte dei miei sostenitori sono persone di sinistra: hanno accettato e sperimentato più volte che, con l'appoggio di tutta l'opposizione, possiamo presentare qualcuno che offra un'alternativa accettabile e credibile anche a quelli di destra e agli ex elettori di Fidesz. Possiamo sconfiggere Fidesz".

Politica migratoria, cosa cambia con l'opposizione

Una delle questioni europee e internazionali per Viktor Orbán è la migrazione e il rifiuto di una politica migratoria comune. Qual è la sua posizione su questo tema?

"Fidesz cerca spesso di screditare i suoi oppositori e di farne il bersaglio dell'odio, dicendo che vogliono accogliere i migranti indscriminatamente. Il che chiaramente non è vero. Ora i partiti dell'opposizione sono d'accordo che la recinzione di confine sarà mantenuta. La recinzione è uno strumento legittimo per controllare l'immigrazione illegale. Nonostante le campagne di odio di Viktor Orbán contro i migranti - che è chiaramente qualcosa che dobbiamo rifiutare - lo stesso Orbán ha aumentato il numero ammesso molto rapidamente. In Ungheria il numero di migranti, con questo governo, è cresciuto più velocemente: solo nel 2019 sono stati concessi permessi di residenza a 55.000 extracomunitari. Ma è particolarmente oltraggioso per noi, e il nuovo governo dovrà affrontare la questione, che la cerchia di Orbán e Antal Rogán (il ministro responsabile della comunicazione, uno dei più stretti collaboratori di Orbán) abbia concesso permessi di residenza a 20.000 migranti con uno schema di vincoli di reinsediamento, compresi alcuni terroristi islamici o criminali ricercati a livello internazionale. Le pratiche che Orbán ha portato avanti devono essere fermate e cambiate nei due sensi: niente campagne d'odio, niente condizioni disumane per le persone e le famiglie per qualsiasi motivo, ma allo stesso tempo i criminali e i terroristi che Orban ha accolto devono essere allontanati dal Paese e dalla Ue.

Le relazioni internazionali

Come si relazionerebbe con la Cina e la Russia?

"Da un lato con l'amicizia e la fratellanza, non c'è dubbio su questo. Dall'altro è anche evidente che, a tutti gli effetti, i Paesi occidentali o gli Stati Uniti hanno relazioni commerciali con questi Cina e Russia. La grande differenza è che, in questo caso, nelle relazioni commerciali, vengono perseguiti i rispettivi interessi nazionali, mentre Viktor Orbán pensa solo al suo interesse personale e tradisce il suo Paese e l'Unione europea. Ciò di cui abbiamo bisogno è un leader onesto e integro, non solo per questo Paese, ma anche per l'Unione europea: un leader che non tradirà l'Ue e la Nato per amore di Putin".

La corsa da outsider

Si possono vedere altre storie politiche simili nella regione: si può parlare di Klaus Iohannis che è diventato il presidente rumeno da outsider, il primo ministro slovacco ha anche una storia simile. Ma si potrebbe dire Emmanuel Macron, che ha conquistato la scena politica in Francia. Sta seguendo qualcuno di questi e ce n'è qualcuno che vede come un modello?

"Li seguiamo tutti, e siamo estremamente orgogliosi quando un leader corrotto cade in qualsiasi Paese d'Europa. Ma bisogna considerare che nessuno di questi esempi è nato in un regime autoritario come quello di Orbán, dove la libertà di stampa è stata praticamente eliminata, dove il potere giudiziario è completamente subordinato ai fini politici e dove, per esempio, una legge elettorale può essere riscritta in un giorno. E, continuando, un Paese dove un solo partito ha approvato la normativa elettorale e la costituzione, quel solo partito ha rappresentanti nella Corte costituzionale o nel Consiglio dei media. Quello che stiamo vedendo è così autoritario, così costruito su campagne propagandistiche di odio: sarà davvero difficile vincere, qui".